KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

Intervista a Roberto Bianchini

Commenti e curiosità dalle competizioni.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Intervista a Roberto Bianchini

Messaggio » 04/09/2009, 19:44

Il responsabile della FX Action parla del futuro del Supermarecross
Tra gli obbiettivi 2010 anche un Campionato Europeo di specialità


Immagine

Ci si avvicina all'epilogo della stagione 2009 del Campionato Italiano Supermarecross, mancano infatti solo due appuntamenti il 25 settembre a Gabicce Mare, dove si potrebbero già assegnare i titoli e la grande festa conclusiva del 27 ottobre a Catania. Nella MX1 Felice Compagnone è saldamente al comando con ampio margine su Simone Mastronunzio e Diego Coppola; abbastanza simile la situazione anche nella MX2 dove Gianluca Martini precede la coppia siciliana formata da Antonio Mancuso e Giovanni Bertuccelli, così come nel Minicross Luca Moroni ha un buon vantaggio nei confronti di Manfredi Caruso e Giuseppe Tropepe.


In vista della volata finale e sul futuro del Supermarecross, il responsabile eventi della FX Action, Roberto Bianchini, promoter del campionato tricolore ha risposto ad alcune nostre domande.

Il campionato Supermarecross è in dirittura di arrivo un bilancio dell'organizzatore
Anche il Supermarecross ha risentito un po' della situazione economica generale, Team e piloti hanno fatto delle scelte ad inizio anno. I Campionati sono molti e alcuni hanno deciso di non affrontare la sabbia e i tanti km di trasferta per recarsi alle gare. Ci sono location che rispondono meglio e abbiamo affluenza di piloti altre che hanno registrato un forte calo. Il Supermarecross comunque secondo il nostro parere, è una promozione e un evento unico per lo sport del Motocross, anche con pochi piloti iscritti lo spettacolo c'è sempre stato e il pubblico vi partecipa numerosissimo. Ci sono state poi assurde concomitanze che hanno inciso fortemente sull'affluenza dei piloti, l'organizzare prove di campionato regionale nelle regioni confinanti, oppure addirittura la concomitanza con il Trofeo Italia di Motocross. Per questo abbiamo chiesto alla FMI per il prossimo anno che il Supermarecross deve essere tutelato come tutti i Campionati Italiani come recita il regolamento. A livello di immagine il Supermarecross è paragonabile a grandi eventi internazionali, soprattutto per le location che sono tutte fantastiche e ubicate in zone turistiche di prestigio; tanto è vero che i nostri i vari partners sono tutti molto interessati a questa manifestazione. La stagione del 2009 deve ancora terminare e le prove di Gabicce Mare e Catania sono due gare importantissime per l'assegnazione dei titoli e per la collocazione degli eventi, sono sicuro che anche quest'anno il bilancio finale sarà molto positivo.

Il Campionato era iniziato con un centianio di piloti, via via il gruppo si è assottigliato, come mai questa perdita di interesse da parte di alcuni protagonisti di primo piano
I piloti di spicco, quelli che solitamente partecipano al mondiale è difficile vederli schierare costantemente al Supermarecross, è possibile solo nelle prime gare o a chiusura del campionato, durante il Mondiale è anche giustificata l'assenza a queste gare. Sarebbe necessario poi anche un montepremi più appetibile, per questo abbiamo chiesto alla FMI uno sforzo in questo senso per il futuro. Inoltre la sabbia non la digeriscono tutti, anche se la cosa strana è che alcuni dei piloti più forti preferiscono andare ad allenarsi in Belgio, quando bene o male potrebbero tranquillamente correre le nostre gare, oltretutto con un clima diverso. I team e i piloti che partecipano costantemente, hanno le loro belle soddisfazioni e ogni anno ci seguono per tutto il Campionato con impegno e serietà.

Le gare di Supermarecross, nonostante i pochi piloti hanno un successo di pubblico straordinario come spieghi questa cosa
Il Supermarecross non ha paragoni con tutte le altre specialità del fuoristrada che si svolgono in Italia, l'emozione di correre davanti a un pubblico da Mondiale e certe volte anche superiore, è una opportunità che il Supermarecross da a tutti. La carovana, quando si sposta e arriva nelle località di mare, è una vetrina incredibile, un polo di richiamo per appassionati, ma anche per chi non sa neppure che cosa sia il motocross, proprio questi sono la forza del successo del nostro campionato. Famiglie intere, tanto pubblico femminile, giovani entusiasti a bordo pista e nel villane del paddock ad osservare tecnici e piloti al lavoro, uno spettacolo che inizia già dalla preparazione della pista con tutti i passanti che domandano cosa stiamo facendo, un evento che si crea, giorno dopo giorno, fino alla gara che di norma si svolge in location turistiche rinomate. In poche parole portiamo il motocross dove c'è il pubblico, offriamo uno spettacolo unico e in più non lo facciamo pagare. Poi le gare sulla sabbia sono spettacolari, puoi seguirle da vicino, non perdi niente delle fasi della corsa, la gente si appassiona, per un giorno la spiaggia diventa un grande stadio del Motocross.

Il Supermarecross è nato al sud e ancora è li che ha il maggior successo, pensi che sia possibile portarlo nelle spiagge del nord
Lo abbiamo già fatto e lo stiamo facendo, devo dire che l'espandersi al nord ha portato i suoi risultati soprattutto nella partecipazione dei piloti, praticamente gli iscritti sono il doppio di quando le facciamo in al sud. Da quando la FMI ci ha affidato l'incarico come Promoter, si è deciso di lanciare il Campionato Italiano Supermarecross in tutta Italia e la risposta è stata positiva, è anche giusto che un Campionato Italiano si sviluppi in varie regioni d'Italia; in futuro andremo anche più a nord , magari già dal prossimo anno. Il sud è stato importantissimo, ha lanciato il Supermarecross e avrà sempre un occhio di riguardo, non mancheranno di certo le tappe nelle regioni che hanno fatto la storia di questo campionato. Siamo arrivati nel lazio, in Toscana, nelle Marche, ma abbiamo richieste dall'Emilia Romagna, dal Veneto e anche dalla Liguria.

Rispetto ad alcuni anni fa, trovate più difficoltà ad organizzare le gare. Ci sono maggiori problemi di burocrazia, ambientali ecc.
Di sicuro non è una passeggiata, per organizzare una gara sulla spiaggia bisogna partire per tempo, la burocrazia non manca, sono necessari tanti documenti ma poi i permessi arrivano senza molti problemi. Devo dire che i Moto Club organizzatori sono tutti ben rodati per questo tipo di gare e conoscono come muoversi nelle varie Amministrazioni Pubbliche. Ho notato anche una forte collaborazione delle strutture comunali, una volta firmate le autorizzazioni c'è molta collaborazione, ci tengono all'evento è un po' come transitasse il giro d'Italia, tutti a disposizione poi a fine gara il podio è una bella vetrina, le premiazioni sono sempre affollate di Amministratori locali e questo ci fidelizza anno per anno, per il momento nessun problema con l'ambiente. Al sud, qualche permesso firmato all'ultimo momento, a volte un po' di tensione ma poi alla fine tutto si risolve.

Come vedi il futuro del Supermarecross, sara ancora FX action a gestire il campionato 2010, ci sono novità in arrivo e se si quali
Dovremmo essere ancora noi i promotori, aspettiamo sempre che ci siano le carte firmate ma segnali di cambiamento non ci sono, abbiamo un po' contestato la paventata riduzione delle gare da sette a quattro per il 2010, ma spero che il Presidente Sesti e la commissione motocross riveda questa decisione sulle basi anche delle molteplici richieste che giungeranno in FMI. Noi di FXaction siamo contrari a questa scelta, il Campionato Italiano deve essere di minimo sei gare, come la maggioranza dei tornei tricolori, inoltre abbiamo richiesto di elevare il campionato a INTERNAZIONALI D'ITALIA SUPERMARECROSS e sembra che questo sarà approvato in una delle prossime riunioni, sarà veramente un passo importante e magari calamiterà più interesse su certi piloti.
Ci siamo mossi anche per un eventuale Campionato Europeo sulla stessa tipologia del Supermarecross, una richiesta che sembra sia stata ben'accolta dalla UEM. Nel 2010 si dovrebbe tenere una prova unica di "COPPA EUROPA UEM SUPERBEACHCROSS" in Italia, come noi abbiamo richiesto, sarà un grande evento. Una prova "campione" per lanciare definitivamente l'Europeo di questa specialità.

fonte xoffroad.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

Torna a "Radio corsa"

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: alexstabilini, andrea110574, Bing [Bot], CHIRONE, cross196, gessista, Google [Bot], jonny be good, Paolo_Grotto, Volitans87, Yahoo [Bot]

SEO Search Tags

forum ktm