KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Tutto... proprio tutto quello che non ha sezioni dedicate.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda bradipo ita » 20 ott 2011, 10:19

La crisi mondiale,forse anche speculativa, inevitabilmente ha fatto
vittime illustri anche in Italia. Sono molte le ditte anche storiche che non
hanno retto lo tsunami della crisi aprendo tristemente le porte del
fallimento. Dalla Moto Morini alla Malagutti, dalla Paioli alla Verlicchi.

ecco un articolo da leggere:
http://corrieredibologna.corriere.it/bo ... 9372.shtml

....e la crisi non e' finita. Ci vorranno ancora anni.
Anche qui, nella mia Trieste, i piccoli artigiani chiudono
perche' stritolati dalle banche che non gli danno ossigeno, dalle tasse
e dalle grandi aziende che pagano le fatture del lavoro anche dopo 180 giorni.
La guerra tra i grandi magazzini e centri commerciali anche qui spuntati come
funghi non fa che peggiorare la situazione. La maggior parte dei dipendenti e'
part time o come lavoro interinale. Pochi i contratti inderteminati.
La realta' e' una sola, se oggi una persona esce per qualche motivo dal mercato
del lavoro non riesce piu' a rientrare. Vi faccio un esempio.
Un mio amico con famiglia e due figli per fortuna grandi, a 53 anni e' rimasto in strada.
Da capo meccanico di una concessionaria fallita non e' riuscito a ritornare
nel mondo del lavoro perche' troppo anziano o con troppa esperienza, almeno
cosi' gli dicevano ai vari colloqui. Qui da me parecchie concessionarie hanno
chiuso o sono state assorbite da altri gruppi. La crisi dell'auto e' impietosa anche da noi.
Adesso questa persona e' con la paletta davanti alle scuole che fa attraversare i bambini sulle
strisce pedonali, aspetta di avere l'eta' per andare in pensione con i suoi
34 anni di contributi versati. Lo sentito di recente e mi e' parso sfrustrato,
demoralizzato e al limite del fuori di testa. Eppure nel suo mestiere era bravo
se per trentanni ha lavorato sempre nella stessa concessionaria.
Questo e' solo un esempio della situazione che oggi abbiamo in italia.
Mai nella mia vita ho visto come in questi ultimi mesi la gente nostra, i nostri
vicini di casa mica clochard, andare a ravanare nei cassonetti della spazzatura
davanti ai supermercati in cerca di orataggi o altro cibo ancora utilizzabile.
Anche in asilo di mia figlia ho sentito genitori che timidamente e con vergogna,
ammettevano di aver difficolta' a comprare albun da disegno e pennarelli ai propri
figli, alcune non organnizzano i compleanni perche' non hanno i soldi per farlo.

Beh, questo e' il quadro della societa' da come lo vedo io ogni giorno. Ed e' allarmante.
Eppure viviamo in una sociata' consumistica che ha sempre privileggiato la bella vita,
i cellulari moderni, i SUV, i vestiti griffati...anche a piccole rate. Ora che le buste paga
sono in mano alle finanziarie l'italiano medio e' diventato povero, a fine mese non ci arriva
piu' manco con l'aiuto della pensione dei genitori.
speriamo solo che le cose migliorino e che questi giganti della finanza la smettano di rovinare
la gente onesta che lavora per vivere e mandare a scuola i propri figli. E in tanto la TV continua
a trasmettere programmi spazzatura e reality dove tutto e' bello per dare l'illusione che la vita
scorra spensierata senza quasi mai mostrare invece come la vita reale sia ben piu' cruda.
Forse bisognerebbe rispolverare quei vecchi programmi in bianco e nero dove ti insegnavano
a preparere la conserva a casa o a fare piccoli lavori fai date. Almeno quelli erano utili.
"Oggi é ricco chi é padrone del suo tempo. Buona vita.''
Avatar utente
bradipo ita
 
Messaggi: 5261
Iscritto il: 22 gen 2009, 0:47
Località: Trieste

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda SwissLife77 » 20 ott 2011, 10:32

Forse bisognerebbe rispolverare quei vecchi programmi in bianco e nero dove ti insegnavano
a preparere la conserva a casa o a fare piccoli lavori fai date. Almeno quelli erano utili.


:s-quoto2: :s-quoto2:
Come non quotarti!!!
Condivido appieno, e complimenti al coraggio di parlare francamente.
Ci sono molte persone che per qullea "vergogna" di cui parli non reagiscono o non riescono ad uscire dal buco......
La speranza e' che le cose migliorino, ma la realta' impone che tutti si rimbocchino le maniche e , purtroppo, si adattino a cambiare il proprio stile di vita.
Credo sia l'unico modo per superare le difficolta'.
Ovviamente non voglio insegnare niente a nessuno!!!
Dico solo che siamo tutti "drogati" e dipendenti dall' apparenza e dagli spot commerciali, piu' di quanto siamo pronti ad ammettere, talvolta!
Chi scrive in primis, ovviamente.

Quindi, coraggio! E bisognerebbe ricominciare dal basso, dai rapporti sociali col vicino, col collega, col parroco e quant'altro.
Parliamo spesso di societa' che non va'!! Be', la societa' siamo noi!! Siamo noi stessi a condizionare i rapporti con il prossimo......forse si dovrebbe partire da li', dando fiducia a chi la merita ed escludendo senza rimorsi chi non la merita.....
Ma non voglio diventare troppo retorico.....
Pace e lavoro a tutti!!
ADV 990 My2007 "Black Pearl" - Il Veliero
Avatar utente
SwissLife77
 
Messaggi: 188
Iscritto il: 5 mag 2011, 7:56
Località: Neuchatel CH

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda Panda » 20 ott 2011, 18:51

:s-belpost:



:clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap: :clap:
Avatar utente
Panda
PandAttila
 
Messaggi: 3918
Iscritto il: 12 feb 2009, 23:35
Località: Felino (Parma)

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda superclod » 20 ott 2011, 19:12

Io sono di Bologna e lavoro nel settore moto, quindi puoi immaginare come conosca bene la situazione descritta nell'articolo e che periodo sto passando. Da quasi due anni stiamo facendo cassa integrazione e a novembre si profilano alcuni licenziamenti.

Al di là della mia situazione comunque, penso che dovremo tutti imparare a vivere utilizzando meglio le risorse e diminuendo gli sprechi. Tutti stanno aspettando una ripresa che non ci sarà, oppure ci sarà solo in parte. Il nostro benessere è cresciuto costantemente dal dopoguerra a qualche anno fa ed è chiaro che non avrebbe potuto continuare così all'infinito.
SUPERCLOD - KTM exc 300 duettì
Avatar utente
superclod
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 23 ott 2009, 21:46
Località: Bologna

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda Panda » 20 ott 2011, 19:28

superclod ha scritto:Io sono di Bologna e lavoro nel settore moto, quindi puoi immaginare come conosca bene la situazione descritta nell'articolo e che periodo sto passando. Da quasi due anni stiamo facendo cassa integrazione e a novembre si profilano alcuni licenziamenti.

Al di là della mia situazione comunque, penso che dovremo tutti imparare a vivere utilizzando meglio le risorse e diminuendo gli sprechi. Tutti stanno aspettando una ripresa che non ci sarà, oppure ci sarà solo in parte. Il nostro benessere è cresciuto costantemente dal dopoguerra a qualche anno fa ed è chiaro che non avrebbe potuto continuare così all'infinito.

Ecco appunto...ma più ancora che il benessere in se' (che poi...è davvero benessere?In cosa si misura il benessere??!!!!)..io divento matta quando tutti mirano alla crescita del PIL..ragazzi ma cosa si crede? che il cosiddetto "sviluppo" e quindi il PIL siano una pura variabile matematica?? Non ci si rende conto che il grafico del ramo di iperbole si scontra con un piccolo problema che è l'avere un solo Pianeta??!!
Vi faccio un banale esempio tratto da un libro veramente interessante (12-13 euro....fate un buon acquisto!!!)

Se produco in casa una cosa (yogurt,passata di pomodoro,marmellata),probabilmente faccio una cosa più sana,buona e genuina..MA:

-non ho fatto spesa (se non per le materie prime,a meno a che non le autoproduca)
-non ho pagato perchè il prodotto venisse trasportato su e giù per la penisola(con inquinamento,ecc.)
-non ho incrementato l'uso di carburante per il suddetto trasporto
-non aiuto l'industria dei barattoli usa e getta,con ogni probabilità..
-non produco imballaggi e/o rifiuti
-molto facilmente (soprattutto con certi prodotti)ho un cibo più sano,quindi mi ammalo meno,altro danno,stavolta per l'industria farmaceutica.

Quindi non ho incrementato il famoso PIL :D :wink: ..
Eppure...a quanto pare tutti dovremmo consumare come pazzi,per cui nonostante queste"scelte" semplici ci sembrino giuste "a pelle",vanno contro la logica dell'economia. Non c'è qualcosa di strano??? :wink:
Ho fatto un esempio piccolo,ma la teoria si può applicare per taaaaante situazioni!

NB.Il libro è "La decrescita felice" di Maurizio Pallante...no,giuro che non prendo percentuali :rotlf: :geek:
Avatar utente
Panda
PandAttila
 
Messaggi: 3918
Iscritto il: 12 feb 2009, 23:35
Località: Felino (Parma)

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda thecapitan » 20 ott 2011, 19:38

Sono molto in sintonia con quanto espesso da Panda :up:
Con esempi diversi ma identici nella logica, spesso mi sono
trovato a riflettere sulla vita un po' assurda che piu' o meno
con cognizione tutti noi in fondo conduciamo.
"L'unico limite a quanto in alto possiamo andare e' quanto crediamo di poter salire."
Ktm Adv 950 S MY 2005 "l'ammiraglia" -- Ktm exc 525 my 2007 "l'indomita"
Avatar utente
thecapitan
Fondatore
 
Messaggi: 6660
Iscritto il: 21 gen 2009, 22:21
Località: Mornago Beach & Milano United

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda tocram » 20 ott 2011, 20:20

bella discussione che condivido, soprattutto nei toni riflessivi e pacati.

Da moderatore vi ricordo che così deve rimanere e non spingersi dove il nostro regolemento lo vieta.
Quindi mi raccomando!!


buon confornto :wink:
Avatar utente
tocram
Patato Moderatore
 
Messaggi: 14522
Iscritto il: 10 feb 2009, 1:13
Località: Pavia

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda tocram » 20 ott 2011, 20:26

tolto l'abito da moderatore, vorrei aggiungere una mia semplice riflessione

Secondo me fino ad ora molti hanno fatto gli struzzi e non parlo di chi è seduto sulle poltrone, ma parlo di tutti, soprattutto quelli che non hanno saputo far banalmente di conto, indebitandosi a dismisura, forviati da una massiccia campagna che li ha portati a calare le braghe....

daltronde, possiamo pensare anche ai massimi sistemi, ma se guadagno 10 e faccio una vita per cui ne spendo 15..... be anche alle elemntari un ragazzino saprebbe che sono sotto di -5 :?

La reale soluzione per venirne fuori e cambiare la nostra cultura a partire dalle nuove generazioni, se no son RAZZI AMARI!
Avatar utente
tocram
Patato Moderatore
 
Messaggi: 14522
Iscritto il: 10 feb 2009, 1:13
Località: Pavia

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda elleR » 20 ott 2011, 20:39

tocram ha scritto: La reale soluzione per venirne fuori e cambiare la nostra cultura a partire dalle nuove generazioni, se no son RAZZI AMARI!


condivido in toto con tutti i post precedenti, su questo però Toc siamo, ahimè, in un punto di non ritono. La società ormai è diventata "viziata" da una cultura del consumismo, hai visto le nuove generazioni??? tutti i giorni uso i mezzi pubblici a Milano e se quello che vedo nelle nuove generazione deve essere il futuro, mi preoccupo seriamente.
Avatar utente
elleR
Moderatore
 
Messaggi: 7255
Iscritto il: 23 nov 2010, 22:15
Località: Bresso

Re: fallimenti e crisi economica, ne usciremo?

Messaggioda tocram » 20 ott 2011, 20:44

elleR ha scritto:condivido in toto con tutti i post precedenti, su questo però Toc siamo, ahimè, in un punto di non ritono. La società ormai è diventata "viziata" da una cultura del consumismo, hai visto le nuove generazioni??? tutti i giorni uso i mezzi pubblici a Milano e se quello che vedo nelle nuove generazione deve essere il futuro, mi preoccupo seriamente.


verissimo quello che dici.... ed é questo il guaio grosso, che il nostro domani é già bello che traviato...

é necessario un deciso cambio di rotta e che questo cambio di rotta sia spiegato alle nuove generazioni.... dall'asilo, in cui bisogna anche banalmente isegnargli il rispetto delle cose, anche attraverso la raccolta differenziata, il rispetto delle persone, accettando anche chi non é Italiano, ecc. ecc.

il mio pensiero é un po' utopistico.... lo so..
Avatar utente
tocram
Patato Moderatore
 
Messaggi: 14522
Iscritto il: 10 feb 2009, 1:13
Località: Pavia

Prossimo

Torna a Joe Bar

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti