KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

per i neo genitori: programma di svezzamento

Tutto... proprio tutto quello che non ha sezioni dedicate.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

bradipo ita
Avatar utente
 
Messaggi: 5261
Iscritto il: 22/01/2009, 0:47
Località: Trieste

per i neo genitori: programma di svezzamento

Messaggio » 27/03/2009, 10:59

Metto qui alcune info per lo svezzamento dei pargoli,una traccia utile da consultare per tutti i neo genitori….

Lo svezzamento rappresenta il passaggio dal latte ai cibi solidi. Viene iniziato nella maggior parte dei casi tra i 4 mesi compiuti e i 6 mesi: a questa età il bambino necessita di sostanze nutritive non presenti nel latte. Prima di quest'epoca il bambino non è in grado di mantenere la posizione seduta senza essere sorretto e l'apparato digerente non è ancora in grado di assimilare molti alimenti.
Non bisogna avere fretta di proporre nuovi alimentati, soprattutto ai bambini allattati al seno, che possono iniziare tranquillamente a variare la loro 'dieta' intorno a 6 mesi. Lasciatevi guidare dal bimbo nel decidere qual'è il momento più adatto ad iniziare: saranno pronti quando sembreranno ancora affamati dopo un pasto di latte o quando la vista o l'odore di cibi diversi dal latte sembreranno scatenare il loro entusiasmo. Non forzate mai il bambino a mangiare controvoglia e non aspettatevi che le prime pappe vengano consumate interamente. Le prime volte il bimbo mangerà (e sputerà ovunque) pochissimi cucchiaini sia perchè deve apprendere sapori nuovi, sia perchè deve apprendere un nuovo metodo per alimentarsi passando dal succhiare al cucchiaio.
Quando il pediatra vi dirà che è il momento giusto per provare a svezzare vostro figlio, sicuramente dovrete cimentarvi nella preparazione del famoso brodo vegetale, base delle primissime pappe.
Il brodo vegetale si prepara con verdure fresche di stagione o se preferite con verdure di coltivazioni biologiche: patate, carote, fagiolini, piselli, spinaci, sedano, carciofi, coste, bietole, zucchine, zucca e tutte le varietà di insalate.
Inizialmente potrete utilizzare solo alcuni tipi, generalmente patata, carota e zucchina, poi progressivamente aggiungere una verdura nuova tutte le settimane. Così facendo si abitua pian piano il bambino a nuovi sapori e si valuta se le novità sono ben tollerate (reazioni allergiche, variazioni nelle scariche intestinali, ecc.).
Evitate cavoli, cavolfiori, verze, cipolle che hanno sapori e odori forti, e il pomodoro, uno degli alimenti più allergizzanti.

Prima e seconda pappa
Con la prima pappa si sostituisce un pasto di latte, in genere la poppata più vicina a mezzogiorno, con un pasto “diverso dal latte” che deve comunque essere equivalente al latte nelle calorie e nei componenti fondamentali (acqua, carboidrati, grassi, proteine).

Acqua: viene sostituita da un “brodo di verdura” o “brodo vegetale” che si prepara come base per tutte le pappe, facendo bollire in 500 gr d’acqua patate, carote e zucchine.
Quando l’acqua, bollendo, si è ridotta a metà circa del suo volume iniziale, si spegne e si cola (non si passa!), in modo da ottenere un brodo di verdura e non un passato vegetale. Il brodo di verdura ha uno scarsissimo potere calorico, ma contiene sali minerali ed ha un gusto più definito rispetto alla semplice acqua bollita. Attenzione: è preferibile consumarlo in giornata.
Dose : da 200 a 250 cc per una porzione.

Carboidrati: sono rappresentati da farine di riso o di mais e tapioca. Bisogna scegliere questi tipi di farina e non una farina di cereali o addirittura una pastina, perché non contengono il glutine (proteina presente nel grano e nei suoi derivati) che è meglio non introdurre troppo precocemente nell’alimentazione del bambino.
Dose : circa il 10% del brodo.

Grassi: sono rappresentati dall’olio d’oliva che è il grasso vegetale più usato per il bambino perché è molto digeribile. Da prediligere sicuramente l’olio extra vergine.
Dose : 5 gr (circa un cucchiaino).

Proteine: sono rappresentate dalla carne. Nei primi tempi (almeno fino al 7°/8° mese) è preferibile usare gli omogeneizzati o i liofilizzati di carne, alimenti di facile digeribilità perché ben frammentati e sicuri per quanto riguarda la provenienza e la garanzia di sterilità. Inoltre offrono al medico l’opportunità di affrontare lo svezzamento in modo più controllabile nelle dosi.
Gli alimenti frullati in un tradizionale frullatore sono meno digeribili perchè aggregano aria durante la frammentazione e sono quindi meno aggredibili dai succhi gastrici.
Nel caso in cui si voglia utilizzare la carne fresca deve essere usato un omogeneizzatore.
Dose: liofilizzato 10 gr, omogeneizzato 40 gr, carne fresca da omogeneizzare 50 gr.

Il primo pasto “diverso dal latte” quindi è composto da alimenti di facile digeribilità che sono assolutamente ben tollerati e rispettano l’apparato digerente del lattante, non ancora completamente maturo. Inoltre, a causa della dentizione non ancora completa che non permette una masticazione appropriata, gli alimenti devono avere una consistenza semifluida per favorire lo scorrimento verso la gola e quindi essere deglutiti senza problemi.
Dopo circa un mese dalla prima pappa, si introduce la seconda pappa che in genere sostituisce la poppata della sera. Molto spesso l’introduzione del secondo pasto favorisce la stabilizzazione su quattro pasti al giorno del piccolo e la scomparsa della poppata notturna, in quanto a questo punto la sua alimentazione è ricca di tutti i nutrienti necessari ed in grado di placare la fame del piccolo fino al mattino.
All’inizio è preferibile non essere troppo rigidi su orari e numero dei pasti.
Schema dei pasti consigliato il primo mese di svezzamento
A quest’età la maggioranza dei bambini fa 4-5 pasti giornalieri, così suddivisi:
· 3-4 pasti di latte (materno o di proseguimento),
· 1 pasto costituito dalla pappa in brodo vegetale (di solito a mezzogiorno, ma senza che ciò costituisca un obbligo).

Schema dei pasti consigliato il secondo mese di svezzamento
A questa età la maggioranza dei bambini fa 4 pasti giornalieri, così suddivisi:
· 2 pasti a base di latte (materno o di proseguimento), mattina e pomeriggio,
· 2 pasti costituiti dalla pappa, per pranzo e cena.

Per i bambini che sono stati allattati al seno fino al 6° mese, si inizia con 3/4 pasti di latte materno e uno di pappa.
Successivamente in rapporto alla diminuzione del latte, si introduce la 2° pappa in accordo con il pediatra.
Il pediatra consiglia
L’alimentazione del bambino, come tutte le sue funzioni fisiologiche, non può e non deve essere condotta
Talvolta alcuni bambini, specie nel secondo semestre di vita, non sempre assumono un quantitativo di latte sufficiente. In questi casi si può proporre più spesso il secondo pasto a base di formaggio. Può essere utile suggerire una certa sequenza di inserimento dei nuovi alimenti in relazione all’età del bambino.
Con schemi rigidi e seguire regole rigorose e assolute, ma deve tenere conto della grande variabilità individuale, delle abitudini e dei gusti dei bambini.
Tuttavia una buona traccia da seguire può essere la seguente :
l’alimentazione giornaliera del bambino dopo i 5 mesi ed almeno fino al 2° anno deve prevedere 2 pasti di latte (o sostituti del latte) e 2 pasti di carne (o cibi alternativi alla carne) perché, al di là di tutti i fondamentali apporti nutritivi che forniscono entrambi, l’uno (il latte) contiene e fornisce più calcio, l’altra (la carne) contiene e fornisce più ferro. Il calcio interviene nello sviluppo dell’apparato osteomuscolare, elemento essenziale per l’armonia dello sviluppo corporeo.
Il ferro è componente fondamentale dell’emoglobina, elemento essenziale per la salute e per il benessere fisico.
In conclusione, relativamente ai pasti diversi dal latte, la distribuzione settimanale dei diversi tipi di alimenti deve essere scelta tenendo soprattutto conto del gradimento del bambino.
Seguendo la traccia esposta sopra, una buona indicazione, ma non tassativa, può essere la seguente:
· Carne: 5 volte la settimana, alternando i vari tipi
· Pesce: 3 volte
· Uovo: 2 volte
· Prosciutto cotto: 2 volte
· Formaggio: 2 volte
· Verdure
· Frutta

Talvolta alcuni bambini, specie nel secondo semestre di vita, non sempre assumono un quantitativo di latte sufficiente. In questi casi si può proporre più spesso il secondo pasto a base di formaggio.
Può essere utile suggerire una certa sequenza di inserimento dei nuovi alimenti in relazione all’età del bambino.
Schema di introduzione dei diversi alimenti in rapporto all'età

Alimenti 1° mese di svezzamento 2° mese di svezzamento dopo 8 mesi di età dopo 1 anno di età
Latte e yogurt Latte materno o di proseguimento Yogurt Latte di crescita o vaccino
Cereali Crema di riso, crema di mais e tapioca Semolino di grano, creme multicereali, creme con cereali integrali, biscotti per l'infanzia Pastina (piccolo formato), riso (chicco intero) Pastina (formato più grande), pane
Verdure Patate, carote, zucchine Fagiolini, finocchi, zucca, spinaci, erbette Legumi (senza buccia) Pomodoro
Carne Agnello, coniglio, pollo, vitello Manzo, maiale Prosciutto cotto
Pesce Trota, sogliola, salmone, merluzzo, nasello
Uova Tuorlo Albume
Frutta Mela, pera, banana Prugna, ananas, albicocca, pesca Agrumi Frutti rossi (fragola, lamponi, mirtilli), kiwi
Formaggi Formaggi stagionati grattuggiati Formaggi freschi (crescenza, ricotta, caprino)

Il pediatra consiglia
Non esistono alimenti insostituibili. Se il bambino non gradisce la carne, si può sostituire con pesce, uova, prosciutto. Le vitamine delle verdure, non sempre accettate, possono essere sostituite dalla frutta.






metto qui alcuni link utili da consultare:

http://forum.pianetamamma.it/ricette-pe ... -mesi.html

http://forum.pianetamamma.it/ricette-pe ... -mesi.html

http://forum.pianetamamma.it/ricette-pe ... ergie.html


http://forum.pianetamamma.it/ricette-pe ... vezzamento


http://forum.pianetamamma.it/ricette-pe ... -anno.html

http://forum.pianetamamma.it/ricette-pe ... pesce.html

http://forum.pianetamamma.it/ricette-pe ... luovo.html
"Oggi é ricco chi é padrone del suo tempo. Buona vita.''

alfus2verdi
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 6806
Iscritto il: 09/02/2009, 22:23
Località: cardano al campo

Re: per i neo genitori: programma di svezzamento

Messaggio » 27/03/2009, 22:58

a breve mi sara utile.....
Vespa nel cuore e forever work in progress
la mia supermoto è proprio una supermoto

Eddy
YMCEddy BraveAss
YMCEddy BraveAss
Avatar utente
 
Messaggi: 11863
Iscritto il: 09/02/2009, 23:13
Località: Felino -PR-

Re: per i neo genitori: programma di svezzamento

Messaggio » 28/03/2009, 0:21

a me mi auguro di no!


Torna a Joe Bar

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Ale460, Alfabeto, andrea110574, Arvy77, Bing [Bot], blackballs, caraffiluca, franz, gabrymoto, Gerko, Giampierolu, Google [Bot], hugon, lillo70, Majestic-12 [Bot], misterkap, moto virginia, MSNbot Media, niklungo, Paso, tatorace, TheMagicUccio, Yahoo [Bot]

SEO Search Tags

      dieta settimanale svezzamento      distribuire alimenti nello svezzamento      distribuzione settimanale alimenti nello svezzamento      forum ktm      quando si introduce la seconda pappa bisogna diminuire il latte del pomeriggio      svezzamento programma settimanale      schema settimanale dello svezzamento      programma settimanale svezzamento      programma di svezzamento menu settimanale      schema settimanale svezzamento