KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

Test Husqvarna TE 310 Antoine Meo

Tutto... proprio tutto quello che non ha sezioni dedicate.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

Test Husqvarna TE 310 Antoine Meo

Messaggioda jenk » 18 gen 2012, 19:03

Piccola peste
Iniezione Keihin, compressione aumentata e ciclistica estrema: la ricetta vincente di Antoine Meo


Immagine

Il mono Husky è di soli 304 centimetri cubi. Il più piccolo 4T della E2. Per farlo andare più forte si è lavorato sulla testa ma, soprattutto, sull'iniezione, una Keihin di tipo batteryless che prefigura quella montata sulle Cross 2012, (la batteria però rimane, per il bottoncino). Il tubo di scarico è studiato per privilegiare la spinta agli alti, viene inoltre aumentata la compressione, lavorando sulle guarnizioni del motore. E la frizione? Di serie.
Per la ciclistica, si vive nel segno della continuità con ciò che era già stato sperimentato nel 2010. Il link ha 10 mm in più di corsa e una progressione diversa: il mono è più morbido nel primo tratto e più caricato alla fine. Anche il telaio è frutto di uno sviluppo continuo: accompagna il fenomeno francese dal 2009-2010, con vari aggiornamenti. Le piastre di sterzo presentano valori di interasse e off-set a prima vista sballati: 185 e 15 mm, contro quelli standard di 200 e 25! Contento lui... I dischi freno sono Braking da 260 mm e 240 mm, mentre la pinza Brembo Racing ha pistoni più grossi rispetto a quella di Salminen.
Ecco, le due Husky campioni del mondo sono davvero differenti. Quella di Antoine è durissima nel setting delle sospensioni, una moto rigida e reattiva. È una bestia da campioni e come tale va guidata. Rispetto a quella di Juha trasmette molta meno sicurezza, perché le geometrie dell'anteriore, che la rendono rapidissima in ingresso curva, alla fine la penalizzano nella stabilità. Affrontando le discese sconnesse l'avantreno tende a sbacchettare da matti. Anche il posteriore sembra assurdo: mentre la TE di Salminen ha una escursione molto progressiva, quella di Meo tende di più a rinculare, ad esempio in quelle situazioni dove c'è un gradino, oppure una sponda veloce con dentro uno scalino. Ecco, Antoine attutisce i colpi più di corpo che non di ciclistica! Pur essendo in certe situazioni più veloce, una moto così reattiva rimane comunque più impegnativa e può portare più spesso all'errore.
Il motore è tutto sommato normale, molto lineare su tutto l'arco di erogazione. Antoine ama farlo frullare agli alti regimi ma, rispetto a una 450, la cubatura inferiore si sente. Non ci sono dubbi, Antoine ha puntato tutto sull'agilità in sella, costruendosi una moto non facile, ma di certo efficace per il suo talento e la sua velocità di percorrenza in curva. Ha vinto e ha dato spettacolo, quindi... ha ragione lui.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

fonte xoffroad.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition
jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19222
Iscritto il: 21 gen 2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Test Husqvarna TE 310 Antoine Meo

Messaggioda F3D3 » 18 gen 2012, 19:45

Belle motazze :penna: :penna: :penna: , comunque una cosa che non ne parla mai nessuno è il Link.... nella foto si vede che sporge ma il mono è completamente esteso.... quando ci si siede si abbassa ulteriormente e sarà 15 cm più basso del telaio... forse in fettucciato non crea problemi, ma facendo qualche gradone magari affrontato a fine giornata... per me lo si sfascia!
Immagine
MEGLIO 4 VITI NEL GINOCCHIO, CHE 3 DITA NEL C@@O
Avatar utente
F3D3
er cazzaro
 
Messaggi: 4576
Iscritto il: 7 set 2009, 16:24
Località: Vallis..........!........

Re: Test Husqvarna TE 310 Antoine Meo

Messaggioda Salzig » 18 gen 2012, 21:33

F3D3 in ginocchio sui ceci!!!!!
Quando la sospensione si comprime, il fulcro inferiore del mono sale (l'asta di reazione fà ruotare il link verso l'alto).
Altrimenti vorrebbe dire che schiacciando la sospensione, il mono non si comprime.

Quello che vorrei sapere è se usa la posteriore da 140 o da 120 come il modello di serie :?:
Al mondo esistono 10 tipi di persone:
chi sa contare in base 2 e chi no.


Wave75: "molla i freni!"
Salzigii ii i: "NO!"
.
Avatar utente
Salzig
 
Messaggi: 7710
Iscritto il: 6 apr 2009, 20:00
Località: La città delle 3 T

Re: Test Husqvarna TE 310 Antoine Meo

Messaggioda F3D3 » 19 gen 2012, 8:41

:think: :think: :think: può essere.... ma l' attacco del mono al link... quando il telaio viene spinto verso il basso è vero che si comprime ma tende ad uscire dalla zona protetta della culla... ed è notevolmente esposto.

Durante il cambio olio ho scannerizzato bene il mezzo :mrgreen: :mrgreen: :mrgreen: e un' altra cosa è la mancanza del tappo magnetico di scolo olio :whip: :whip: :whip: per svuotare il circuito bisogna svitare un filtro in metallo situato tra link e telaio e non dal basso ma da dietro!!!! in confronto togliere la candela ant dell' ADV è divertente.
MEGLIO 4 VITI NEL GINOCCHIO, CHE 3 DITA NEL C@@O
Avatar utente
F3D3
er cazzaro
 
Messaggi: 4576
Iscritto il: 7 set 2009, 16:24
Località: Vallis..........!........

Re: Test Husqvarna TE 310 Antoine Meo

Messaggioda Salzig » 19 gen 2012, 9:47

Ecco perchè io mi tengo ben stretto la mia col mio motore "vecchio e grosso", ma con 1.6 kg di olio, e il tappo calamitato. :mrgreen:
Al mondo esistono 10 tipi di persone:
chi sa contare in base 2 e chi no.


Wave75: "molla i freni!"
Salzigii ii i: "NO!"
.
Avatar utente
Salzig
 
Messaggi: 7710
Iscritto il: 6 apr 2009, 20:00
Località: La città delle 3 T


Torna a Joe Bar

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 2 ospiti