KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

Stile di guida

Tutto... proprio tutto quello che non ha sezioni dedicate.

Moderatore: Moderatori

Avatar utente
bubbasqueeze
 
Messaggi: 642
Iscritto il: 19 ago 2013, 16:10
Località: possibilandia

Stile di guida

Messaggioda bubbasqueeze » 25 giu 2018, 19:19

Premetto che guido un quasi motard come il Duke 3, ma ho adottato lo stesso stile anche sul Duke 4...che almeno a livello di sovrastrutture é un pochino diverso.

Ma cmq anche su moto diverse dalla mia, ho sempre guidato più o meno alla stessa maniera.

Tutto, sulla moto, a livello di sovrastrutture é sempre stato regolato per avere la posizione più comoda e naturale possibile alla guida (leve, manubrio, sella aftermarket etc).

Sulla moto attuale, ho lasciato le idrauliche sul settaggio standard, sapendo anche che per il mio peso e per le buche che ci sono in zona andavano bene...sia perché era più facile avere un risultato controproducente che benefico :rotlf:

Non mi considero un fermone, peso sui 75kg x 185cm, e sono abb. allenato fisicamente...
"chiudo", come si dice in gergo, la ruota posteriore, mentre sull'anteriore manca ancora 5mm credo (dai 5 ai 10mm c'è una banda di consumo minore, legato ad inclinazioni affrontate non di frequente).

Ogni tanto mi chiedo se sto guidando nel modo corretto, cosa sbaglio, cosa no, come migliorarmi in strada ed in piena sicurezza/tranquillità e bon, per godermi meglio la guida... Non al livello di seghe mentali ma per curiosità e passione.

Fino ad ora (diciamo una decina d'anni da quando ho moto) fortunatamente non mi sono mai steso sull'asfalto ne a causa di un errore personale, né a causa di fattori ambientali come acqua, brecciolino, fanghiglia etc etc...anche perché ho 6 occhi mentre guido, come è giusto che sia.

Credo di avere uno stile "difensivo" per così dire.
Ho la "sensazione", dato che di certo non ho qualcuno che mi registri, di guidare principalmente sul posteriore...forzato credo da una moto con un baricentro mediamente alto.

Quando viene una curva, inclino la moto mantenendo Busto dritto, braccio interno alla curva disteso ed esterno ad angolo acuto, con il sedere posto poco dopo la metà posteriore della sella.

Gamba esterna "uncinata" a sella e corpo moto e pedana, ed interna staccata dal corpo moto e piegata nelle curve ad alta inclinazione a sentire quasi l'asfalto col tallone.

Diciamo guido come ho sempre fatto naturalmente e come mi hanno confermato nel breve corso di 3gg per fuoristrada che ho seguito (su 4 tempi 350 e 250 e terreno misto).

Purtroppo non ho fatto nessun corso per asfalto, ma solo pratica su una strada priva di traffico, asfaltata bene e non lontano da casa, che sembra un toboga, ma con cure a bassa percorrenza.

Nei paraggi le curve belle dove piegare tanto c'è ne sono pochissime, ma affrontandole non ho provato insicurezza, sentendo invece stabilità e solo un po di impaccio psicologico per un movimento che non si fa spesso (non so se rendo l'idea).

In quelle curve, ma solo lì, sento che avrei potuto guidare anche in maniera canonica, inclinando tutto il resto del corpo data la sensazione di sicurezza provata.

Detto questo, mi piacerebbe sapere come guidate voi veramente, e le sensazioni che avete guidando...

Se avete qualche Trucchetto da condividere che vi rende le cose più facili alla guida, o qualche consiglio personale che sentite di dare a me o condividere al forum.

Ringrazio in anticipo a chi abbia voglia di partecipare in modo stimolante e costruttivo alla discussione.

Avatar utente
wonderbike
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 27 ago 2014, 14:17

Re: Stile di guida

Messaggioda wonderbike » 25 giu 2018, 19:55

Fai pista, vai ad 1 kartodromo. Ortona, hai presente?

Avatar utente
bubbasqueeze
 
Messaggi: 642
Iscritto il: 19 ago 2013, 16:10
Località: possibilandia

Re: Stile di guida

Messaggioda bubbasqueeze » 25 giu 2018, 20:17

si si Ortona conosco, ci sono andato anche a vedere un enduro in vendita estate scorsa...pure a Vasto e fuori Termoli ce ne sono un paio dove sono andato affittando il kart. Prima di andare col duke comunque farò al 99% un corso di guida specifico...per esempio vicino foggia c'è una scuola Fim dove ho fatto pure quello enduro.
Ci lasciarono fare qualche giro con le moto anche su asfalto e mi ricordo fu una delle cose piu divertenti in assoluto (anche perche stavo con una moto non mia) :mrgreen:

Avatar utente
wonderbike
 
Messaggi: 233
Iscritto il: 27 ago 2014, 14:17

Re: Stile di guida

Messaggioda wonderbike » 25 giu 2018, 21:13

I roadeaters di Termoli organizzano sti corsi. Contattali per sapere se ce n'è qualcuno entro fine anno. Ciao!

Avatar utente
bubbasqueeze
 
Messaggi: 642
Iscritto il: 19 ago 2013, 16:10
Località: possibilandia

Re: Stile di guida

Messaggioda bubbasqueeze » 25 giu 2018, 22:28

Si, ho conosciuto un paio dei fondatori del club, un ragazzo con un Kawa zxr 1200 verde old school (ora istruttore fim) ed un signore con un cb1000.
Purtroppo al momento sto fuori sede a studiare e quindi quei momenti in cui torno durante l'anno, non ho proprio il tempo di organizzarmi, e faccio giusto qualche giro...ad agosto con l'università chiusa però sicuro farò qualcosa di più concreto 8)

Riguardo la discussione, la somma di quel che ho potuto capire dalla mia seppur breve vita motociclistica, è che la differenza la fà tutta l'esperienza, sopratutto quella maturata in pista dove è possibile spingersi oltre i limiti consentiti dalle strade urbane ed in relativa sicurezza.
Le nozioni in fin dei conti sono quelle cose basilari, che puoi imparare su youtube e forum...ma è il fatto di poterle mettere davvero in pratica e poi di riuscirvi prendendo coscienza di potersi spingere un pò piu in là...è quello che secondo me dà maggiore sicurezza alla guida.

Mi viene in mente per fare un esempio, l'istruttore in cuffia che mi fa " accelera, stai sul serbatoio, accelera non ti fermareee" su una salita delle tante, che in condizioni meno controllate da novizio non avrei pensato di fare pur conoscendone la teoria :rotlf:
Immagine

Avatar utente
commodoro
 
Messaggi: 151
Iscritto il: 10 feb 2009, 18:25
Località: Bareggio (Milano)

Re: Stile di guida

Messaggioda commodoro » 26 giu 2018, 8:07

bubbasqueeze ha scritto:Premetto che guido un quasi motard come il Duke 3, ma ho adottato lo stesso stile anche sul Duke 4...che almeno a livello di sovrastrutture é un pochino diverso.

Ma cmq anche su moto diverse dalla mia, ho sempre guidato più o meno alla stessa maniera.

Tutto, sulla moto, a livello di sovrastrutture é sempre stato regolato per avere la posizione più comoda e naturale possibile alla guida (leve, manubrio, sella aftermarket etc).

Sulla moto attuale, ho lasciato le idrauliche sul settaggio standard, sapendo anche che per il mio peso e per le buche che ci sono in zona andavano bene...sia perché era più facile avere un risultato controproducente che benefico :rotlf:

Non mi considero un fermone, peso sui 75kg x 185cm, e sono abb. allenato fisicamente...
"chiudo", come si dice in gergo, la ruota posteriore, mentre sull'anteriore manca ancora 5mm credo (dai 5 ai 10mm c'è una banda di consumo minore, legato ad inclinazioni affrontate non di frequente).

Ogni tanto mi chiedo se sto guidando nel modo corretto, cosa sbaglio, cosa no, come migliorarmi in strada ed in piena sicurezza/tranquillità e bon, per godermi meglio la guida... Non al livello di seghe mentali ma per curiosità e passione.

Fino ad ora (diciamo una decina d'anni da quando ho moto) fortunatamente non mi sono mai steso sull'asfalto ne a causa di un errore personale, né a causa di fattori ambientali come acqua, brecciolino, fanghiglia etc etc...anche perché ho 6 occhi mentre guido, come è giusto che sia.

Credo di avere uno stile "difensivo" per così dire.
Ho la "sensazione", dato che di certo non ho qualcuno che mi registri, di guidare principalmente sul posteriore...forzato credo da una moto con un baricentro mediamente alto.

Quando viene una curva, inclino la moto mantenendo Busto dritto, braccio interno alla curva disteso ed esterno ad angolo acuto, con il sedere posto poco dopo la metà posteriore della sella.

Gamba esterna "uncinata" a sella e corpo moto e pedana, ed interna staccata dal corpo moto e piegata nelle curve ad alta inclinazione a sentire quasi l'asfalto col tallone.

Diciamo guido come ho sempre fatto naturalmente e come mi hanno confermato nel breve corso di 3gg per fuoristrada che ho seguito (su 4 tempi 350 e 250 e terreno misto).

Purtroppo non ho fatto nessun corso per asfalto, ma solo pratica su una strada priva di traffico, asfaltata bene e non lontano da casa, che sembra un toboga, ma con cure a bassa percorrenza.

Nei paraggi le curve belle dove piegare tanto c'è ne sono pochissime, ma affrontandole non ho provato insicurezza, sentendo invece stabilità e solo un po di impaccio psicologico per un movimento che non si fa spesso (non so se rendo l'idea).

In quelle curve, ma solo lì, sento che avrei potuto guidare anche in maniera canonica, inclinando tutto il resto del corpo data la sensazione di sicurezza provata.

Detto questo, mi piacerebbe sapere come guidate voi veramente, e le sensazioni che avete guidando...

Se avete qualche Trucchetto da condividere che vi rende le cose più facili alla guida, o qualche consiglio personale che sentite di dare a me o condividere al forum.

Ringrazio in anticipo a chi abbia voglia di partecipare in modo stimolante e costruttivo alla discussione.


Iscriviti ad un buon corso di guida sicura . Il migliore é sicuramente quello Gsss / Curve & Tornanti


Inviato utilizzando Tapatalk
Commodoro
KTM 1190 ADV
Chi c'è c'è.

c@zzo in ktm chi fa le grafiche dovrebbe drogarsi di piu' Cit. Barbasma

Giacomo94
 
Messaggi: 64
Iscritto il: 5 gen 2016, 23:52

Re: Stile di guida

Messaggioda Giacomo94 » 26 giu 2018, 13:23

Ciao,
Io ho un Duke 4 da un paio d'anni e ti posso dire come lo guido io pur non essendo un massimo esperto e dovendo ancora mettere piede in pista, cosa che spero di fare a breve.

Al contrario di quello che dici tu, io tendo a guidare sempre la moto "come una stradale" piuttosto che stile Motard. Ho notato che il duke é una moto che si puó adattare un po'ad entrambi gli stili ma in strada preferisco spostare il peso verso l'interno della curva per piegare meno la moto a parità di curva/velocità ed avere maggior confidenza. Dalle mie parti sono strade tutto curve e spesso con un bel asfalto quindi da quello che leggo un po'diverse dalle tue.

Tra l'altro, inizialmente chiudevo anche io la gomma posteriore con facilità ma devo dire che ora che probabilmente mi sposto di più con il corpo mi qualche volta mi ritrovo ad avere ancora il "millimetro della vergogna" pur andando più veloce rispetto a due anni fa.

Ti lascio una foto della posizione in sella sperando si capisca meglio cosa intendoImmagine

Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk
Ultima modifica di Giacomo94 il 26 giu 2018, 14:08, modificato 1 volta in totale.

Avatar utente
Riddler
Moderatore
 
Messaggi: 3887
Iscritto il: 29 gen 2014, 12:59
Località: Piccolo paesino sperduto nel Monferrato in prov. AL

Re: Stile di guida

Messaggioda Riddler » 26 giu 2018, 13:45

ragaSSSi ... il quote ... NON quotate tutto ... allungate inutilmente il thread :crycry:

:whip:
Riddler ?
KXE 125'89 - KXE 125'93 - KX 250'97 - VESPA TS 125'76 - YZ426F'02 - Bandit GSF 650N'10 - Duke 690R'15 - GSX-S 1000 my2018

[VENDO]
https://tinyurl.com/ya257ny3
https://tinyurl.com/yc7rljvu
https://tinyurl.com/y8j7yfhg

Avatar utente
Bat21
Moderatore
 
Messaggi: 8715
Iscritto il: 27 lug 2011, 20:17
Località: Sanremo (IM)

Re: Stile di guida

Messaggioda Bat21 » 26 giu 2018, 18:04

Corsi:

Lo sviluppo di una buona tecnica di guida, ottenibile perfezionandosi con un apposito corso, a mio avviso può aver valenza massima per una miglior percezione di sicurezza (attiva) qualora siano in gioco preesistenti qualità o innate attitudini alla guida (nella fattispecie intendo quindi i cd. corsi di guida avanzata); il resto degli affinamenti lo si può ritrovare unicamente tagliandosi addosso la ciclistica della moto, con mirati interventi sul comparto sospensioni (in primis!).

Stile:

Lo "stile di guida" è personale al pari della scelta degli pneumatici, quindi soggettivamente interpretabile; spesso non è sinonimo di guida da scavezzacollo ...dato che le "paghe" più sonore sono al 90% dei casi elargite da chi possegga stili di guida puliti, capaci di ottimizzare al massimo la scorrevolezza della moto e contestuale ripresa del gas alle uscite di curva (mantenendo la ruota anteriore a terra!).

Chiusura pneumatici:

Va di comune accordo con lo stile personale che contraddistingue ogni motociclista e NON significa "saper guidare" ...ho osservato posteriori chiusi da piloti della domenica (o da bar), vantanti pieghe da urlo a velocità di poco superiori ai 40/50 km./h. ... :lol: :arrow:
ergo ...si può piegare anche ove non serva o a velocità nettamente inferiori a quanto il percorso per sua natura lo richieda (misto veloce/tornanti) ...il posteriore da mostrare come trofeo si chiuderà, ma non formerà di certo le ondulazioni o i riccioli classici d'una gomma sottoposta a stress centrifugo, derivante da percorrenze in curva a velocità sostenuta.

n.d.r.

Ad ogni buon fine ...la chiusura (del cerchio) è sempre la stessa ...divertirsi riportando la pellaccia a casa e lasciando strada libera a chi "si senta pilota", tanto poi lo riprenderete comunque :cool2:

Libere confessioni di uno che si farà anche superare dai moscerini ...ma che le poche cadute in moto, le ha fatte quasi sempre da fermo :)
My orange bull is fantastic!!

Barcollo ma non mollo ...spero(!)

Avatar utente
bubbasqueeze
 
Messaggi: 642
Iscritto il: 19 ago 2013, 16:10
Località: possibilandia

Re: Stile di guida

Messaggioda bubbasqueeze » 26 giu 2018, 19:39

@Giacomo94
Ciao Giacomo mi interessavano proprio dei pareri come il tuo, sulle impressioni legate allo stile di guida, al tipo di moto ed al tipo di strada etc.

Come ho detto, anche col 4 guidavo inclinando più la moto rispetto al corpo (si anche con quella sella) proprio perché ho trovato sempre poca stabilità a guidare come fai tu da queste parti. Infatti col 4 mi ricordo in autostrada o superstrada, nelle curve lunghe e veloci con molto appoggio, quelle poche volte ho potuto guidare un po' più sull'anteriore inclindo anche il Busto con buon feeling.

Mi confermi in pratica, quello che pensavo, rispetto al modo di guidare difensivo che ho...e che sulle strade che di norma percorro, é meglio continuare così, onde rischiare la caduta assumendo una posizione diversa.

Molte volte per esempio mi é capitato di trovare breccia sulla strada in curva, a causa della pioggia o dall'irrigazione dei campi e della fangiglia che i mezzi agricoli portano su asfalto e guidando alla mia maniera anche se la moto partiva un pochino col posteriore più piegato, l'anteriore era più dritto e non perdeva molta aderenza (più facile da controllare se in salita).

@Bat
Condivido Tutto quello che hai detto Bat, soprattutto sul corso in strada che non ho ancora fatto e sulle sospensioni che non ho ancora tarato...sono curioso lo stesso di conoscere il modo in cui solitamente guidate voi le vostre moto (posizione, impressioni e cose simili), perché da questo secondo me si può capire molto anche del proprio.
Quindi anche se personale come dici secondo me può aiutare, se descrivi bene il contesto (tipo di strada, condizioni asfalto etc).
fatti una risata, guarda come sta dritto sto fragolone

Prossimo

Torna a Joe Bar

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti

cron