KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

ISDE 2013

Commenti e curiosità dalle competizioni.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

Skeb21
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 5429
Iscritto il: 12/05/2009, 15:41
Località: Milano

ISDE 2013

Messaggio » 01/10/2013, 8:09

Immagine

La Federazione Motociclistica Italiana (FMI) , sotto il patrocinio della Federazione Motociclistica Internazionale (FIM), ha l'onore di organizzare la 88 ª edizione degli International Six Days di Enduro 2013 (ISDE) , esattamente 100 anni dalla prima gara svoltasi a Carlisle in il Regno Unito. I Sei Giorni di Enduro, anche conosciuto come le "Olimpiadi Moto", è un evento unico ogni anno ospita in un diverso Paese, per assegnare il titolo di Campione del Mondo Enduro per le squadre nazionali. Per celebrare il suo 100 ° anniversario del concorso si terrà in Sardegna, e in particolare nella principale regione Gallura. Dal 30 settembre al 5 ottobre i piloti si uniranno insieme nel paddock di Olbia per iniziare una gara davvero interessante, che si tiene in molti luoghi suggestivi.

Immagine

La cerimonia di apertura si terrà il 28 settembre con la sfilata delle nazioni concorrenti, che segna la cerimonia di apertura . Le squadre rivali si cimenteranno per vie difficili in un meraviglioso scenario ospitato non solo in Olbia , hub principale per la gara con il paddock, ma anche a Tempio Pausania e Golfo Aranci , grazie ad Alà dei Sardi, Arzachena, Calangianus, Loiri Porto San Paolo, Padru, Sant'Antonio di Gallura e Telti.
630 concorrenti provenienti da tutto il mondo, in rappresentanza di 36 paesi, uniti da 140 Club Team correranno attraverso le rotte sarde. Numeri da record per l'edizione del centenario. Preferito per la vittoria finale sono la squadra francese, detentore del titolo 2012 e vincitore quest'anno del titolo Mondiale Enduro nelle categorie E1 ed E3, con Christophe Nambotin e Antoine Meo, rispettivamente. Anche preferiti sono la squadra australiana, che ha ottenuto il secondo posto dello scorso anno e la squadra finlandese, con ottime prestazioni nella categoria E1 del titolo mondiale 2013 con i piloti Matti Seistola e Eero Remes e, infine, la squadra di casa italiana, che ha ottenuto terzo nell'edizione 2012.
Un evento da non perdere, che è organizzato dalla FIM (Federazione Motociclistica Internazionale) e la FMI (Federazione Motociclistica Italiana) e anche dalla " Regione Sardegna " , numerosi enti locali, l' amministrazione forestale , l' Autorità Portuale e una lunga lista di sponsor, partner e fornitori ufficiali come KTM, Aeroporto Olbia Costa Smeralda, Ciao Sardinia, Sardinia Ferries e Europcar , anche raggiunti da Fiat Professional, Bardahl, Metzeler, Tiscali, Eicma, Airoh, Brema e molto altro per confermare l'importanza dell'evento.
Un totale di 1500 km di corsa attraverso, sei lunghi giorni di prove speciali e battaglie che finiscono nella Evento Finale EICMA, l'ultima gara croce nel "Sergio Bruschi" fuori rotta a Tempio Pausania, che assegnerà il titolo 2013. I 630 piloti saranno divisi in 40 gruppi. Un totale di 15 prove impegnative, otto turni, per un totale di 20 minuti, in cui ogni corridore proverà del suo meglio per ottenere attraverso le tre finali classi, che saranno trasmesse in diretta. Alla fine, solo una nazione alzerà la Throphy mondiale. Olbia, 30 settembre 2013: la data è impostata. La lotta per conseguire il titolo di centenario è appena iniziato!

fonte: http://www.fim-isde2013.com/



Immagine

GLI ITALIANI CONVOCATI

Immagine

World Trophy
Albergoni Simone (HM Honda Zanardo, Honda, 250 4T)
Balletti Oscar (Iron Racing Team, KTM, 350 4T)
Monni Manuel (KTM Farioli, KTM, 300 2T)
Oldrati Thomas (Husaberg Factory Racing Team, Husaberg, 250 4T)
Philippaerts Deny (Costa Ligure Beta Boano, Beta, 300 2T)
Salvini Alex (HM Honda Zanardo, Honda, 450 4T)

Junior World Trophy
Martini Gianluca (Lunigiana Enduro, Beta, 300 2T)
Mori Nicolò (Costa Ligure Beta Boano, Beta, 400 4T)
Moroni Rudy (KTM Farioli, KTM, 125 2T)
Redondi Giacomo (Iron Racing Team, KTM, 250 4T)

Woman World Team
Marrocco Cristina (Moto Club Vernio, Yamaha, 125 2T)
Riverditi Paola (Gasgas Italia, Gas Gas, 125 2T)
Sappino Anna (TRS, Honda, 250 4T)

Moto Club Italia
Battig Alessandro (Honda Zanardo, Honda, 250 4T)
Soreca Davide (Team Boano, Yamaha, 125 2T)





Il link per seguire le classifiche in tempo reale
http://www.liveisde.it/day2_worldtrophy.aspx
exSuper DukeR - EXC 450 - Duke 690
"Skeb possiede la saggezza del motociclista e l'ignoranza dell'asfalto." - I pazzi osano dove gli angeli temono

Skeb21
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 5429
Iscritto il: 12/05/2009, 15:41
Località: Milano

Re: ISDE 2013

Messaggio » 01/10/2013, 13:41


exSuper DukeR - EXC 450 - Duke 690
"Skeb possiede la saggezza del motociclista e l'ignoranza dell'asfalto." - I pazzi osano dove gli angeli temono

Skeb21
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 5429
Iscritto il: 12/05/2009, 15:41
Località: Milano

Re: ISDE 2013

Messaggio » 02/10/2013, 9:05

FIM ISDE 2013 - Giorno 2: Francia aumenta il suo vantaggio

Immagine

Seconda giornata del 2013 FIM ISDE in Sardegna, secondo giorno in nome della Francia. La squadra francese, dopo l'assunzione di piombo 1'15'' negli Stati Uniti il ​​1 ° giorno, ha fatto una grande prestazione di squadra oggi aumentando il vantaggio a + 4'56'' sulla seconda squadra, in Australia.
Trofeo Mondiale Un altro giorno quasi perfetto per Antoine Meo. Il pilota francese ha vinto tre delle sei prove speciali, lasciando i primi due per l'australiano Daniel Milner e il quarto per il compagno di squadra Johnny Aubert. I due transalpini attualmente occupano la prima e la terza posizione nella classifica assoluta, e tra loro c'è solo Milner. Oggi egli miglior pilota statunitense è stato Robert Taylor, la cui squadra è terza nella classifica Trofeo Mondiale. Lo è sempre stato tra la quarta e la sesta posizione per poi recuperare secondo nell'ultima speciale. Italia è stato molto sfortunato perché la sua performance è stata influenzata dalla sfortuna che ha colpito Alex Salvini: nel terzo turno una pietra ha colpito il movimento del suo moto a catena, poi ha subito la rottura di una piattaforma al centro della quinta speciale. Tutto questo, dopo che il pilota era in ospedale fino a tarda notte per rimuovere una grossa spina dal suo braccio.
Ora la Francia guida la classifica generale con 8h33'18'', seguita da Australia (+ 4'56'') e Stati Uniti (+5'11' '). L'Italia è quarta (+8'25' ').
Junior Trophy Mondiale Nella categoria dedicata ai giovani piloti, la lotta tra Francia e Italia è ancora aperto, con la Gran Bretagna pronti ad approfittare dei loro errori. Oggi i protagonisti delle prime due squadre erano Loic Larrieu e Giacomo Redondi, ora 9 ° e 22 ° nella classifica assoluta. Mathias Bellino è 15 °, Moroni 30 °. La classifica è guidata dalla Francia, ma il divario in Italia è solo 66 secondi. Gli inglesi, da parte loro, contare sul 20 ° posto e 26 di Jamie e Daniel McCanney e cercano di rimanere attaccato al primo.
Questa è la classifica: 1 ° Francia (5h15'31''), 2 ° Italia (+ 1'06''), Gran Bretagna (+2'39' ')
Trofeo del Mondo femminile tra donne, Australia messo tre piloti nei primi cinque posti (1 ° Jessica Gardiner, secondo Tayla Jones, quarto Jemma Wilson), lasciando gli altri due per la svedese Jessica Jonsson - terzo - e Emelie Karlsson. Nella classifica generale, l'Australia è al primo posto (04h04'17''), seguita da Svezia (+ 3'20'') e la Francia (+12'05' ').
La dichiarazione al termine della gara Johnny Aubert era in sala stampa: "Ho avuto buone sensazioni sulla Special Test-spiega il francese - e come squadra stiamo andando molto veloce. Ognuno di noi sta dando il massimo. Il nostro gruppo? Ci sono molti buoni piloti, ma noi non pensano come singoli piloti, ma come squadra ".

fonte:http://www.fim-isde2013.com/


Tragedia a Olbia, padre di un campione enduro muore in moto

Immagine

La tappa gallurese del campionato internazionale di enduro isde 2013 è stata funestata dalla morte del padre di uno dei centauri in gara. Walter Roggeri, 55 anni di Bovisio Masciago, in Brianza ha perso la vita in sella alla sua moto da enduro, una Beta R 400, schiantandosi sul guard rail della sopraelevata nord di Olbia a pochi metri dall’uscita per il porto Isola Bianca. L’uomo, padre di Davide Roggeri, campione italiano di enduro nel 2010 e in gara all’Isde 2013 con il moto club Desio, è uscito fuori strada da solo forse per un malore o un colpo di sonno.

Inutili sono stati i ripetuti tentativi di rianimazione compiuti prima dall’equipe dei medici di gara, intervenuti subito sul posto e poi dal personale del 118. Per Walter Roggeri non c’è stato niente da fare. Alla scena ha assistito anche il figlio che rientrava assieme al padre dall’ultima tappa della gara riservata ai moto club, quella di Marinella. Lo schianto è avvenuto alle 18.00 a poca distanza dalla destinazione: l’Isola Bianca dove si stava dirigendo il centauro assieme al gruppo dei motociclisti in gara per raggiungere i paddock. Il figlio Davide, fuori di sé per il dolore, si è scagliato contro i fotografi. Sul posto, oltre ai medici sono intervenuti gli agenti della polizia locale di Olbia coordinati dal comandante Gianni Serra per i rilievi del caso.
fonte:http://www.sardiniapost.it/


Maglia Azzurra in corsa nonostante la sfortuna

Olbia, 01-10-2013

I risultati ufficiosi della seconda giornata

Salvini rallentato da problemi tecnici. Maglia Azzurra 4° nel World Trophy e 2° nel Trofeo Junior.

World Trophy – Dopo la giornata di ieri, che aveva visto la Maglia Azzurra chiudere al 4° posto nonostante il fastidioso infortunio di Salvini, i nostri portacolori sono riusciti ancora a tenere duro malgrado alcuni episodi poco fortunati. La gara era iniziata bene, con Salvini che, ancora un po’ acciaccato, riusciva a ottenere il 5° posto nella prima prova speciale (KTM, Olbia loc. Pittulongu) e il 3° nella seconda (COMUNE DI GOLFO ARANCI, Marinella). Le cose purtroppo cambiavano nella 3° prova speciale (INDOONA Arzachena) dove Alex chiudeva a circa 50’’ dal vincitore Antoine Meo, a causa di una pietra incastrata nella catena della Honda del bolognese. Sfortuna che non abbandonava Salvini, visto che nella 5° speciale il Campione del Mondo in carica della classe E2 perdeva la pedana. I nostri ragazzi sono comunque riusciti a tenere il 4° posto finale della World Trophy, potendo contare sui buoni risultati ottenuti da Deny Philippaerts, 11° nella 2° speciale e 12° nella 4° (METZELER Olbia, Monte Pino) e da Oscar Balletti, che ha chiuso al 14° posto la classifica assoluta di giornata. In vetta ci sono ancora i Campioni World Trophy in carica, che hanno potuto contare su ben 4 vittorie di speciali, 3 targate Antoine Meo e 1 Johnny Aubert.

Junior World Trophy – Ancora una buona prestazione dei giovani di Cristian Rossi, che chiudono la giornata di nuovo sul secondo gradino del podio, alle spalle dei “soliti” francesi. Il migliore dei nostri si conferma Giacomo Redondi, che ottiene come miglior prestazione un buon 14° posto nella 5° prova speciale, seguito come miglior tempo di giornata da Rudy Moroni. La Maglia Azzurra Junior Trophy si mantiene così incollata ai transalpini, con un tempo di gara di 5h16’37’’, a poco più di un minuto dai francesi.

Women World Trophy – Australia sempre in vetta dopo la seconda giornata, seguita dal trio svedese e da quello francese. Gara sfortunata per le nostre Marrocco, Riverditi, Sappino, che hanno chiuso la seconda giornata al 6 posto.

Ultim’ora: un portavoce dell'organizzazione dell'ISDE ha rilasciato la seguente dichiarazione in relazione all'incidente stradale avvenuto nell'ultima ora di gara vicino alla zona paddock: "Siamo a conoscenza dell'incidente avvenuto vicno al parc fermé e confermiamo che la persona coinvolta non è un pilota iscritto alla FIM ISDE. Non saranno rilasciati altri commenti prima che ulteriori dettagli vengano resi noti". 01/10/2013 - ore 17.30


exSuper DukeR - EXC 450 - Duke 690
"Skeb possiede la saggezza del motociclista e l'ignoranza dell'asfalto." - I pazzi osano dove gli angeli temono

Skeb21
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 5429
Iscritto il: 12/05/2009, 15:41
Località: Milano

Re: ISDE 2013

Messaggio » 03/10/2013, 7:10

ISDE 2013 - Giorno 3: Francia al comando, gli USA superano l’Australia al secondo posto

Immagine


I risultati ufficiosi della terza giornata

Francia sempre in testa. Cambio sul secondo gradino del podio. Italia recupera nello Junior

World Trophy – Day 3. Siamo a metà gara, e la lotta per le posizioni che contano nel World Trophy comincia a delinearsi, con la Francia sempre in testa. La Nazionale Campione in Carica ha vissuto un’altra giornata di grazia, come ormai le capita dal primo giorno di gare in Gallura. Antoine Meo è riuscito addirittura a migliorarsi rispetto a ieri, portandosi a casa il primo posto in ben 4 speciali su sei e confermandosi alla guida della classifica assoluta. Ma i transalpini hanno dimostrato di essere una squadra davvero completa, perché dietro al solito Meo e a Aubert oggi è stata la volta di Pierre Alexandre Renet, che ha ottenuto due secondi e tre terzi posti nelle speciali di oggi. Cambio sul secondo gradino del podio, con gli USA che superano l’Australia grazie alle buone prestazioni di Charlie Mullins, a podio nella quarta speciale, e di Robert Taylor, che chiude 5° nella classifica assoluta, migliore dei suoi. Nonostante un grande Daniel Milner, vincitore della prima prova speciale (CITTA’ DI OLBIA loc. Basa) e della quarta (KTM Olbia, loc. Pittulongu), l’Australia scende al terzo posto. Ai piedi del podio resta la Nazionale Italiana, con Salvini 3° nella prima prova speciale.

La Francia conduce la classifica generale con 12h 40’ 22’’, seguita dagli USA a +8 ‘43’’ e dall’Australia a +9’02’’

Junior World Trophy – Testa a testa anche nel Trofeo riservato ai più giovani, con la Francia ancora in leggero vantaggio rispetto all’Italia. I transalpini possono contare sul talento di Loic Larrieu, che sta dimostrando in questi giorni un rendimento costante, testimoniato dall’8° posizione nella classifica assoluta, mentre il migliore della Maglia Azzurra è ancora una volta Giacomo Redondi. Al terzo posto troviamo invece la Gran Bretagna.

Questa la classifica: Francia 7h 46’ 48’’, Italia + +1’ 53’’, Gran Bretagna + 4’ 40’’

Women World Trophy – Conferme arrivano anche nel Trofeo riservato alle donne, con il terzetto australiano che è ancora in testa dopo la terza giornata. Al secondo posto troviamo il team svedese, forte della prestazione di Jessica Jonsson, che ha raccolto il miglio tempo di giornata. Terzo gradino del podio per la Francia, con il terzetto italiano che risale di una posizione e abbandona il sesto posto.

Classifica: Australia 6h 04’ 55’’, Svezia +8 ‘58’’, Francia +22’ 31’’



exSuper DukeR - EXC 450 - Duke 690
"Skeb possiede la saggezza del motociclista e l'ignoranza dell'asfalto." - I pazzi osano dove gli angeli temono

Skeb21
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 5429
Iscritto il: 12/05/2009, 15:41
Località: Milano

Re: ISDE 2013

Messaggio » 04/10/2013, 11:16

ISDE 2013 - Giorno 4: Salvini in rimonta i ragazzi dello Junior secondi

Dopo la buona prova di ieri, Salvini migliora ancora. La Maglia Azzurra junior tiene il secondo posto.

World Trophy – Niente spine, niente sassi, niente pedane rotte. Libero da fastidiosi impedimenti Alex Salvini mette insieme una grande quarta giornata. Già ieri la prestazione del Campione del Mondo della E2 era stata buona, ma oggi Alex, affrontando i nuovi percorsi previsti dal programma di gara, si è migliorato ancora, vincendo la seconda prova speciale (FIAT PROFESSIONAL, Loiri Porto San Paolo) e la quarta (BARDAHL, Padru) e arrivando secondo nella terza e nella quinta, recuperando così parecchio in classifica assoluta. Non solo Alex però, con il resto della Maglia Azzurra che continua ad offrire prestazioni convincenti, a partire dal 14° posto di Balletti nella 4° prova speciale e dal 10° posto di Monni nell’ultima speciale di giornata, risultati che permettono alla Nazionale Italiana di rimanere al 4° posto nella classifica World Trophy e di essere a circa 3 minuti dagli statunitensi, terzi.

Dando una rapida occhiata al podio, la Francia ha continuato a imporre il proprio ritmo alla gara, con Meo che ha portato a casa ben 3 prove speciali, mentre l’Australia, grazie alle buone prove di Milner e Strang, si è riportata sul secondo gradino del podio, ai danni, appunto, degli USA.

La classifica del World Trophy vede la Francia prima con 16h 42’ 48’’, Australia 2° a + +11’ 05’’, USA 3° a + +11’ 51’’ e Italia al quarto posto a + +15’ 00’’

Junior World Trophy – Dopo 4 giorni probabilmente possiamo dirlo. La Francia è di un altro pianeta. Ma i ragazzi della Maglia Azzurra si avvicinano molto ai transalpini. Il quartetto italiano anche oggi ha dato buona prova di se, potendo contare sulle convincenti prestazioni del solito Redondi e di Rudy Moroni, migliore dei nostri nelle speciali odierne. A due giornate dalla fine i ragazzi del CT Cristian Rossi restano a poco più di tre minuti dalla Francia, seguiti a loro volta dalla Gran Bretagna.

Questa la classifica: Francia prima con 10h 14’ 27’’, Italia 2° a + +3’ 13’’, Gran Bretagna 3° a + +6’ 10’’

Woman World Trophy – Australia, Svezia e Francia. E’ ancora questo il podio nel Woman World Trophy. Il trio azzurro Marrocco, Riverditi, Sappino resta al 5° posto in classifica ma fa registrare oggi il suo miglior tempo nella competizione con 2h 02’ 51’’.

La classifica: 1 - Australia 8h 00’ 50’’, 2 – Svezia + +10’ 42’’, 3 – Francia +26’ 35’’

Al termine della giornata si è presentato ai microfoni Deny Philippaerts: “Oggi è stata una giornata un po’ più dura ma ce la siamo cavata bene. Peccato per la sfortuna dei primi giorni perché come squadra ora ci siamo, veniamo da due giornate positive e vogliamo continuare in questo modo, il podio in fondo non è così lontano…”



La conferma di Meo, il ritorno di Salvini

FIM World Trophy Antoine Meo è il punto di riferimento di questa Sei Giorni sarda, e anche oggi è stato l’unico a rimanere costantemente (o quasi) nella top 3 delle Speciali. Dietro di lui ci sono state delle sorprese e un ritorno: quello di Salvini, che dopo i problemi dei giorni scorsi si è definitivamente piazzato ai vertici, vincendo due speciali e chiudendo l’assoluta di giornata dietro al francese. L’australiano Milner, dal canto suo, ha avuto delle difficoltà ed è stato sostituito nelle posizioni che contano dal connazionale Joshua Strang.

La giornata è iniziata con Meo al comando della Prova Speciale “Airoh” di Vena Fiorita, seguito da Milner e Renet. Un ordine cambiato nel secondo Special Test “FIAT Professional” di Loiri, quando Salvini si è imposto su Renet e Strang. L’italiano, finalmente in buona forma fisica, ha lasciato la leadership a Meo nella Speciale “Brema Menichetti” di Mazzinaiu per riprendersela nella quarta, la “Bardahl” – in località Padru –, mettendosi alle spalle gli australiani Hollis e Strang. La penultima Speciale “FIAT Professional” a Loiri ha visto il terzetto Meo-Salvini-Milner davanti a tutti, mentre la buona giornata di Strang si è concretizzata con la vittoria dell’ultima Prova “Airoh” a Vena Fiorita. A completare il podio di Speciale, Meo e Renet.

Alla fine del Day 4, la Francia ha incrementato il vantaggio da 8’43’’ sugli USA a 11’05’’ sull’Australia, che da terza è diventata seconda. Gli Stati Uniti chiudono il podio a 11’51’’, l’ Italia è quarta a 15’00.

A fine giornata, il francese Pierre Alexandre Renet ha commentato la sua prestazione fino ad oggi: “Giorno dopo giorno è andata sempre meglio e sono riuscito ad andare bene nelle varie Speciali nonostante il fondo secco. In squadra ci sono ottimi piloti e Meo va davvero forte. Spero si possa continuare su questa strada”. Protagonista della Sei Giorni è anche il team statunitense: “Tutta la squadra si sta divertendo – spiega Zachary Osborne - e in questi giorni ci stiamo esprimendo bene”. Chi vuol fare meglio è Mike Brown, che chiude così: “Domani dovremo andare ancora più forte”.

FIM Junior World Trophy Appurata la classe di Loic Larrieu, tra i giovani francesi oggi si è decisamente messo in mostra anche un altro “enfant terrible”: Mathias Bellino. I due sono riusciti a piazzarsi spesso nella top 10 e sono stati padroni della categoria. La lotta per il terzo posto di classe ha visto protagonisti il britannico Daniel McCanney (che ha completato il podio), l’australiano Thomas McCormack e lo statunitense Kailub Russel. Più in difficoltà l’Italia, che comunque resta saldamente seconda, ma passa da 1’53’’ a 3’13’’ di svantaggio dai transalpini. Terza della generale è la Gran Bretagna a 6’10’’.

Women’s World Trophy Grande giornata di Jessica Gardiner (unica a scendere sotto i 58’), seguita dalla sua compagna Jemma Wilson e dalle due svedesi Emelie Karlsson e Jessica Jonsson. Invariata la classifica, con l’Australia che comanda a +10’42’’ sulla Svezia e + 26’35’’ sulla Francia.



fonte:http: federmoto.it


Giacomo Agostini si racconta al Museo di Olbia

TRA GLI EVENTI DELLA 6 GIORNI DI ENDURO IL CAMPIONE HA PRESENTATO IL SUO LIBRO

Giacomo Agostini al Museo di Olbia
Nelle parole di Giacomo Agostini c'è la storia di un uomo baciato dalla fortuna e dal talento. I suoi titoli lo hanno reso famoso in tutto il pianeta, la sua umiltà lo ha fatto amare soprattutto da chi lo ha avvicinato anche solo per una stretta di mano. Al Museo Archeologico di Olbia ha raccontato alcuni passaggi della sua straordinaria carriera.

10 agostini01I 15 titoli mondiali conquistati, le vittorie americane ai danni dello spocchioso Kenny Roberts, dagli esordi con la mitica "Settebello Aste Corte" preparata per lui dal reparto corse Moto Morini, ai trionfi con la MV Agusta e gli attriti con i compagni di scuderia. "Facevano elicotteri - racconta il campione - con 5 mila dipendenti mentre un manipolo si occupava di motociclette. Quando c'era una nuova esigenza per la mia moto, interrompevano la produzione si concentravano su di me. E' stato un periodo fantastico. Da Morini mi sentivo a casa mia ma alla MV si correva per i mondiali".

E poi la nascita dei motori a due tempi e con essa lo sviluppo e il primato dei giapponesi. Firmò per la Yamaha. Un italiano che lascia la propria casa non poteva che generare l'accusa di "traditore" per lui, uomo del settentrione e antesignano professionista che non ha mai sbagliato una mossa. Passaggi di pochi minuti nella conferenza di oggi ma che hanno cambiato il corso della storia motociclistica. Tanto sport ma anche tanto "colore" ed aneddoti come il racconto del singolare gesto di una misteriosa donna vestita di bianco che lo salutava ad ogni passaggio di un circuito inglese sollevando la gonna.

L'incontro promosso da un grande appassionato di motori e amico di Agostini, Ciano Meloni, ha visto la partecipazione del co-autore del libro Mario Domini mediatore al tavolo e il sindaco di Olbia Gianni Giovannelli che ha consegnato una targa da parte dell'amministrazione comunale. Interessanti e per certi versi sorprendenti gli interventi e le domande di tanti appassionati presenti.

fonte:olbianova.it


exSuper DukeR - EXC 450 - Duke 690
"Skeb possiede la saggezza del motociclista e l'ignoranza dell'asfalto." - I pazzi osano dove gli angeli temono

Pennywise
Avatar utente
 
Messaggi: 783
Iscritto il: 26/10/2009, 9:34
Località: Levante Ligure

Re: ISDE 2013

Messaggio » 04/10/2013, 17:01

Non possiedo (ancora) questo libro, ma Mario Donnini (per me) è una garanzia di qualità. :clap: :clap: :up: :up:

Skeb21
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 5429
Iscritto il: 12/05/2009, 15:41
Località: Milano

Re: ISDE 2013

Messaggio » 08/10/2013, 9:12

ISDE 2013 - Giorno 5:Quinto giorno: il podio è vicino
L'Italia, dopo la rimonta della terza giornata, quando è arrivata seconda alle spalle della Francia, ieri ha concluso con un quarto posto. La Francia consolida la sua leadership, incontrastata dalle inseguitrici: Australia e Stati Uniti. Nella classifica generale del Trofeo gli azzurri hanno un ritardo di quattro minuti nei confronti dei terzi: il podio è abbordabile, occorre un'altra giornata buona com'è stata la terza.

La quarta giornata di gara era iniziata bene, con la squadra trainata da un Alex Salvini intenzionato a recuperare tutto il tempo perso. È stato soprattutto il secondo giorno a intralciare la corsa del neo iridato, quando problemi meccanici lo hanno costretto a vari rallentamenti e a tre minuti di ritardo. Questo ha significato partire per la giornata successiva nelle retrovie, incontrando più polvere e più canali. Nei due giorni scorsi ha comunque avuto ottime prestazioni, sempre accolte da un gran tifo a tutte le speciali.

Il tracciato della quinta giornata, l'ultima in percorsi di montagna, è lo stesso del giorno precedente, totalmente nuovo rispetto ai primi tre giorni. È più tecnico e selettivo, con un tratto particolarmente duro lungo una fascia tagliafuoco e nei sentieri stretti che seguono. I piloti si troveranno di fronte le stesse quattro speciali di ieri, due delle quali da percorrere due volte.



Nel Trofeo Junior gli azzurrini sono in seconda posizione, con un distacco dai francesi di appena superiore ai tre minuti. Rudy Moroni e Giacomo Redondi hanno concluso bene Day 4, con la settima ed ottava posizione; Gianluca Martini e Nicolò Mori in decima e undicesima posizione. Segue la Gran Bretagna in terza posizione. Nella classifica femminile Australia, Svezia e Canada occupano le prime tre posizioni della classifica; l'Italia è quinta.

fonte moto corse/Alberto Valtellino


exSuper DukeR - EXC 450 - Duke 690
"Skeb possiede la saggezza del motociclista e l'ignoranza dell'asfalto." - I pazzi osano dove gli angeli temono


Torna a "Radio corsa"

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Bing [Bot], Google [Bot]

SEO Search Tags

mondiale enduro olbia incidente mortale       fuori piombo racing team      la nuova sardegnia incidente stradale a olbia strada monte pinu anno 2005