KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

Husaberg Enduro 2012 | I colori della Svezia!

Tutto... proprio tutto quello che non ha sezioni dedicate.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Husaberg Enduro 2012 | I colori della Svezia!

Messaggio » 29/07/2011, 21:40

Abbiamo fatto un viaggio da sogno nel cuore dei boschi svedesi, alla scoperta delle nuove Husaberg 2012. Debutta la competitiva 125 e si conferma una gamma completa, sia a 2 che 4 tempi. La nostra prova made in Sweden



L'enduro in Svezia è molto differente dall'enduro che pratichiamo noi in Italia. Già l'avevo intuito durante il viaggio dall'aeroporto di Stoccolma a Loka Brunn, location del test. Foreste, paesaggi naturali e natura incontaminata dominavano la scena. È stata scelta questa località perché a pochi chilometri di distanza da dove eravamo noi è nata la prima Husaberg. In queste zone è difficile trovare solo un tipo di terreno: sassi, radici, sabbia, duro e buche si alternano continuamente sullo stesso tracciato, rendendo le cose molto difficili!
Nel nostro paese non accade la stessa cosa, le diverse zone sono caratterizzate da un solo tipo di terreno o comunque il continuo alternarsi delle varie tipologie non è così evidente.
È inevitabile che risulti impegnativo per noi italiani affrontare al meglio i percorsi svedesi. La presentazione dei nuovi modelli Husaberg 2012 è stata diretta da Joachin Sauer, importante personaggio del mondo KTM-Husaberg nonché ex pilota di prestigio nell'enduro.

Arriva la 125
La novità principale è rappresentata dal lancio della nuova cilindrata di 125 cc: con essa si è completata la gamma, avendo già a disposizione le 250 cc 2 tempi, 300cc 2 tempi, 390cc 4 tempi, 450cc 4 tempi e 570cc 4 tempi.

Immagine
Le sospensioni sono sempre WP, sia per le forcelle sia per quanto riguarda il mono ammortizzatore. Le gomme non sono più Metzeler ma Michelin

Il particolare di questi nuovi modelli che attira immediatamente l'attenzione è il nuovo colore del telaio: il giallo, che insieme ai convogliatori blu richiama la livrea della bandiera svedese.
Le sospensioni sono sempre WP, sia per le forcelle sia per quanto riguarda il mono ammortizzatore. Le gomme non sono più Metzeler ma Michelin. Con una gamma così ampia, Husaberg sarà presente in maniera ancora più consistente sul mercato.

Svezia, alla scoperta di una nuova terra
Al termine della presentazione è incominciato il test vero e proprio. Abbiamo percorso una cinquantina di chilometri di trasferimento immersi nella natura svedese e ammirato paesaggi mozzafiato. Stradoni sterrati si alternano a sentieri strettissimi tra a rocce e radici. Ad accompagnare il paesaggio non mancano laghi di varie dimensioni. Arrivati alla zona dove hanno preparato i vari tracciati, abbiamo trovato ad aspettarci il bilico dell'hospitality Husaberg con vari meccanici e un team di cuochi per il pranzo. A nostra disposizione per i test avevamo un tracciato molto sabbioso della durata di circa due minuti, preparato a puntino dal moto club della zona.
A seguire una prova in linea della durata di circa 15 minuti; è stato impossibile andare forte per noi tester: è la training area dove si allena Joakin Ljunggren, pilota svedese ufficiale Husaberg attualmente terzo al mondiale enduro dietro due fenomeni come Mika Ahola e Christoph Nambotin; non un metro senza buche, radici a non finire, sassi ovunque e tratti sabbiosi dove le moto faticavano a prendere i giri... un inferno!

Sulle orme del campione Ljunggren
Veder girare Ljunggren su questo tracciato mi ha sbalordito; sembrava andare su un'autostrada, gas spalancato ovunque e via. Che andare! Per finire poi c'era anche una piccola linea di circa due minuti, molto stretta, tutta in piano dove era necessario fare lo slalom tra i tronchi tagliati.
In questi posti è possibile fare ciò che si vuole ,montagne di sabbia da scalare, discesoni in mezzo alle rocce e tratti “extreme”. Ce n'era davvero per tutti i gusti. Finiti i test siamo ripartiti per raggiunger il campo base dove avremmo passato la notte.

Notte in tenda e… idromassaggio all’aperto!
Tende in mezzo alla foresta, idromassaggio immerso nel verde e un barbecue caldo ci attendevano. Arrivati al campeggio abbiamo scambiato due chiacchiere, ci siamo rilassati un po' e poi tutti in acqua a rinfrescarci. Alla sera abbiamo cenato in una grande tenda indiana con all'interno un fuoco che cuoceva carne di cinghiale, e intorno dei tavoloni con panche ricoperte da pellicce di renna. Veramente una cosa particolare e piacevole. Finito di cenare,circa alle 23.30 ,ci siamo spostati all'aperto dove incredibilmente c'era ancora il sole. Ci siamo radunati intorno ad un fuoco e Joachin Sauer ci ha dilettati suonando con la sua chitarra. Poi materassino e sacco a pelo e tutti i tenda a dormire. È stata una splendida giornata, diversa dal solito, che ci ha fatto scoprire aspetti della Svezia che non conoscevamo.

HUSABERG TE125
Si tratta della novità 2012. La più piccola della famiglia ma anche la più maneggevole e meno faticosa. Nonostante la capienza del serbatoio, 11 litri, e i suoi 95 kg, sembra di guidare una bicicletta. Si presenta aggressiva nell'affrontare i tipici sabbioni svedesi e seppure spinta da un motore di piccola cilindrata, possiede una grande potenza ai bassi regimi che permette di percorrere le curve più sabbiose ad elevate velocità. Inoltre il motore presenta un ottimo allungo, che consente di godere al cento per cento questa moto in situazioni del genere. Anche per quanto riguarda i più tipici percorsi dell'enduro, come ad esempio sentieri stretti in mezzo ad alberi, in cui si trovano sassi, buche e radici, e in cui è indispensabile una moto maneggevole il più possibile per poter scegliere le traiettorie migliori, la piccola 125 non delude le aspettative.

Immagine
Un test alla scoperta della Svezia

C'è però da dire, che nella situazione sopra citata, il motore non risulta facilissimo per l'amatore: occorre tenerlo sempre su di giri, in modo tale da poterlo trovare pronto di fronte ad ostacoli imprevisti. D’altra parte la necessità di mantenere la moto ad alti giri è tipica delle piccole cilindrate.
Possiamo quindi dire che la novità di Husaberg è un ottimo compromesso sia per il ragazzino che si avvicina all'enduro, che per il pilota più esperto: ha un motore completo con un ottimo tiro e allungo uniti a una maneggevolezza invidiabile.
Come per tutti i modelli Husaberg, anche la moto presa in considerazione presenta un assetto di base perfettibile, in particolare per i piloti di un livello alto, perché possiede il monoammortizzatore con poco neutro e la forcella piuttosto morbida e sfilata dalle piastre di circa 6-7 millimetri: questo consente agli amatori di curvare più facilmente ma per i piloti più esperti rende le cose più complicate, perché il peso viene caricato quasi esclusivamente sull'avantreno e fa “chiudere” lo sterzo, rendendo difficile l'inserimento in curva; inoltre affrontando le buche abituali in staccata il posteriore resta troppo alto. Questo assetto risulta ancora meno adatto su questi terreni sabbiosi, dove la moto andrebbe preparata in maniera opposta: personalmente ho trovato il miglior compromesso portando il neutro del mono ammortizzatore a circa 3,5 centimetri, sfilando al massimo la forcella e indurendola di parecchi “clic”.
Prezzo TE 125: 7.100 euro

HUSABERG TE 250 - 300 2T
Le due tempi sono le moto con le quali mi sono trovato meglio, tenendo conto di tutte le situazioni in cui le ho provate perché esse possiedono la maneggevolezza che si avvicina molto a quella del 125, ma allo stesso tempo presentano un motore veramente potente che permette di sfruttare al massimo il tiro usando il motore con marce grosse ma nonostante ciò, ma differenza del 125, quando si apre il gas sono ugualmente reattive; questa caratteristica le rende sfruttabili al massimo sia nella prova più sabbiosa, sia nella prova più enduristica.Il 250 ha un motore leggermente meno potente rispetto alla sorella più grande, quindi va usato in maniera più dinamica portandola a giri più alti,ma in compenso su terreni così faticosi stanca leggermente meno perché la si sfrutta sempre al massimo.

Immagine
Il particolare di questi nuovi modelli che attira immediatamente l'attenzione è il nuovo colore del telaio: il giallo, che insieme ai convogliatori blu richiama la livrea della bandiera svedese

Sulla sabbia ho preferito il 300 perché, con un terreno che “frena” molto, avere quel pizzico in più di potenza mi aiuta a uscire dalle curve di sabbia e nelle ripartenze. Il 250 invece lo preferivo nel “guidato” dove occorre più maneggevolezza che mi consentiva di cambiare facilmente traiettoria oppure riuscir a mantenere la linea nei sentieri più stretti e insidiosi dove comunque la potenza di questo motore risultava sufficiente. Queste due moto nelle zone estreme sono l'ideale: la potenza del motore abbinata alla maneggevolezza del telaio rendono qualsiasi passaggio accessibile a tutti, potendolo affrontare a qualsiasi velocità e nelle linee più diverse. Rispetto alle cilindrate più grosse della 4 tempi risultano molto meno stancanti, caratteristica fondamentale in ottica di gara. Il comportamento delle sospensioni ricalca quanto descritto sopra per la 125.
Prezzo TE 250: 7.950 euro
Prezzo TE 300: 8.300 euro

HUSABERG FE 390 4T
Nei quattro tempi è la moto più adatta al maggior numero di piloti. Durante questi test ho trovato molto più stancanti le quattro tempi rispetto alle due tempi. Detto ciò, nelle tre cilindrate più grosse (390-450-570) il miglior compromesso è questa moto per diverse caratteristiche: innanzitutto il divario, come potenza del motore rispetto al 450 non è così ampio; il 450 va più forte ma su terreni del genere non risulta sfruttabile quanto il 390, questa caratteristica rende possibile gareggiare nella stessa categoria (E2). Come dicevo con i 4t ci si stanca di più rispetto ai 2 tempi ma con questa moto la fatica si sente molto meno rispetto alle cilindrate maggiori. Il motore è ottimo, quando si spalanca il gas sulla sabbia spinge subito forte ma senza strappare, cosa che succede invece con il 450, e quindi è abbastanza facile mantenere la linea in curva. Il motore va forte anche in alto, allunga tanto e non so quanta differenza, in termini di velocità, ci sia rispetto alla cilindrata maggiore. Anche nel brutto si riesce a gestire abbastanza, offre la possibilità di giocare sui sassi come sui tronchi, sfruttando l'ottimo spunto del motore.
Diciamo che la vedo sì come moto per amatore, ma anche e soprattutto come una moto per “piloti” perché per sfruttarla al massimo e godere a 360° bisogna spingere abbastanza sull'acceleratore o per dire in termini enduristici “girare la manetta”.
Prezzo FE 390: 8.850 euro



HUSABERG FE 450 – 570 4TEMPI
Le due big della gamma hanno dalla loro parte la grossa potenza del motore che permette di usarle con marce grosse e con un filo di gas. Guidandole in questo modo si riesce forse a sfruttare di più il motore perché per usarle, ad esempio,come un 390cc bisogna avere un allenamento notevole e soprattutto una bella “manetta”.
Il 570cc l'ho apprezzato molto nella parte più crossistica del tracciato, sabbioni e buche: inserendo la marcia lunga il motore allunga senza salire troppo di giri e con l'inerzia galleggia sulle buche dando una piacevole sensazione di stabilità, potendo scavalcare con estrema facilità le buche più grosse semplicemente con un colpo di gas. Nella parte interna del tracciato, cioè quella più stretta e da guidare, ma sempre con buche enormi, l'ho trovata un po' eccessiva, nonostante la guidassi con marce lunghe e a giri bassi, raggiungevo subito elevate velocità e a quel punto gestire una moto del genere in tratti così insidiosi non è per niente facile. Non ha la maneggevolezza del 390.

Immagine
La presentazione dei nuovi modelli Husaberg 2012 è stata diretta da Joachin Sauer, importante personaggio del mondo KTM-Husaberg nonché ex pilota di prestigio nell'enduro.

Il 450 l'ho trovato invece l'opposto del 570: piacevole nella parte più guidata, perché leggermente più maneggevole rispetto alla cilindrata più grossa ma comunque con un motore altrettanto potente da poterlo usare con marce grosse; resta troppo eccessiva e troppo potente nella parte sabbiosa: quando si apre il gas, scarica la potenza in maniera cattiva rendendo difficile il controllo, sopratutto in curva. Il motore allunga tanto ma mi è sembrato più “cattivello” rispetto al 570 cc; è meno potente per poterla usare come la sorella più grande e troppo potente per guidarla come un 390cc. E' una moto secondo me per piloti esperti o comunque allenati.
Prezzo FE 450: 9.050 euro
Prezzo FE 570: 9.100 euro

fonte moto.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

Torna a Joe Bar

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: AlessandroK500, ant, Bing [Bot], commandor, commodoro, cross196, genioss86, Gerko, Google [Bot], katana, Lello79, Majestic-12 [Bot], napalmz, neodany, Ninjo, piuma, starless, steppenwolf, Yahoo [Bot]

SEO Search Tags

570 husaberg è piu potente del ktm 450      PROVA HUSABERG te 300      colori bandiera myktm      colori husaberg      differenze di guida husaberg 570 hsaberg 390      enduro 125 cc usata preparata gara elaborata      forcella husaberg fe 390      forum ktm      husaberg 125      husaberg 390 prova      husaberg 390 usato      husaberg 570 è piu potente di un 450      husaberg differenze tra 390 e 450      il colore che sta in mezzo alla nostra bandiera ktm      in svezia regole enduro      ktm 390 duke india tradotto in italiano      ktm duke 390prova      neutro forcella husaberg 2013      prezzo HSABERG 390 4T enduro      prova husaberg 390 2012      prova husaberg 390!2012      prova husaberg 390      stabilita avantreno husaberg 390      subito.it moto hsaberg fe 300      pu potente ktm 450 o husaberg 570      enduro ostacoli training      husaberg forum italia