KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Tutto... proprio tutto quello che non ha sezioni dedicate.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

bradipo ita
Avatar utente
 
Messaggi: 5261
Iscritto il: 22/01/2009, 0:47
Località: Trieste

METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 09/04/2009, 22:03

METEORE: come sono oggi i personaggi dei telefilm cult degli anni '80.



Immagine



MAGNUM P.I.


Immagine


Il popolarissimo telefilm "Magnum P.I." è stato ideato da Donald P. Bellisario e Glen A. Larson nel 1980 e trasmesso per 8 stagioni dalla CBS, dal 1980 al 1988, per un totale di 162episodi da un'ora ciascuno. Fuori dagli Stati Uniti la serie è stata trasmessa a partire dal 1981, in particolare in Italia per la prima volta dal 1982 al 1990 su Italia 1.

- Negli anni 80, le serie tv, nascevano da piccole idee, che molto spesso venivano accantonate, dimenticate e riprese in un secondo tempo. E' stato questo il caso di "Magnum P.I." L'idea in questione è venuta al produttore Michael Bellisario: la chiusura dopo dodici anni della serie "Hawaii Squadra Cinque Zero", gli ha fornito l'occasione di dare il via alla produzione utilizzando le stesse location e il materiale di scena.

- L'identità di Robin Masters, il celebre scrittore che ingaggia Magnum come investigatore e gli fornisce alloggio e Ferrari, resta avvolta nel mistero, sebbene verso la fine dell’ultima stagione il maggiordomo sostenga di essere lui Masters (in un episodio la voce del magnate è interpretata da Orson Welles), e successivamente, con tono ironico, dice di aver mentito su Masters. A tal riguardo, Donald P. Belisario si è espresso direttamente ai giornalisti dopo una cena con il cast di JAG, avvocati in divisa e ha dichiarato che Robin Masters e Higgins erano due persone distinte.

- Nel corso della serie "Magnum" guida una Ferrari 308 GTS rossa. Ne furono usate quattro pe girare: due 308 GTSi (una delle quali poi acquistata da Larry Manetti) e, più tardi, due 308 GTSi 4V. Le quattro vetture furono sottoposte a modifiche per permettere a Tom Selleck di entrarvi e uscirvi agevolmente, in ragione della suo 1.93 di statura (ragione per cui viaggiava sempre con il tettuccio aperto). Gli interventi principali riguardarono l’imbottitura dei sedili e il loro meccanismo di scorrimento.

- Tom Selleck per interpretare Magnum ha rinunciato a vestire i panni dell'archeologo più famoso del mondo: "Indiana Jones". Era lui, infatti, il prescelto di Spielberg, ma per rispettare il contratto già firmato con i produttori di Magnum dovette rifiutare l'offerta. Il colmo è che le riprese di Magnum sono poi partite con sei mesi di ritardo e la prima location non era lontana dalle Hawaii.

- Tra i tanti cameo del serial ricordiamo: Frank Sinatra (nei panni di un poliziotto di New York in pensione), Vera Miles, Sharon Stone, Morgan Fairchild, Ernest Borgnine, Angela Lansbury (la signora in giallo Jessica Fletcher). Le musiche del telefilm sono di Mike Post, ex compagno di scuola di Selleck e Pete Carpenter.

Immagine



FANTASILANDIA

Immagine


"Fantasilandia" è il nome del luogo dove si realizzano i sogni. Un isolotto, situato in un luogo non precisato, dove arrivano ogni settimana nuovi ospiti che per 50mila dollari vengono accolti dal signor Roarke e dal suo assistente Tattoo e si preparano a vedere esauditi i loro desideri.
Il telefilm statunitense e' stato trasmesso dal canale ABC dal 20 gennaio 1978 al 19 maggio 1984 per un totale di 157 episodi.

- Parte del grande successo ottenuto da questa serie girata fra la California e le Hawaii fu dovuto anche alle numerose guest-star che vi hanno partecipato. Tra le tante: Adam West (il Batman anni 70), Bob Hopkins, Geena Davis, Janet Leigh, Joan Collins, Linda Blair, Victoria Principal, Tom Jones, Liz Tylor e Patrick Duffy.

- La serie fu preceduta da un episodio pilota, diviso in due parti, e trasmesso il 14 gennaio 1977: "Fantasy Island". Un'altra puntata pilota è stata trasmessa, sempre diviso in due parti, il 20 gennaio 1978, subito seguito dalla serie.

- Nel 1998 è stata realizzata una serie omonima, con un cast completamente diverso. Il successo del prodotto originale, però, non è stato ripetuto. La produzione della nuova versione di "Fantasilandia" si è chiusa dopo soli 13 episodi.

RICARDO MONTALBAN
(MISTER ROARKE)
E' ancora sulle scene. Alla veneranda età di 87 anni non si è ancora stancato di recitare.

HERVE VILLECHAIZE
(TATOO)
Il piccolo Tatoo, dopo la chiusura del telefilm non si è mai veramente ripreso. Il suo vero problema era il lavoro: ha girato solamente quattro film nell'arco dei successivi 8 anni e in ruoli veramente piccoli.
Una grave depressione lo ha colpito e ha posto fine alla sua vita nel 1993, a 49 anni (1943-1993).


AUTOMAN

Immagine


Il telefilm del 1983, creato dal famoso produttore Glen A. Larson, si avvicinava molto dal punto di vista visivo al film "Tron" della Disney grazie agli effetti speciali applicati al vestiario e ai mezzi di locomozione legati al protagonista.
Non ha avuto molta fortuna nè in America ed è stata interrotto alla prima stagione, dopo solamente 13 episodi. Nonostante ciò, è considerata a tutt'oggi una serie cult a tutti gli effetti.

- Cursore, il compagno di Automan fatto soltanto a forma appunto di cursore luminoso. Cursore è in grado di disegnare, e quindi creare, nel mondo reale qualsiasi cosa Automan richieda, come ad esempio macchine ed elicotteri. Automan è l'unica serie televisiva ad utilizzare una Lamborghini Countach, infatti questo è il modello che Cursore disegna quando gli viene richiesta un'automobile.

- Molti hanno giudicato "Automan" una copia del film "Tron" soltanto per la condivisione di un'idea di base e alcune scelte stilistiche. Infatti le due pellicole hanno in comune l'ambientazione fantascientifica in cui il mondo della realtà virtuale si fonde con la realtà fisica.

- Ancora oggi in rete, c'è chi da la caccia spietata all'intera serie. E non solo perchè è considerata una serie di culto ma anche perchè l'episodio finale non è mai stata trasmesso ed è disponibile esclusivamente in dvd o formati simili.

CHUCK WAGNER
(Automan)

Immagine


50 anni. A differenza della serie, ha ottenuto un grande successo personale interpretando questo ruolo (è stato anche protagonista di Hazzard, Dinasty, Matlock, General Hospital. Ciò gli ha procurato la possibilità di intraprendere una fortunata carriera di cantautore country e di continuare con un ottimo successo l'attività di attore teatrale. Negli ultimi anni ha partecipato al tour "Ringling Brothers Barnum & Bailey Circus".

DESI ARNAZ JR.
(Walter Nebicher)
Figlio della nota attrice Lucille Ball, pur continuando la sua carriera d'attore non è mai più riuscito ad ottenere parti da protagonista o coprotagonista, come nel caso di questa sfortunatissima serie. Il suo ultimo lavoro risale alla fine degli anni 90, in seguito si è occupato della fondazioen che porta il nome della madre.

LOVE BOAT

Immagine


"Mare, profumo di mare, con l’amore io voglio giocare..."
Parole che non possono che riportare alla mente quel motivetto, che a modo suo, è stato uno delle colonne portanti degli anni 80 e con lui la serie a cui faceva da sigla: "Love Boat".
La serie, ispirata all’omonimo romanzo della direttrice di crociera Jeraldine Saunders, è andata in onda in America dal 1977 al 1986 e in Italia a partire dal 1980 (9 stagioni, 249 episodi, 4 film tv), ottenendo un grande successo.

Un consenso dovuto principalmente alla particolare struttura della serie che grazie alla sua stessa natura, era in grado di raccontare storie diverse in ogni episodio. I veri protagonisti, infatti, non erano i membri del personale di bordo bensì i passeggeri, in genere interpretati da attori e personaggi molto popolari in America (ricordiamo Andy Warhol, Tom Hanks, Tom Bosley, Marion Ross, Heather Locklear, Tori Spelling, Ginger Rogers, Sonny Bono e Gene Kelly).

GAVIN MACLEOD
(CAPITANO MERRILL STUBING)
E’ diventato popolare grazie alla sua partecipazione alla sit-com "Mary Tyler Moore". Al cinema ha partecipato a decine di film come "Operazione Sottoveste" e "L’aereo più pazzo del mondo". In tv, oltre ad aver dato vita al Capitano Stubing, ha preso parte anche a "Perry Mason" e "Charlie’s Angels". Dopo la fine della serie ha proseguito a recitare principalmente per la televisione. Nell’arco della sua carriera ha ricevuto cinque nomination ai Golden Globe e ne ha vinti due. Ultimamente ha partecipato alla serie "That’s 70s Show" e si è dedicato ad alcuni progetti in qualità di regista produttore.

LAUREN TEWES
(JULIE MCCOY)
Ha partecipato a Love Boat fino al 1985. In quell’anno ha dovuto abbandonare la serie a causa di seri problemi con la droga ed è stata sostituita da Pat Klous, che ha dato vita al personaggio di Judy McCoy, sua cugina. A teatro ha partecipato alla commedia My Fair Lady ed è stata voce ufficiale di un network radiofonico, in seguito impegnata in teatro sia come attrice che come insegnante di recitazione e dizione.

BERNIE KOPELL
(DOTTOR ADAM BRICKER)
L’attore ha da sempre legato il suo volto alla serialità televisiva, partecipando a decine di telefilm, tutti di successo. Tra questi ricordiamo il Doris Day Show, Charlie’s Angels e Vita da Strega. E’ stato anche conduttore televisivo ed ha partecipato anche al remake di Love Boat in qualità di guest- star. Dopo la fine della serie, ha proseguito la sua carriera in maniera piuttosto intensa, ottenendo ruoli in serie come Beverly Hills 90210, Streghe e Scrubs. Al contempo ha portato avanti la sua attività di comico, esibendosi in vari show. Ha un film in uscita nel 2007 ed oggi ha 74 anni.


FRED GRANDY
(BURL GOPHER SMITH)
Nell’anno in cui si è concluso Love Boat, l’attore è entrato in politica, diventando senatore. Ha tentato di diventare Governatore dell’Iowa ma ha perso le elezioni. Questa è stata la sua attività principale fino al 2003, anno nel quale ha ripreso a recitare, partecipando ad un film e alla serie Law & Order. Nel frattempo ha continuato comunque la sua carriera di conduttore radiofonico.

TED LANGE
(ISAAC WASHINGTON)
Prima di entrare nel cast di "Love Boat", si è diviso tra partecipazioni ad altre serie televisive e teatro. Dopo la chiusura del telefilm ha continuato a recitare, soprattutto per la tv. Anche lui come Kopell è comparso nel remake di "Love Boat" ed in "Scrubs". Ha partecipato anche al reality show "Celebrity Fit Club". Poco tempo fa ha portato in scena la piece "George Washington’s Boy" ed ha due film in uscita nel 2007.

A-TEAM

Immagine


Negli USA il telefilm fu trasmesso per cinque stagioni a partire dal 23 gennaio 1983 fino all'8 marzo 1987, con un totale di 98 episodi, diventando una serie di culto per gli appassionati del genere. In Italia è stato lanciato a metà degli anni 80 da Italia 1. Prodotta da Stephen J. Cannell e Frank Lupo la serie segue il filone di un "militarismo buono" dove armi ingegnose e letali non portano mai a uccisioni o gravi ferite, seguendo una caratteristica tipica dell'intrattenimento popolare negli anni ottanta.


- In origine il ruolo di leader del gruppo Hannibal era stato proposto a James Coburn, prima di essere definitivamente assegnato a George Peppard.; quest'ultimo compare anche in un film italiano del 1979: "Contro 4 bandiere", di Umberto Lenzi

- Il cantante inglese Boy George, all'epoca del'A-Team, ancora una star di primo piano, è apparso in un cameo in un episodio della serie.

- Prima di diventare attore, Mister T è stato giocatore di football, pugile e lottatore di wrestling al fianco di Hulk Hogan, la guardia del corpo (al servizio di personaggi quali Steve McQueen, Mohammed Ali e Diana Ross).

- Nel 2006 è stato mandato in onda da una tv inglese "Bring back...The A-team": un programma nel quale sono stati riuniti tutti i membri più importanti del telefilm tra cui:Mr. T, Dirk Benedict, Dwight Schultz e il creatore della serie tv Stephen J. Cannell. Attualmente è in via di produzione un film basato sulla serie TV, che però è ambientato ai giorni nostri, con i protagonisti operanti in Iraq invece che in Vietnam. Uscita prevista: giugno 2009.

- In una puntata del telefilm "Arnold" viene girata una puntata di A-team in casa del protagonista. Nell'episodio compare anche Mr. T. Al gigante nero venne anche dedicato un cartone animato.

GEORGE PEPPARD
(Hannibal)
Famoso per il suo ruolo in "Colazione da Tiffany", è purtroppo venuto a mancare nel 1994, a 66 anni, per un tumore ai polmoni. Considerato un donnaiolo, Peppard si sposò cinque volte, ed era padre di tre bambini.

LAURENCE TUREDAUD
(Mr. T)
Oggi 56enne, dopo i tempi in cui arrivava a guadagnare circa 95.000$ a settimana per il suo ruolo nell' A-Team, ha dovuto attraversare un tremendo periodo in cui ha combattuto con tutte le forze contro un linfoma. Determinato come il suo personaggio, ha superato la malattia, ma si è ritrovato praticamente senza denaro per il costo delle spese mediche ed è stato costretto a girare numerose pubblicità e accettare comparsate nei film tv.
DIRK BENEDICT
(Sberla)
E' stato anche uno dei protagonisti di "Galactica", partecipato a molte puntate nella serie "La signora in giallo" e in episodi di "Mac Gyver" e di "Walker Texas Ranger" è oggi uno sceneggiatore e regista teatrale; si occupa inoltre di tenere seminari sui vantaggi della dieta macrobiotica.

DWIGHT SCHULTZ
(Murdock)
Ha recitato in vari film di fantascienza, e soprattutto nelle due serie di "Star Trek", "Voyager" e "Next generation", dove interpreta il tenente Barclay, oltre a "Stargate".

SUPERCAR

Immagine


Nel 2007 Kitt, la popolare auto parlante guidata da David Hasselhoff è stata messa all'asta su eBay. La Pontiac Trans Am del 1984, una delle quattro macchine parlanti esistenti, era stata messa in vendita a 20mila dollari.

Il telefilm è stato interrotto alla fine della quarta stagione a causa di un repentino calo degli ascolti, che non riuscivano più a bilanciare gli elevatissimi costi di produzione. Ciò avvenne in modo del tutto improvviso e imprevisto, in quanto l'ultimo episodio in assoluto, "La spedizione maledetta", termina in modo completamente normale senza lasciar presagire nulla della fine definitiva della serie.

DAVID HUSSELHOFF
(Michael Knight)
Ha costruito la sua fama esclusivamente grazie ai telefilm "Supercar" e "Baywatch" (1989-2000), che, con circa un miliardo di spettatori, è la serie televisiva più vista in tutto il mondo. È stato anche cantante, apprezzato soprattutto in Germania, dove ha venduto milioni di copie, arrivando persino a tenere un concerto a Berlino il giorno della caduta del Muro, nel 1989, davanti a cinquecentomila spettatori.
Negli ultimi anni ha avuto seri problemi di alcolismo con conseguenti ricoveri in cliniche per la disintossicazione.

Immagine



CHIPS

Immagine


"CHIPS" è un telefilm statunitense andato in onda tra il 1977 e il 1983 sulla rete televisiva Nbc (139 episodi da 60 minuti), uno dei più grandi telefilm polizieschi di tutti i tempi. "CHIPS" è l'acronimo di California Highway Patrols (la nostra polizia stradale), che dotata di potenti motociclette (delle Kavasaki 1000 ai tempi del telefilm) percorre le strade e le autostrade della California al fine di prevenire qualsiasi genere di crimine.

L'interprete di Jhon (Larry Wilcox), a causa delle continue liti con Erik Estrada (Poncharello) ha abbandonato la serie, nel corso della sesta stagione. A Ponch è stato affiancato il giovane agente Bobby Nelson e questo ha provocato un crollo negli ascolti, decisamente irrerversibile.

- I due attori in seguito si sono riappacificati e nel 1993 sono tornati a ricoprire i rispettivi ruoli nel corso di un'apparizione nel film per la tv "Loaded Weapon 1", da noi uscito con il titolo "Palle in canna". Nel 1998 hanno partecipato ad un film per la tv intitolato "CHIPS '99", nel quale sono tornati a scorazzare su una nuovo moto, in questo caso una Bmw. Nello stesso film, è comparsa la macchina del film "Supercar 2000".

La centrale di polizia dove è stato girato il telefilm è la vera stazione di Central Los Angeles della California Highway Patrol all'incrocio tra la Harbor e Santa Monica Freeway al numero 777 di West Washington Blvd, oggi totalmente ristrutturata. Dalla Terza Stagione la gran parte delle scene sono state girate in una identica centrale ricostruita fedelmente presso gli MGM studios.

- In una scena di inseguimento tratta dai CHIPS, la protagonista è una Fiat 128 1300 Berlina 4 porte, nella sua versione americana, la si riconosce dai paraurti larghi e in gomma.

ERIK ESTRADA
(Francis Poncherello)

Immagine

Ha continuato a recitare, pur rimanendo sempre legato al personaggio della serie che lo ha reso un vero e proprio sex symbol. Oltre ad aver preso parte ai film per la tv legati a CHIPs, si è diviso tra cinema e soap opera in spagnolo ed è apparso in tempi più recenti in reality show americani.

LARRY WILCOX
(Jonathan Baker)

Immagine


Ha avuto lo stesso destino del suo collega. Anche lui ha continuato la sua attività d'attore ma nel 2000 ha deciso di passare dietro le quinte.
Oggi ha 61 anni ed è regista e produttore televisivo piuttosto affermato

HAZZARD

Immagine


Questa è la ballata di Bo e Luke, due ragazzi in gamba con una marcia in più, corre l'auto corre e sfreccia a tutto gas, la città non dorme mai con Bo e Luke, Bo e Luke..." Con questa strofa attaccava la canzone che faceva da sigla all'edizione italiana di "Hazzard", serie statunitense andata in onda sul canale televisivo CBS dal 1979 (in Italia due anni più tardi) al 1985 raccogliendo successi in tutto il mondo.
Nel corso dell'episodio di SmallVille "Traffico di donne", c'è stata una reunion dei cugini Bo e Luke Duke. Dopo più di vent’anni i protagonisti di Hazzard, John Schneider e Tom Wopat, sono tornati a recitare insieme. Il primo, che interpretava da diversi anni, il padre del giovane Clark Kent, si è trovato a dover dare una mano ad un vecchio amico, per l’appunto Wopat.

- I personaggi di Boss Hogg e Rosco, sono comparsi anche nella sit-com "Alice".

- La macchina utilizzata per la serie è una Dodge Charger del 1969 con motore Hemi (ovvero il General Lee). Per ogni settimana di riprese venivano impiegati almeno tre Generali Lee, per un totale che si aggira intorno alle 309 unità.

- Dalla serie originale sono stati prodotti, sempre con il cast originale, due film tv (il primo senza Sorrell Booke-Boss Hogg morto nel 1994, il secondo senza Denver Pyle-Jesse Duke morto nel 1997): "Hazzard 20 anni dopo" (1997) e "Hazzard: Bo e Luke vanno a Hollywood" (2000).

- Dalla serie è anche stata prodotta una serie di cartoni animati, sempre con le voci del cast originale: Hazzard (1983); "Hazzard" inoltre è diventato anche videogioco, sempre con le voci del cast originale: "The Dukes of Hazzard: Racing for Home" (1999), "The Dukes of Hazzard: Return of the General Lee" (2004).

TOM WOPAT
(LUKE DUKE)
Ha continuato la sua carriera di attore televisivo, interpretando ruoli secondari. Quest’anno è comparso in alcune serie televisive americane in qualità di guest star. Oggi ha 56 anni.


JOHN SCHNEIDER
(BO DUKE)
Come il collega ha continuato a lavorare nel mondo della tv, interpretando ruoli di primo piano. Ha fatto parte del cast di SmallVille. Vedi post del 27 giugno.

CATHERINE BACK
(DAISY DUKE)

Immagine


Ha continuato la sua carriera di attrice, incontrando qualche difficoltà, nonostante nel 1983 fosse stata eletta l’attrice più sexy della televisione americana. Subito dopo la chiusura della serie, ha recitato in uno spin-off, dedicato al suo personaggio, che si è rivelato un flop. Dopo di che ha continuato a recitare in tv, in ruoli minori e ha preso parte ad una serie di special legati ad Hazzard. Oggi ha 53 anni.

DENVER PYLE
(ZIO JESSE)
E’ morto nel 1997 ma fino a pochi mesi prima ha continuato a recitare in teatro.

JAMES BEST
(ROSCO P. COLTRANE)

Immagine

Oggi ha 81 anni e non ha mai smesso di recitare. E quando si parla di lui, non è possibile, non citare Flash, il cane che gli ha fatto da spalla in tutti gli episodi di Hazzard.

Immagine

Il vero nome di Flash era Roosvelt e veniva confidenzialmente chiamato Roos. E’ mancato nel 1996. Dopo la fine della serie ha continuato a “lavorare” in film per famiglie. Ha partecipato alla reunion del cast, tenutasi nell’anno della sua morte.

SONNY SCHROYER
(ENOS STRATE)
uscito dal cast di Hazzard nella quinta stagione. Al suo personaggio è stata dedicata una serie omonima che si è rivelata un flop. In seguito ha continuato a recitare in tv, in ruoli secondari. Oggi ha 72 anni.

SORRELL BROOKE
(BOSS HOGG)
E’ mancato nel 1994 ma ha continuato a recitare fino all’anno precedente.


Street Hawk


Immagine


Il falco della strada (titolo italiano di Street Hawk) è una serie televisiva statunitense, trasmessa per la prima volta nel 1985 dalla ABC e qualche anno dopo in Italia.
Il protagonista Jesse Mach (Rex Smith), è un poliziotto di Los Angeles. Un incidente alla gamba lo costringe durante il giorno ad un lavoro dietro una scrivania nell'ufficio informazioni della centrale, ma di notte salta a bordo di una segreta e avveniristica motocicletta, progettata e costruita da Norman Tuttle, che coordina le azioni dalla sala di controllo. Con la motocicletta, chiamata Falco della strada, Jesse dà la caccia ai criminali, senza che nessuno conosca la sua identità, nemmeno la polizia. Così come succede a Peter Parker (l'uomo ragno), il protagonista deve sorbirsi il disprezzo che il suo capo ha per la sua identità segreta, essendo inconsapevole del fatto che si tratti dello stesso Jesse Mach.
La serie è caratterizzata anche dalla colonna sonora incalzante e ricca d'effetti dei Tangerine Dream, che ne sottolinea il tema fantascientifico.

Immagine
Rex Smith oggi fa il cantante country.

La motocicletta:
Il Falco della strada segue le indicazioni di Norman, che studia la situazione dal quartier generale, ed è pesantemente armato (in particolare di un cannoncino laser) e velocissimo: all'occorrenza ha una supervelocità, che gli permette di raggiungere 300 miglia orarie (480 Km/h), (storica la frase di Jesse via radio:"ok Norman...vai con L'iper-velocita'!....5,4,3,2,1...ORA!VVVVRRRROOOOOAOAOAOMMMMMMM!!!!!!!!)ma può anche arrestarsi velocemente o compiere balzi a grande altezza. Il casco del pilota, nero come la tuta e la moto, si apre automaticamente, inoltre mostra al pilota dati come la velocità del veicolo, la mira o uno zoom di ciò che sta guardando.
Durante gli episodi sono state usate 15 moto, basate sui modelli Honda XL500, XR500 e CR250.

..purtroppo venne trasmessa solo la prima stagione prima di essere cancellato composta appunto da 13 episodi di cui il 1'(pilot-film) di 90" dove la parte del cattivo venne interpetata da Christopher Lloyd(D.O.C. in "Ritorno al Futuro")
:..nel secondo episodio l'antagonista/amico del protagonista fu interpretato niente meno ke da un giovanissimo George Clooney!

Hardcastle & McCormick


Immagine


Immagine



Mark McCormick, un passato da ladro di automobili, viene ingiustamente accusato dell'omicidio di Johnny Johnson, con il quale stava lavorando alla progettazione di una nuova macchina da corsa, la Coyote. Presentatosi per l'udienza davanti al giudice Milton Hardcastle, McCormick riesce a convincerlo della propria innocenza, anche se il giudice ottiene che il prigioniero venga affidato alla sua custodia. Il vecchio giudice ha infatti in mente un progetto, quello di riuscire a catturare tutti quei criminali che sono sfuggiti alla legge per cavilli burocratici. E McCormick e la sua Coyote fanno proprio al caso suo.. Che fine hanno fatto? Brian Keith, il giudice Hardcastle e popolarissimo zio Bill di "Tre nipoti e un maggiordomo" si è purtroppo tolto la vita nel 1997, due mesi dopo che sua figlia era morta suicida per cause ignote. Un'altra triste storia di un eroe degli anni 80. Daniel Hugh Kelly, lo scapestrato McCormick, recentemente visto nel film tratto dalla serie "Bonanza" e in "Star Trek - Insurrezione", è ancora un attore, pur se non in film di prima importanza.
La COYOTE X deriva da un kit prodotto dalla Manta e più precisamente la Manta Montage (opportunamente modificata) che tra l'altro è già lei una replica della McLaren M6GT .
La Manta Cars fu fondata dai fratelli Brad e Tim LoVette agli inizi delgi anni 70.Insieme progettarono e costruirono due macchine la Mirage e la Montage (veros la fine degli anni 70).
La ditta Manta Cars chiuse i battenti agli inizi degli anni 80, ma ancora oggi in America ci sono molti appassionati di queste auto sportive prodotte in kit.
Nel 2000 David Savage e Dave Schroeder appassionati di queste macchine si sono messi a commercializzare nuovamente questi kit di montaggio, inaugurando una nuova ditta chiamata Mantacars.com che è anche il nome del relativo sito.
In Italia queste vetture in KIT sono considerate pezzi unici quindi difficilmente omologabili.



La McLaren M6 GT del 1969 by B. McLaren e Coppuck

Immagine


Telaio Versione stradale della M6A Can-Am.
Monoscocca in pannelli di alluminio ed acciaio rivettati con carrozzeria in fibra di vetro,
800 Kg di peso e serbatoio da 140 litri.
Prestazioni 290 km/h e 0-100 km/h in 4.2 s.
Sospensioni Anteriori e posteriori indipendenti con molle elicoidali e freni a disco autoventilanti.
Motore Chevrolet LT1 V8 di 90°, 4993 cc e 2 valvole per cilindro.
Cambio Hewland LG 600 a 5 marce con differenziale autobloccante.

Il primo esemplare (M6GTR-01) venne prodotto dalla McLaren ed utilizzato da Bruce McLaren come auto personale (targato OBH 500H); il secondo (chiamato anche M6BGT) venne prodotto dalla Trojan sul telaio M6B (M6B/GT 50-17) e venduto a Prophet che lo utilizzò in due gare europee GT prima di trasformarlo in spider. Il 21 novembre 1964 la McLaren firma un accordo con la "Lambretta-Trojan" (acquisitaria della ELVA). Nella sede di Hastings (Sussex - GB) la TROJAN produce su licenza le vetture McLaren da competizione, lasciando a quest'ultima la possibilità di avvalersi della propria struttura per costruirsi liberamente i propri modelli e prototipi. L'accordo termina il 1972.Oggi di questo modello M6 GT esistono solo tre esemplari al mondo.Una M6 originale vale oltre i 330.000 euro.
Altri carrozzieri si sono cimentati producendo repliche simili o identiche alle originali a volte utilizzando i telai originali o stampi originali comprati all’asta.Il valore di queste repliche sono proporzionali all’accuratezza del mezzo.



"L'uomo da sei milioni di dollari"

"L'uomo da sei milioni di dollari" (titolo originale: "The Six Million Dollar Man") è una serie televisiva trasmessa originariamente negli Stati Uniti tra il 1974 e il 1978 dalla ABC, di cui furono girati 3 episodi pilota e 100 episodi. La serie è liberamente ispirata al romanzo "Cyborg" di Martin Caidin.

Immagine


- La serie ha generato uno spinoff, "La donna bionica". Dalla serie con protagonista Lee Majors sono stati tratti 6 film per la tv.

-Alla sua uscita in Italia, la serie ebbe come sigla iniziale la canzone "Se" cantata da Nino Buonocore, che diventerà noto solo anni dopo con "Scrivimi".
In un episodio il colonello Steve Austin fa solo una breve comparsata all'inizio. Tutto il resto della puntata ruota attorno a un uomo, sottoposto ad un processo sperimentale che gli permette di aumentare all'infinito la capacità della sua memoria. Dopo questo episodio il personaggio non compare più nella serie.

- Tra le numerose guest star che sono apparse nel telefilm ricordiamo: Farah Fawcett (ai tempi moglie di Majors), André The Giant, Kim Basinger, Sonny Bono, Erik Estrada, Stefanie Powers, Dick Sargent, William Shatner, Suzanne Somers, Rick Springfield.

- Nel 2003 si è parlato della possibilità di realizzare un remake cinematografico con Jim Carrey come protagonista. Il progetto è stato sospeso per problemi di budget ma il film potrebbe vedere la luce presto.

LEE MAJORS
(Steve Austin)
Settant'anni da compiere il 23aprile, ha continuato a dividersi tra cinema e televisione, non riuscendo più ad interpretare ruoli di rilievo.
Dopo la serie ha recitato in 5 film: "Il principe Thorwald" (1978), "Sei uomini d'acciaio" (1979), "Killer Fish - Agguato sul fondo" (1979), "Gli altri giorni del Condor" (1980) "The Last Chase" (1981) e "Out Cold" (2000). Nessuno di questi film andò bene al botteghino.
Tornato alla televisione ha recitato in "Professione pericolo" (1981-1986), nel ruolo di Colt Seavers. E’ anche comparso in serie di successo come "Will&Grace".

"Wonder Woman"


Immagine


Nata su carta nel 1941 "Wonder Woman", insieme a BatMan e Superman fa parte della triade di Supereroi creata dalla DC COMICS. L'incarnazione del personaggio più nota in altri media è quella che diede l'attrice Lynda Carter nell'omonima serie televisiva prodotta dalla Warner Bros. e trasmessa dal network ABC dal 1974 al 1976 e dalla CBS dal 1977 al 1979 (in tutto 60 episodi). In Italia la serie è stata trasmessa su Italia 1 e l'attrice era doppiata da Eva Ricca.
Nel 1974 la ABC nel tentativo per lanciare "Wonder Woman" in tv approntò il pilot di una serie con protagonista Cathy Lee Crosby. La risposta negativa del pubblico fece tramontare il progetto cosi' come era stato concepitone è la prova. Del resto la serie prevedeva una "Wonder Woman" bionda e senza alcun particolare superpotere.

- Nel 1976 la serie di successo fu acquistata dalla CBS che ne produsse ulteriori due stagioni per 47 episodi sempre con Lynda Carter nei panni di Wonder Woman ma con una storia ambientata quaranta anni dopo la prima stagione.

- Wonder Woman appare in versione animata nelle serie "I Superamici" e "Justice League"

- In America esiste un'associazione chiamata WonderLand che si propone di evocare tutto ciò che riguarda la nostra eroina in chiave decisamente trash. Le associate si riuniscono due volte all'anno, indossando il costume di Wonder Woman, al quale apportano continue modifiche e cercando di diffondere il WonderWoman-Pensiero.
LYNDA CARTER
(Wonder woman)

Immagine

57 anni. Una delle attrici più belle della storia, lanciata nel mondo dello spettacolo dal titolo di miss America.
Ha avuto successo anche con il telefilm "Fifty fifty", a fianco dell'altra bellezza Loni Anderson. Diventata produttrice, è apparsa nel film tratto da "Hazzard". Recentemente è apparsa come guest star in "Smallville".
Portavoce di molte cause benefiche, la scorsa settimana ha partecipato con altre star della tv ad una sfilata di beneficienza. "Red Dress Show" che si è tenuta a New York.


"L'incredibile Hulk"

"L'incredibile Hulk" è una serie televisiva trasmessa negli Stati Uniti d'America dal 1978 al 1982, per un totale di 81 episodi (in Italia è andata in onda a partire dagli anni ottanta). È una delle serie statunitensi di maggior successo nella storia della televisione[senza fonte], liberamente ispirata al personaggio dei fumetti Marvel Comics, Hulk.


Precedentemente alla messa in onda della serie televisiva, furono realizzati, nel 1977, due film per la televisione: "L'incredibile Hulk", "Morte in famiglia". In seguito sono seguiti tre film per la televisione: "La rivincita dell'incredibile Hulk" (1988), "Processo all'incredibile Hulk" (1989), "La morte dell'incredibile Hulk"(1990).

- Per la parte del dottor David Bruce Banner si è considerato fin dal principio Bill Bixby, mentre per la parte di Hulk furono considerati numerosi attori, tra i quali Arnold Schwarzenegger, ma fu scelto Lou Ferrigno solo in un secondo momento.

- Frank Orsatti, produttore e regista di numerosi episodi della serie, è stato anche la controfigura di Bill Bixby, mentre Manuel Perry fu lo stuntmen per Lou Ferrigno.

- Kenneth Johnson era il produttore esecutivo sia di "Hulk" che de "La donna bionica", non è dunque un caso che in entrambi i telefilm si usi la tecnica dei salti al rallenty.

- Era prevista la produzione di un quarto film di Hulk, in cui sarebbero apparsi i personaggi di She-Hulk e Iron Man, dei quali sarebbe stata per ciascuno successivamente prodotta una seria televisiva, ma Bill Bixby morì nel 1993 di cancro alla prostata, e il progetto naufragò.

BILL BIXBY
(David Bruce Banner)

Immagine

E' morto il 21 novembre 1993, a soli 59 anni, a causa di un cancro alla prostata. Fino all'ultimo ha lavorato alla serie Blossom, la sua ultima realizzazione. Attore e regista, agli inizi della carriera ha recitato con Kirk Douglas, Elvis Presley, Jack Lemmon, Nancy Sinatra. ha avuto una vita familiare segnata da sventure (morte del primo figlio, suicidio della prima moglie, due divorzi, perdita del padre in giovane età).


Per ora e' tutto...se volete aggiungere voi altre curiosita' anni '80.... :wink:
"Oggi é ricco chi é padrone del suo tempo. Buona vita.''

Pumba
Cuginastro
Avatar utente
 
Messaggi: 1350
Iscritto il: 13/02/2009, 10:31
Località: ..nel Parco giochi di Wave :-)....

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 09/04/2009, 22:11

.....come togliere 30 anni a una porsona.... :) :) :) :cry: :| :wink: :wink: :wink: :wink: :D :D :D thank......bradi...
adv S 07
EXC 4oo..
TDM850-98 ..."Squaligure"
Saluto a tutti chiunque voi siate..Amichen...Nemichen..o semplici conoscenti..
"meglio tacere e sembrare idioti..che aprire bocca...e darne la conferma...."
http://www.picasaweb.google.com/antogov58

bradipo ita
Avatar utente
 
Messaggi: 5261
Iscritto il: 22/01/2009, 0:47
Località: Trieste

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 09/04/2009, 22:25

Lou Ferrigno ( 9 novembre, 1951 ) e' divorziato,gestisce le sue palestre e ha un suo sito privato.
Ogni tanto si concede come special guest a trasmissioni o piccole parti in film.

Immagine


Immagine
"Oggi é ricco chi é padrone del suo tempo. Buona vita.''

alfus2verdi
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 6829
Iscritto il: 09/02/2009, 22:23
Località: cardano al campo

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 6:25

mitico topic.....
pero adesso che hai fatto venire la scimmia nostalgia per caso non avresti la notizia piu importante da comunicare....tipo.....eventuali torrent....eventuali dvd di tua proprieta con questo materiale.... da condividere con i nostalgici..... :oops: :shock:
io alcune di queste serie tv le ho...su altre ci sto lavorando con taaanta fatica e dispendio economico....se qlc potrebbe aiutarmi con ilmateriale sarei contento......che ricordi...che tempi....ero magro...senza mutuo....spensierato....pero non avevo la supermoto....quindi meglio ora...hihihihihihi
Vespa nel cuore e forever work in progress
la mia supermoto è proprio una supermoto

Re di Hokuto75
Avatar utente
 
Messaggi: 248
Iscritto il: 10/02/2009, 14:57
Località: SIENA

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 7:47

che miti!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! :D :D :D anche se volevo aggiungere telefilm nostrani come "i ragazzi della terza c" "professione vacanze"
la determinazione è una qualità fondamentale per un uomo
è completamente inutile che ti dica chi sono...quando uno muore i suoi ricordi scompaiono con lui
ktm adventure 990 07

tambu
L'islandese
Avatar utente
 
Messaggi: 4069
Iscritto il: 11/02/2009, 16:09
Località: Inverno: S. Angelo in Lizzola (PU), Estate: Islanda

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 8:23

e i mitici Harnold, Mc Gyver, I Jefferson, I Robinson, le passere di Charlie's Angels...
KTM 1190 S 2015, KTM 690 2016. Un 990 S '07 nel cuore e un 690 Rally nel cassetto

Dade
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 9063
Iscritto il: 06/02/2009, 21:16
Località: Dal pianeta delle scimmie!

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 9:51

E l'uomo di Atlantide???? :D
DADE -

DakFabri
Avatar utente
 
Messaggi: 1511
Iscritto il: 10/02/2009, 10:40

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 10:07

Dade ha scritto:E l'uomo di Atlantide???? :D

si si...Mark :D :D :D

Bradipo grazie mi sento meglio :wink:

ps. io Sberla lo conoscevo come Templeton Peck ma comunque google da la stessa persona...forse era un nome d'arte.

ulvisma
Avatar utente
 
Messaggi: 4444
Iscritto il: 10/02/2009, 10:03
Località: Oggiono (LC)

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 10:14

come sempre, MITICO BRADI!!!!!!!!!!!
così Vulvy che son Vulvissima...
SM 950 Black '05
Sono un brianzolo vero... e ne sono fiero!!!! Insomma, sono un diversamente cittadino
Non sono ne una donna ne un 50enne...

dduke
Avatar utente
 
Messaggi: 3682
Iscritto il: 09/02/2009, 23:39
Località: Catania

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 10:26

Sanford & Son

Immagine

Sanford
& Son nasce in sordina come una serie di quelle destinate
a durare lo spazio di una stagione ma il l’inaspettato successo,
dovuto allo humor graffiante di questa sit-com di neri, indusse
la produzione a realizzare ben sei stagioni dal 1972 al 1977.

Le vicende sono ambientate al 9114 South Central, Los Angeles,
California, nella residenza di Fred Sanford(Redd Foxx) dove
egli vive ed esercita la professione di robivecchi insieme
al suo figlio trentaquattrenne Lamont(Demond Wilson). Le vicende
si alternano tra siparietti comici che e conflitti generazionali
fra Fred e suo figlio.

Lamont infatti vorrebbe abbandonare il lavoro del padre per
intraprendere qualcosa di più remunerativo mentre Fred
ormai sessantacinquenne, affezionato al suo lavoro, alla relativa
sicurezza che gli conferisce e alle sue manie, è assolutamente
contrario e quando e’ messo alle strette simula un infarto
invocando il nome della moglie, Elizabeth, morta prmaturamente.
Lamont ovviamente non se la sente di abbandonare il padre
e nonostante i conflitti cerca in tutti i modi di assecondarlo.

Un importante contributo alla serie e’ dato dagli amici di
Fred: Julio Fuentes(Gregory Sierra), Bubba Hoover(Don Bexley)
e Grady Wilson(Whitman Mayo) oltre che Zia Esther Anderson(LaWanda
Page), la sorella della moglie di Fred con la quale lui ha
instaurato un rapporto di amore-odio e Donna Harris(Lynn Hamilton),
la nuova fidanzata di Fred duramente avversata da Esther.

Dopo la cancellazione della situation comedy nel 1977 il suo
spin-off, Sanford Arms, non diede il successo sperato e nemmeno
quando nel 1980 Foxx tornò con la nuova serie “Sanford”,
in cui il posto di Lamont nella ditta Sanford fu preso da
due suoi amici, ci fu un gorsso riscontro di pubblico.


I Jefferson
Immagine

eorge Jefferson ha fatto fortuna, da una piccola lavanderia ne possiede adesso una catena, e per questo decide di trasferirsi, con la paziente moglie Louise, in un lussuoso appartamento di Manhattan. Il problema di George sta nel fatto che è un tremendo "razzista" all'incontrario: non sopporta proprio i bianchi, soprattutto quelli come Tom Willis, il suo vicino che ha sposato una donna di colore (Helen, interpretata da Roxie Roker, la madre di Lenny Kravitz). Figurarsi quando viene a sapere che suo figlio Lionel si è fidanzato con la loro figlia! A dare filo da torcere a George ci pensa Flo, la cameriera pettegola e scansafatiche, sempre in lite con il tremendo datore di lavoro. Serie davvero divertente, con uno Sherman Hemsley (George) straordinario.

La famiglia Bradford
Immagine

Eight is enough", "Otto sono abbastanza", iniziò come una qualsiasi altra sit-com sulla famiglia americana, ma la morte improvvisa dell'attrice che impersonava la signora Bradford costrinse gli autori dello show a rivedere tutta la storia: così, Tom Bradford diventa il primo padre single della TV, sempre in mezzo alle tempeste che otto figli di età tra gli 8 e i 23 anni possono procurare. Fortunatamente, arriva poi Abby, che da baby-sitter dei figli più piccoli diventa sempre più importante per tutta la famiglia, fino al matrimonio con Tom.


Happy Days
Immagine

La vita nella provincia americana (Milwaukee) negli anni 50 del boom economico, delle macchine lunghe 4 metri e dei drive in. Howard Cunningham è un piccolo imprenditore con una simpatica moglie svampita, Marion, un figlio liceale imbranato, Richie, e una tremenda mocciosa, Joanie. La loro tranquillità domestica è messa a repentaglio dall'arrivo del nuovo affittuario, il meccanico sciupafemmine Arthur "Fonzie" Fonzarelli. Ma Fonzie è un cuore d'oro, e aiuterà la famiglia Cunningham, e in particolare Richie e i suoi due amici Ralph e Potsie. Straordinario successo della tv americana, in cui andò in onda per 10 stagioni e 255 episodi, e clamorosi ascolti anche da noi, dove viene costantemente mandato in replica

I Robinson
Immagine

Scene di vita quotidiana della famiglia Huxtable (da noi un più pronunciabile Robinson): Cliff, ostetrico e gran mattacchione, Claire, avvocato molto più severa del marito nella "gestione" dei 4 figli "di casa" più una, all'università. La figlia maggiore, Sondra, all'inizio della serie è infatti già fuori di casa, ma la pace familiare è comunque sempre in pericolo, con le liti tra Denise, Vanessa, la piccola Rudy e Theo, l'unico maschio. Per non parlare delle continue intrusioni dei suoceri.. Spettacolare successo a tutte le latitudini, la serie, replicata di continuo, si è sempre mantenuta molto "politically correct" anche nell'affrontare temi delicati quali la droga o l'alcolismo.


Just my two cents... :roll:
Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Dalai Lama 

Eddy
YMCEddy BraveAss
YMCEddy BraveAss
Avatar utente
 
Messaggi: 11863
Iscritto il: 09/02/2009, 23:13
Località: Felino -PR-

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 13:20

e vogliam parlare di quel telefilm dove lui si trasformava in animali (orcatroia non ricordo il titolo...)
e quello delle due spie (moglie e marito) dove lui era una frana? mi ricordo ancora la sigla che adoravo forse ancor più del telefilm stesso.... dove lui camminava in un interminabile corridoio pieno di porte che si aprivano al suo passaggio, tranne l'ultima ovviamente!
e Tre Cuori in Affitto?!

Pumba
Cuginastro
Avatar utente
 
Messaggi: 1350
Iscritto il: 13/02/2009, 10:31
Località: ..nel Parco giochi di Wave :-)....

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 14:28

...e Mork e Mindy dove li mettiamo...???nanonano!!! :byebye:
adv S 07
EXC 4oo..
TDM850-98 ..."Squaligure"
Saluto a tutti chiunque voi siate..Amichen...Nemichen..o semplici conoscenti..
"meglio tacere e sembrare idioti..che aprire bocca...e darne la conferma...."
http://www.picasaweb.google.com/antogov58

tambu
L'islandese
Avatar utente
 
Messaggi: 4069
Iscritto il: 11/02/2009, 16:09
Località: Inverno: S. Angelo in Lizzola (PU), Estate: Islanda

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 14:34

che bei tempi... si pensava solo ad andare in pattini e curarsi le ginocchia sbucciate :) Dove abitavo io c'erano un sacco di campi dove scorrazzare con la bici da cross e il traffico non esisteva, ora invece è un gran casino di macchine e al posto dei campi ci sono case a schiera tutte uguali :(
KTM 1190 S 2015, KTM 690 2016. Un 990 S '07 nel cuore e un 690 Rally nel cassetto

dduke
Avatar utente
 
Messaggi: 3682
Iscritto il: 09/02/2009, 23:39
Località: Catania

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 15:29

Eddy ha scritto:e Tre Cuori in Affitto?!

eheh, Jack Tripper, il mio mito :D
Quello che mi ha sorpreso di più negli uomini dell’Occidente è che perdono la salute per fare i soldi e poi perdono i soldi per recuperare la salute. Dalai Lama 

Eddy
YMCEddy BraveAss
YMCEddy BraveAss
Avatar utente
 
Messaggi: 11863
Iscritto il: 09/02/2009, 23:13
Località: Felino -PR-

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 15:41

dduke ha scritto:
Eddy ha scritto:e Tre Cuori in Affitto?!

eheh, Jack Tripper, il mio mito :D

io ad esser sincero preferivo le sue due coinquiline.... :twisted:

arzach
Fondatore
Avatar utente
 
Messaggi: 4051
Iscritto il: 21/01/2009, 13:25
Località: Brescia

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 15:49

Immagine

tocram
Patato Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 14507
Iscritto il: 10/02/2009, 1:13
Località: Pavia

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 17:12

miii com'è tamarra la moto di Street Hawk, però troppo figo quando lo guardava e andava a velocità super sulla strada!!!

Eddy
YMCEddy BraveAss
YMCEddy BraveAss
Avatar utente
 
Messaggi: 11863
Iscritto il: 09/02/2009, 23:13
Località: Felino -PR-

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 18:57

arzach ha scritto:Immagine

e la bionda?! :(
Arzach tirala fuori che se poi se ne accorge Cipri ti fa una scenata di gelosia

arzach
Fondatore
Avatar utente
 
Messaggi: 4051
Iscritto il: 21/01/2009, 13:25
Località: Brescia

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 19:07

Immagine
:D

inigo
Diversamente Settentrionale
Avatar utente
 
Messaggi: 1967
Iscritto il: 10/02/2009, 0:24
Località: Un po' di qua e un po' di la'...

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 21:27

brutti vecchi bacucchi che non siete altro!! Quando voi vedevate quei telefilm io andavo all'asilo :D :D
In realtà erano il mio passatempo preferito quando stavo a casa con l'influenza. Grazie alla cugina Daisy di Hazzard ho visto i primi short da sturbo :D :D
Cos'è il genio??

proud to be diversamente settentrionale , diversamente veloce e diversamente a dieta

Eddy
YMCEddy BraveAss
YMCEddy BraveAss
Avatar utente
 
Messaggi: 11863
Iscritto il: 09/02/2009, 23:13
Località: Felino -PR-

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 21:36

inigo ha scritto:Grazie alla cugina Daisy di Hazzard ho visto i primi short da sturbo :D :D

ecco svelato il perchè degli occhiali.....

inigo
Diversamente Settentrionale
Avatar utente
 
Messaggi: 1967
Iscritto il: 10/02/2009, 0:24
Località: Un po' di qua e un po' di la'...

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 22:03

Eddy ha scritto:
inigo ha scritto:Grazie alla cugina Daisy di Hazzard ho visto i primi short da sturbo :D :D

ecco svelato il perchè degli occhiali.....


nonché dei calli sulle mani (anche se visto come vado in moto, ovvero da fermone, e visto che non sono uno zappatore non potevano esserci altri motivi) :D
Cos'è il genio??

proud to be diversamente settentrionale , diversamente veloce e diversamente a dieta

Eddy
YMCEddy BraveAss
YMCEddy BraveAss
Avatar utente
 
Messaggi: 11863
Iscritto il: 09/02/2009, 23:13
Località: Felino -PR-

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 10/04/2009, 23:01

inigo ha scritto:
Eddy ha scritto:
inigo ha scritto:Grazie alla cugina Daisy di Hazzard ho visto i primi short da sturbo :D :D

ecco svelato il perchè degli occhiali.....


nonché dei calli sulle mani (anche se visto come vado in moto, ovvero da fermone, e visto che non sono uno zappatore non potevano esserci altri motivi) :D

:lol: :lol: :lol:

bradipo ita
Avatar utente
 
Messaggi: 5261
Iscritto il: 22/01/2009, 0:47
Località: Trieste

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 12/04/2009, 0:10

L'UOMO VENUTO DA ATLANTIDE

Immagine


L'uomo di Atlantide (The Man from Atlantis) è una breve serie di telefilm di fantascienza statunitense prodotta dalla Solow Production Company e messa in onda in 17 episodi sul canale NBC Network duriante la stagione 1977-1978, a seguito di un film tv messo in onda il primo marzo 1977. È stato trasmesso in Italia per la prima volta da TeleMilano/Canale 5 nel 1980.

Immagine

Il protagonista della serie, Mark Harris (interpretato da Patrick Duffy), è un sopravvissuto del continente perduto di Atlantide. Dal momento che possiede molte abilità superumane, compresa la capacità di respirare sott'acqua e di resistere alla pressione delle acque più profonde, Harris viene reclutato da un'organizzazione segreta che esplora le profondità dell'oceano in un sottomarino futuristico, il Cetaceo.
Mr. Schubert, il cattivo che compare nel pilota ed in diversi episodi della serie, è interpretato da Victor Buono.
Belinda Montgomery interpreta la dottoressa Elizabeth Merrill, il personaggio di spalla. Elizabeth ha un ruolo molto simile nel film e nella serie, ed in entrambe le opere ci sono segni evidenti di interesse romantico sotto la superficie.



La veloce interruzione della serie permise a Duffy di cominciare a lavorare in Dallas, la popolare serie televisiva che lo ha avuto come coprotagonista per tutto il decennio successivo nel ruolo di Bobby Ewing.



E' stato il primo telefilm in prima tv su Telemilano e tv interconnesse, l'11 febbraio 1980, qualche mese prima che questa diventasse Canale 5.

Immagine

Duffy continua a recitare o a prestare la sua voce in altri programmi.
Belinda Montgomery oggi e' una affermata e celebrata pittrice e scultrice.
Immagine
"Oggi é ricco chi é padrone del suo tempo. Buona vita.''

bradipo ita
Avatar utente
 
Messaggi: 5261
Iscritto il: 22/01/2009, 0:47
Località: Trieste

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 12/04/2009, 0:32

MANIMAL


Immagine


Manimal è un telefilm di fantascienza creato da Glen A. Larson e trasmesso per la prima volta in USA dall'emittente NBC nel 1983. Il nome Manimal deriva da Man (uomo) e Animal (animale). La serie è composta da una sola stagione di otto episodi ed è stata sospesa principalmente per problemi con il budget e il poco coinvolgimento del pubblico statunitense. Criticato infatti aspramente anche allo show serale di David Letterman, sembra che il telefilm fosse molto più apprezzato dal pubblico europeo.



In un viaggio attraverso la giungla il professor Jonathan Chase (esperto in scienze del comportamento animale presso l'università di New York) scopre di possedere il potere di trasformarsi in qualsiasi animale egli desideri, dai mammiferi agli uccelli. Ereditata questa particolarità dal padre, Jonathan decide di utilizzarla per aiutare i propri amici nella lotta contro il crimine. Diventa così un utile consulente per la polizia che chiede il suo aiuto ogni volta che in un caso vi è il coinvolgimento di animali.
Naturalmente in pochi conoscono il suo segreto, tra questi la detective Brooke Mackenzie che lo scopre subito dopo aver perso il proprio compagno durante un'azione di polizia e il suo vecchio commilitone del Vietnam Ty Earl. Durante il primo episodio Brooke si innamora di Jonathan, ma dato l'accantonamento del progetto non è stato possibile scoprire l'evolversi della loro storia.
Punto di forza della serie sono le trasformazioni di Jonathan, molto drammatiche e relativamente realistiche nonostante i pochi mezzi dell'epoca. Nel passaggio da uomo ad animale il corpo del mutaforma non viene mai mostrato interamente, ma vengono mostrati diversi primi piani di occhi, mani e altre parti del corpo. Di grande impatto, ad esempio, risulta l'arricciarsi della pelle e il viso sfigurato dal mutamento.


Simon MacCorkindale

Immagine


la prima vocazione di Simon fu quella di seguire il padre nella sua carriera di pilota d'aerei, ma la progressiva diminuzione della sua vista lo obbligò a scegliere un altro tipo di carriera.



Il suo ruolo più famoso e importante è stato quello dell'aitante e furbo Simon Doyle nel poliziesco Assassinio sul Nilo. Ma per lui Hollywood non fu mai una prerogativa, e a partire dagli anni '80 iniziò a interpretare, con un certo successo, molti ruoli in molte serie televisive, che andavano dal genere soap opera alle serie televisive, tra cui Manimal. Inoltre cominciò anche ad occuparsi di progetti teatrali, agendo sia da attore che da regista.





Dopo aver divorziato da Fiona Fullerton (1976 - 1982) nei primi anni della sua carriera , sposò in seguito l'attrice Susan George (1984), producendo anche alcuni dei suoi film.
Pare che abbia avuto una relazione extra-coniugale con l'attrice Linda Purl, con cui lavorò in TV e a teatro.
"Oggi é ricco chi é padrone del suo tempo. Buona vita.''

bradipo ita
Avatar utente
 
Messaggi: 5261
Iscritto il: 22/01/2009, 0:47
Località: Trieste

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 12/04/2009, 1:06

Tre cuori in affitto


Immagine


Tre cuori in affitto (Three's Company) è una sit-com statunitense andata in onda per otto stagioni dal 1977 al 1984 sul canale ABC.
La serie è il remake della serie britannica Un uomo in casa (Man About the House).
Un giovane cuoco convinto di essere un play boy per sopravivere divide l'affitto con due belle ragazze.
Da questa semplice trama scaturiscono tutta una serie di simpatiche situazioni.


John Ritter

Immagine


Figlio del cantante country Tex Ritter, nel 1977 comincia la sua avventura nel mondo dello spettacolo facendo da dj in una manifestazione di raccolta fondi per la lotta contro la sclerosi a placche; insieme al fratello Tom riescono a far raccogliere milioni di dollari per la causa.



Nel 1971 consegue una laurea in arti drammatiche e, finalmente, nel 1977 arriva la consacrazione con il telefilm Tre cuori in affitto grazie al quale consegue una stella nella Hollywood Walk of Fame (1984).
Tra le varie partecipazioni a telefilm e serie televisive si ricorda quella in Scrubs nel 2002 come padre di J.D..



Muore a 54 anni, durante le riprese di una nuova puntata della serie 8 semplici regole, a causa di un collasso: viene immediatamente portato in ospedale dove, pochi istanti dopo, muore per la dissezione dell'aorta e per le conseguenti complicazioni cardiache. Vicino a lui vi erano la giovane moglie Amy e il figlio più grande, Jason Ritter, anch'egli attore.

Joyce DeWitt , Janet, di origine italiana, lavora in teatro ed è una importante portavoce di LIFE, un organizzazione che si batte contro la fame nel mondo.
lavora come interprete dividendosi anche tra cinema e tv.

Immagine


Suzanne Sommers, la svampita Chrissy, è stata una performer di successo a Las Vegas, prima di trovare una seconda giovinezza nei panni di Carol Foster, la protagonista di "Una bionda per papà".
Ha speso fortune in chirurghi plastici.
Immagine
"Oggi é ricco chi é padrone del suo tempo. Buona vita.''

bradipo ita
Avatar utente
 
Messaggi: 5261
Iscritto il: 22/01/2009, 0:47
Località: Trieste

Re: METEORE:i protagonisti dei telefilm anni 80

Messaggio » 12/04/2009, 19:35

MIAMI VICE


Immagine

Miami Vice è stato un celebre telefilm poliziesco in cui hanno recitato gli attori Don Johnson (James "Sonny" Crockett) e Philip Michael Thomas (Ricardo "Rico" Tubbs) nel ruolo di due detective sotto copertura.
La locuzione più usata per descrivere i presupposti di questa serie è MTV cops (traducibile come Poliziotti in stile MTV). In effetti, glamour e musica sono due elementi che hanno giocato un ruolo fondamentale nel successo di Miami Vice.
La critica definisce questo cult come la prima pietra che ha messo le basi della MTV generation che proprio in quel periodo prendeva piede.



Il primo episodio di Miami Vice venne trasmesso dalla NBC nel 1984 ed era, a quei tempi, il telefilm più costoso: 1,3 milioni di dollari a puntata. Miami Vice rese famosi Don Johnson e Philip Michael Thomas, fino ad allora sconosciuti, ma soprattutto la bellissima città di Miami, i vestiti dalle tinte pastello e la musica al sintetizzatore. Fu il primo telefilm a sfruttare tecniche fino a quel momento soltanto cinematografiche, come la fotografia, le luci, il montaggio e soprattutto la musica, che allora non veniva ancora solitamente usata nelle serie TV.
Michael Mann ufficialmente era il produttore esecutivo, ma contribuì attivamente alla realizzazione di Miami Vice. Le sue decisioni infatti, hanno pesantemente influenzato le ambientazioni, la musica e lo stile; niente era lasciato al caso, perfino i vestiti degli attori si intonavano alle stanze in cui si trovavano. Fu però Anthony Yerkovich a concepire il serial, prendendo spunto da un articolo di giornale che trattava di traffici illegali nella Florida; Miami, quindi, era il posto ideale per un poliziesco.
La città di Miami però era inizialmente contraria a concedere le riprese della serie TV, a causa del brutto periodo che stava attraversando: l'amministrazione, che tentava di risollevarne la reputazione, pensava infatti che Miami Vice potesse peggiorare la situazione.
Miami Vice, che impose una nuova moda maschile degli anni '80, non ebbe subito successo. La NBC trasmise le prime puntate alle 10 di sera del venerdì, passate in sordina a causa di altre trasmissioni a quei tempi giù gettonate (come Dallas, trasmesso dalla CBS). Fu un flop, Miami Vice venne considerato il programma più scarso del momento ed uscì addirittura dalle classifiche dell'audience. Alle repliche estive, però, le cose si ribaltarono e all'inizio della seconda stagione la Serie TV era in vetta agli ascolti.
Molti personaggi famosi hanno preso parte a questa serie TV, tra cui Gene Simmons, Phil Collins, G. Gordon Liddy, Glenn Frey, David Rasche e Ian McShane, ma soprattutto attori come Bruce Willis, Julia Roberts, Chris Rock, Ed O'Neill, Liam Neeson, Dennis Farina, Stanley Tucci e Benicio del Toro. Anche Lee Iacocca (Chrysler) ha fatto un'apparizione, inoltre un altro cameo eccellente è stato quello del famoso musicista Miles Davis e Frank Zappa.

La colonna sonora Crockett's Theme fu composta in una fattoria nei pressi di New York, da un uomo solo, Jan Hammer e ben presto diventò un modello per la musica anni '80. A metà stagione gli autori decisero addirittura di creare l'album di Miami Vice, che restò al primo posto delle vendite per 12 settimane. Mentre gli alti telefilm riciclavano la musica (che in Miami Vice era fondamentale poiché usata come strumento di narrazione), Jan doveva sfornare materiale nuovo per ogni episodio.
Spesso i brani più ascoltati di MTV trovavano posto in Miami Vice. "In The Air Tonight" di Phil Collins contribuì a creare probabilmente una delle scene più famose della televisione. Avere una canzone in Miami Vice divenne una cosa ambita, le case discografiche cercavano di inserire le loro ultime canzoni e i loro candidati più promettenti negli episodi



Immagine



La storia della Ferrari Testarossa (1984 - 1992)

Ferrari Testarossa è stata la prima supercar prodotta dalla casa di Maranello.
 
Essa richiamava quella storica, mitica, denominata 250 Testa Rossa, che fece manbassa di vittorie nelle competizioni degli anni cinquanta e sessanta.
 
Il nome derivava dal fatto che i coperchi del colore vennero, un po' per scherzo, pitturati di rosso. Negli anni 80 l'Italia era piena di nuovi ricchi, persone che ben avevano sfruttato gli anni del nuovo boom. Così, al Salone dell'Auto di Parigi, nel 1984, venne presentata la vettura destinata a sostituire la BB. Il propulsore restava lo stesso, il V12 quattrovalvole, un 5.000 cc con una potenza di 390 cavalli e, appunto, quattro valvole per cilindro. Fu Pininfarina a studiarne il design, davvero innovativo, avvenente e, forse, esagerato.
 
Le lamelle che dalle portiere si allargano verso le bocche di raffreddamento erano il tratto distintivo di questa Testarossa, con dei parafanghi larghissimi. Il profilo è studiato non solo per fini estetici ma anche per far sì che questa supercar, in grado di raggiungere i 300 km/h, fosse ben ancorata al terreno. Anche la coda, lunga quasi 2 metri, evidenziava la stessa imponenza.
 
Intorno al propulsore e alla particolare disposizione della meccanica, Il frontale è l'unico elemento costante Ferrari, con la consueta calandra. I fari erano a scomparsa. Lo spider che ne derivò, nel 1985, sempre ad opera di Pininfarina, fu un assoluto capolavoro.


 
La Testarossa Spider venne realizzata in soli 5 esemplari. Inutile dire che questa versione ha oggi quotazioni inimmaginabili. Prodotta fino al 1992, fu venduta in 7.000 esemplari, diventando l'auto più desiderata di sempre, celebrata anche al cinema e nella famosa serie televisiva Miami Vice.

Immagine




Curiosita':

In Miami Vice compare una Ferrari 365 GTS/4 Daytona ,nei primi due anni di riprese.
L'auto non era originale una copia fedele del modello del 1972 del quale furono prodotti solo 162 esemplari. Due erano le copie usate in Miami Vice della quale una di proprieta' di Don Johnson,telaio e meccanica erano di derivazione Corvette Stingrey. Questo fatto sembra che a Maranello abbia scatenato non poche polemiche e costretto la Ferrari Nord America a concedere
due testarossa bianche alla produzione del telefilm piu' cult degli anni '80 .Sicuramente una mossa azzeccata dalla Ferrari.
La replica di Don,e' stata comprata dal museo di Miami dopo averla rimessa a nuovo.


Immagine





Donnie Wayne Johnson

Immagine




Più comunemente conosciuto come Don Johnson, è noto soprattutto per aver recitato nella serie televisiva Miami Vice, nel ruolo del detective Sonny Crockett.Oggi e' un produttore cinematografico.

Philip Michael Thomas


Immagine





È famoso soprattutto per aver interpretato Ricardo Tubbs nel telefilm Miami Vice



ha doppiato il personaggio di Lance Vance nei videogiochi Grand Theft Auto.
Non ho trovato altre info.
"Oggi é ricco chi é padrone del suo tempo. Buona vita.''


Torna a Joe Bar

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Bing [Bot], DBK, Google [Bot], Yahoo [Bot]

SEO Search Tags

Hazzard vent'anni dopo      M6BGT      attore hulk      attori americani anni 80      attori meteore      attrice di wonder woman      attrice wonder woman      attrice wonderwoman      attrici americane anni 50      attrici americane anni 80      attrici anni 80      automan telefilm      bici cross anni 80      biciclette anni 80      casco dei chips      chuck wagner oggi      costumi telefilm anni 80      daisy duke oggi      desi duke      hazzard macchina      hazzard telefilm      hazzard vent'anni dopo torrent      hulk attore      hulk telefilm anni 80      hulk telefilm      joyce dewitt      kit auto parlante      kit macchina telefilm      kit telefilm      la donna bionica oggi      larry wilcox oggi      lou ferrigno altezza      magnum pi      manta montage vendo      meteore anni 80      miami anni 80      miami vice      modello moto street hawk carburante      personaggi anni 80      philip michael thomas oggi      serie tv anni 80      telefilm anni 60      telefilm anni 80 90      telefilm anni 90      telefilm automan      wonder woman attrice      lou ferrigno oggi      telefilm anni 80      bill Bixby