KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

Moto.it alla Dakar con Franco Picco: la preparazione della Y

Le Rally...

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Moto.it alla Dakar con Franco Picco: la preparazione della Y

Messaggio » 07/12/2012, 15:27

Moto.it alla Dakar con Franco Picco: la preparazione della Yamaha WR450F
Terza puntata della nostra avventura al seguito del campione vicentino e dei tre fortunati piloti che correranno la Dakar 2013 sotto la sua ala protettiva. Analizziamo la preparazione della Yamaha WR450F con cui la compagine affronta la classica sudamericana


Immagine

Moto.it alla Dakar con Franco Picco: la preparazione della Yamaha WR450F
C'è chi crede che per correre la Dakar sia necessario un prototipo ufficiale. Allo stesso modo, c'è probabilmente anche chi (molti meno, supponiamo) pensa che basti una moto completamente di serie. Se un pilota non punta al podio, ma solo a partecipare nel più puro spirito della gara-avventura, la verità come in molte occasioni sta nel mezzo. Nel senso che basta una preparazione pensata e realizzata sulla base di esperienza e razionalità per migliorare un mezzo - come la Yamaha WR450F - nato per l'enduro racing e adattarlo all'uso estremo della Dakar.

Il motore
Iniziamo dal motore, che non viene toccato nelle sue componenti interne ma solo adattato all'impiego attraverso l'adozione di uno scarico dal diverso andamento (basso, più favorevole nella distribuzione dei pesi e capace di lasciare molto più spazio ai grandi serbatoi, anteriore e posteriore, impiegati nei rally) e la ricollocazione del filtro aria in alto, sotto la sella, per ridurne l'accessibilità a polvere e quant'altro.

Immagine
I dettagli della "nostra" moto sono stati ammirati a EICMA 2012 da numerosi appassionati

La protezione di tutte le componenti è fondamentale: in quest'ottica viene montata una piastra paramotore maggiorata in alluminio (sotto cui si trova anche la riserva obbligatoria di acqua potabile del pilota), e tutte le componenti critiche vengono riposizionate per ridurne l'esposizione a urti e sassi. Gran parte dell'impianto elettrico trova posto dietro al cupolino, sul telaietto in alluminio ricavato dal pieno che ospita la strumentazione di gara, con road-book e trip master; la pompa della benzina viene spostata dentro al serbatoio della benzina. Tutto l'impianto viene sigillato e impermeabilizzato per proteggerlo dall'acqua.

L'impiego particolarmente impegnativo rende critico l'impianto di raffreddamento, che vede la sua efficienza migliorata da un radiatore a portata maggiorata, pompa a maggior pressione e termostato sigillato. Completa il quadro la ventola di raffreddamento con controllo remoto, per poterla azionare a prescindere dal termostato nei momenti di maggior stress per il propulsore.

La ciclistica
La ciclistica viene adeguata attraverso l'adozione di un comparto elastico completamente Ohlins: la forcella viene modificata attraverso un kit molle e cartucce, mentre monoammortizzatore e ammortizzatore di sterzo rotativo vengono sostituiti tout court. Le sospensioni vengono naturalmente tarate su misura per ciascuno dei piloti. L'impianto frenante viene modificato nei dischi e nei raccordi idraulici. Il cavalletto è stato dotato di appoggio surdimensionato per garantire l'appoggio anche su terreni sabbiosi.

Immagine
Fondamentale la presenza dell'ammortizzatore di sterzo sui tratti veloci

Le sovrastrutture, su una moto da rally, sono parte integrante della preparazione dovendo svolgere un ruolo funzionale oltre che estetico o protettivo. Parliamo dei serbatoi - come potete vedere nelle foto, quello principale viene "esteso" fino alla parte inferiore del telaio, ed integrato con uno posteriore collegato attraverso una pompa. La moto deve anche prevedere un serbatoio per l'acqua potabile: il regolamento impone tre litri per pilota.

Da notare il portatarga/reggifaro in fibra di carbonio per maggior leggerezza. Importantissimo invece quello che potrebbe sembrare un vezzo: il faro posteriore a LED, che garantisce un consumo d'energia ridotto al minimo. Alla Dakar ogni dettaglio conta!

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

fonte moto.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Moto.it alla Dakar con Franco Picco: la preparazione del

Messaggio » 07/12/2012, 15:29

L'esperienza di Picco si vede tutta ....
cura maniacale per ogni piccolo dettaglio :clap: :clap:
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

ebano
Avatar utente
 
Messaggi: 495
Iscritto il: 06/08/2011, 12:19
Località: Modica (RG)

R: Moto.it alla Dakar con Franco Picco: la preparazione dell

Messaggio » 08/12/2012, 19:22

Bava alla bocca

Inviato dal mio GT-I9100 con Tapatalk 2

tricker250
Avatar utente
 
Messaggi: 87
Iscritto il: 13/02/2012, 12:12
Località: Alba

Re: Moto.it alla Dakar con Franco Picco: la preparazione del

Messaggio » 10/12/2012, 9:01

beh!!! :sobno: :sobno: :sobno:

io personalmente la trovo orrenda


Torna a Regine del Deserto!!

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Bing [Bot], bruskio, carcagas, chimera, Edoard, Gerko, Giansail, Giolli Joker, Google [Bot], jonny be good, Lordenzo1975, Majestic-12 [Bot], MotoRambo, neeko72, roccolc4, stew, Tose, Yahoo [Bot]

SEO Search Tags

mattia_picco@yahoo.it mail      ktm 990 preparazione dakar      preparazione yamaha picco      preparazione rally yamaha 2012 picco