KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

La Ossa torna dopo quasi trent'anni!

Tutto... proprio tutto quello che non ha sezioni dedicate.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

La Ossa torna dopo quasi trent'anni!

Messaggioda jenk » 4 nov 2009, 0:18

Lo storico Marchio spagnolo ricomparirà al prossimo Eicma sul serbatoio di una moto da trial che si preannuncia "rivoluzionaria": la TR-i 280

I trialisti dai capelli ingrigiti saranno certamente lieti di di ritrovare al prossimo Eicma di Milano (dal 10 al 15 Novembre) lo storico marchio spagnolo Ossa, molto famoso negli negli anni settanta specialmente per le sue moto da trial, che combattevano alla pari con le Bultaco e le Montesa sui campi di gara a livello mondiale. Citiamo in particolare la più celebre: la mitica MAR 250, ovvero la "Mick Andrews Replica" identica alla moto che nel biennio 1971/72 vinse il Campionato Europeo (solo nel '75 sarebbe diventato Mondiale) grazie al celebre campione inglese, vincitore anche di ben 6 edizioni della prestigiosa Scottish Six Days Trial.
Il rinato marchio spagnolo comparirà su un prototipo, definito "rivoluzionario" per via delle sue innovazioni tecniche, la cui sigla è TR-i 280. Com'è arguibile, e forse anche logico, si tratta di una moto da trial, verosimilmente con motore a iniezione.

Un po' di storia...non fa mai male
Ma il marchio Ossa - acronimo di Orpheo Sincronic Sociedad Anónima - non è stato soltanto sinonimo di trial, nel corso della sua storia durata una sessantina d'anni, che val la pena di riassumere. L'azienda nacque infatti a Barcellona nel 1924 come produttrice di dispositivi audio per il cinema muto e, più avanti, di ottimi proiettori cinematografici, grazie alla passione cinefila di Manuel Giro, un giovanotto appassionato anche di velocità sull'acqua - ove ottenne anche alcuni record - e più tardi, anche su strada, ove corse con una Norton 500 per poi dedicarsi ai sidecar. Già progettista di performanti motori fuoribordo, Giro si dedicò anche ai motori da moto, realizzando un bel monocilindrico a due tempi da 125 cc, del quale curiosamente vendette il progetto alla Montesa, che ne fece la sua bandiera.
Passata la burrasca della Guerra Civile spagnola e del secondo conflitto mondiale, nel 1949, nacque la prima motocicletta Ossa, una 125 economica con cambio a tre marce da 75 km/h, della quale furono venduti ben 14.000 pezzi. Era il primo di una lunga serie di modelli, tra cui un incredibile cinquantino capace di percorrere ben 80 chilometri con un litro di benzina. Nel frattempo, a Manuel Giro si era affiancato il giovanissimo figlio Eduardo, un vero genietto che a soli quindici anni progettò e realizzò un motore da 15.000 giri! Fu con lui che Ossa iniziò ad allargare i suoi orizzonti anche verso i mercati esteri, e verso le competizioni ad alto livello. Come la celebre "24 Ore di Barcellona", che si correva sulle colline del Montjuich (ove attualmente si trova il villaggio olimpico), dove la Casa spagnola si presentò con due prototipi monocilindrici da 175 cc (sempre a due tempi) che, in barba allo scetticismo generale, centrarono un'incredibile doppietta massacrando letteralmente le ben più quotate Bultaco (di proprietà di Don Francisco Bultò, nonno di Sete Gibernau) e Montesa, che vennero addirittura doppiate.
Da allora Ossa iniziò a inanellare successi, oltre che nelle gare di durata, anche nel motomondiale, grazie anche anche al talento di uno dei più forti piloti di fine anni sessanta: il giovane Santiago Herrero. Il formidabile spagnolo, in sella a una sofisticata 250 a due tempi con telaio monoscocca in alluminio, ma pur sempre monocilindrica, non solo infastidì costantemente - specie sui circuiti guidati - le potentissime "due tempi" Yamaha a quattro cilindri di Phil Read e Bill Ivy nel '68, piazzandosi poi settimo assoluto, ma l'anno dopo lottò costantemente gomito a gomito con le Yamaha bicilindriche ufficiali di Andersson, Carruthers e Rodney Gould (che poi vinse il titolo) piazzandosi terzo assoluto per un solo punto e distaccando di ben 38 punti la Benelli quadricilindrica a quattro tempi di Renzo Pasolini. Nel '70 Herrero e la sua Ossa si ripresentarono in gran forma, ma purtroppo il terribile Tourist Trophy, com'è accaduto fin troppo spesso, fu impietoso con "Santi", che il 9 giugno perse la vita sull'asfalto bagnato dell'Isola di Man.
La Ossa decise quindi di ritirarsi dal motomondiale, ma nel frattempo aveva iniziato a produrre anche motociclette da cross, velocità e, appunto, trial, specialità, quest'ultima, che portò appunto ai successi di Andrews.

I cilindri si moltiplicano, ma...
Non solo: Eduardo Giro aveva iniziato a lavorare anche su un motore bicilindrico raffreddato ad aria - rigorosamente a due tempi - che esordì nel '68 sul prototipo Yankee 460 MX da cross, per andare in seguito a equipaggiare anche la GT Yankee 500 Z nel '72. Non solo: aggiungendoci altri due cilindri ai lati, nel '72 nacque anche il prototipo della rabbiosa Byra 1000 da ben 115 cv e 240 km/h (che debuttò al Montjuich con una disastrosa caduta, ma poi corse qualche altra gara) cui seguì, sempre a rimanendo a livello di prototipo, la Yankee 1000 stradale.
Purtroppo, però, in concomitanza col declino del regime del generalissimo Francisco Franco e con la presenza sempre più aggressiva della concorrenza giapponese, le cose iniziarono ad andar male per l'industria motociclistica spagnola, che iniziò a languire inesorabilmente.
Nel 1979 la Ossa venne assorbita dalla Bultaco, ma non passarono tre anni prima che anche quest'ultima chiudesse i battenti, proprio mentre la Montesa stava entrando nell'orbita Honda. Nell'84, la famiglia Giro cedette il marchio ad una cooperativa che lo trasformò in Ossamoto, ma senza successo.
A distanza di un quarto di secolo o poco più dalla sua scomparsa, comunque, il marchio Ossa ha ancora parecchi estimatori nel mondo, basta farsi un giretto su Internet per rendersene conto. Il suo coraggioso ritorno, che ci auguriamo naturalmente possa essere duraturo, sarà quindi certamente ben accolto.

Maurizio Tanca

Di seguito, alleghiamo un paio di link interessanti per gli appassionati del genere:
http://hem.passagen.se/ossa/ossa.htm
http://motoguapa.lamaneta.net/Yankee3.html

Ed ecco due video: il primo riguarda una rarissima intervista a Santiago Herrero, registrata al fatale TT del 1970; il secondo ci mostra Mick Andrews oggi, in veste di insegnante di trial "classico":





Immagine
Ecco il marchio che vedremo sulla nuova Ossa da trial

Immagine
Herrero a Monza, al G.P. Delle Nazioni del '68, con la sua Ossa monocilindrica: giunse terzo dietro le Yamaha ufficiali a 4 cilindri!

Immagine
Santiago Herrero nel'66, all'esordio su una Ossa prototipo da 230 cc a disco rotante, con lo scarico lungo fin dietro la coda

Immagine
Santiago al famoso salto del Ballaugh Bridge: siamo al TT del 1970, dove il talento spagnolo morì in seguito a una collisione con un altro pilota al 13° miglio

Immagine
Questo è il mitico Mick Andrews, plurivittorioso con la moto che porta il suo nome...

Immagine
...ovvero la Ossa 250 MAR (Mick Andrews Replica)

Immagine
Uno splendido esemplare di MAR 250, aggiornato da un appassionato inglese nel 2007 con un singolo ammortizzatore centrale in cantilever

Immagine
Un altro famoso modello dei primi '70: la 250 da regolarità

Immagine
Il prototipo Yankee 460 MX del '72 aveva un motore bicilindrico a due tempi...

Immagine
...da cui derivò il "4 cilindri" della potentissima racer Byre 1000, con 115 cv per 240 orari: un missile, per quei tempi!

Immagine
La Byre in gara alla 24 Ore del Montjuich, a Barcellona

Immagine
La Explorer 250 da motoalpinismo: siamo a metà degli anni settanta

Immagine
La Yankee 500 stradale, presentata al Salone di Parigi del 1975

Immagine
Una delle ultime Ossa da trial: la Yellow Gripper 350 dei primissimi anni ottanta

fonte moto.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition
jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19222
Iscritto il: 21 gen 2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: La Ossa torna dopo quasi trent'anni!

Messaggioda Valz » 4 nov 2009, 5:59

:D La 250 mar :D il mio sogno da quindicenne :D
Avatar utente
Valz
 
Messaggi: 279
Iscritto il: 9 lug 2009, 21:53
Località: Brescia


Torna a Joe Bar

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti