KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Commenti e curiosità dalle competizioni.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 29/06/2012, 13:40

Mondiale Motocross MX1 e MX2 a Uddevalla. Gli orari TV del GP di Svezia 2012

Immagine

GP di Svezia
Domenica 1 luglio
12.00 | MX2 | Sportitalia2
13.00 | MX1 | Sportitalia2

16.00 | MX1 | Sportitalia2
19.00 | MX1 Replica | Sportitalia2

fonte moto.it

P.S. In teoria alle 15.00 c'è gara2 MX2 :wink:
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 29/06/2012, 13:47

Motocross. Uddevalla attende il GP di Svezia di MX
Superato il giro di boa, dopo una settimana di pausa, il Mondiale cross riparte in Svezia con la prima delle tre trasferte del Nord Europa


Immagine

Il conto alla rovescia è iniziato, ancora lento ma improrogabilmente scandito dalla nona prova che si corre sullo scenografico impianto svedese di Uddevalla situato ad un centinaio di chilometri a nord di Göteborg. Un circuito diventato di tradizione per il circus iridato, facilmente riconoscibile dalla spettacolare montagna situata a ridosso di buona parte del circuito che funge da tribuna naturale e che si riempie di capigliature bionde provenienti da ogni parte della Scandinavia.

Un tracciato decisamente veloce, dal fondo irregolare e dalla consistenza compatta ma cosparso superficialmente di sabbia e sassi che mette a dura prova la precisione dei piloti obbligati ad una guida accorta e precisa. Che dovrà essere ancora più accurata se il fondo sarà allentato dalla pioggia come da previsione meteo.

I grandi assenti
Quest’anno mancano all’appello i vincitori della scorsa edizione, Ken Roczen impegnato oltreoceano e Steven Frossard autore di una sonora doppietta e oggi alle prese col recupero del suo ginocchio. Visto che il suo rientro in gara è previsto solo per il 2013, il gladiatore della MX1 da questo appuntamento viene sostituito dallo scozzese Shaun Simpson “prestato” dalla Yamaha UK al team Monster Energy di Michele Rinaldi in quanto da questa gara la squadra inglese di Steve Dixon ritorna a ranghi completi con il rientro di Zach Osborne a fianco di Tonus, Leib e Pocock, quest’ultimo al via dell’Europeo.

Cairoli in fuga
La schiacciante vittoria di Cairoli nell’ultimo GP, vero e proprio schiaffo morale per Clement Desalle battuto davanti ai suoi tifosi, ha confermato l’intenzione dell’ufficiale KTM di voler spingere sull’acceleratore per arrivare a fine campionato con un po’ di salutare respiro. Con la pista scandinava ha un conto aperto, visto che l’anno scorso dopo aver segnato la pole una caduta alla partenza della prima manche gli ha fatto sudare sette camicie per portare a casa il terzo posto assoluto, che lo premiò con la leadership del campionato mantenuto dal siciliano sino alla conquista del suo quinto trionfo iridato.

Mercato piloti
Nel paddock di Uddevalla si parlerà anche di mercato piloti, visto che le squadre hanno già iniziato le trattative per assicurarsi i migliori piloti per il 2013. Per quanto riguarda la classe regina KTM dovrebbe mantenere l’attuale formazione composta dal Tonino nazionale e da Ken de Dycker, così come per Yamaha, Suzuki, Honda e Kawasaki non è difficile ipotizzare mantengano rispettivamente nelle proprie strutture ufficiali rispettivamente Frossard, Desalle, Bobryshev e Paulin. L’incognita riguarda invece la permanenza o meno di Leok, Goncalves e Philippaerts, oltre a quella di Christophe Pourcel che se troverà il budget giusto preferisce continuare a correre i GP piuttosto che i campionati Usa.

Causa il contestato regolamento che limita la permanenza nella MX2 sino ai 23 anni, Searle, Van Horebeek e Roelants sono costretti a mettersi alla guida delle 450, il primo quasi certamente mantenendo i colori Kawasaki. Voci di corridoio dicono la Yamaha interessata a Roelants, la Kawasaki a Lupino, la Suzuki a Philippaerts, l’Husqvarna ad Anstie.

fonte moto.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

superclod
Avatar utente
 
Messaggi: 896
Iscritto il: 23/10/2009, 21:46
Località: Bologna

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 01/07/2012, 22:22

Poteva andare peggio?? :crycry: :crycry: :crycry: Dai Tonino, riprenditi!! :twisted: :twisted: :twisted:
SUPERCLOD - KTM exc 300 duettì

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 01/07/2012, 22:32

GP Svezia 2012 - Uddevalla LIVE

Segui in diretta il GP - aggiornamenti in tempo reale


SABATO:

Giornata di qualifiche al GP di Uddevalla, sullo splendido tracciato con la caratteristica di disporre di una tribuna naturale sulle rocce. Purtroppo ancora un GP battuto dalla pioggia e dal maltempo che stà spazzando il Nord Europa.

Nelle manche di qualifica valide per lo schieramento delle manche di domenica, in MX2 Jeffrey Herlings ha guadagnato la testa della gara fin dal via e non ha permesso a nessun o di agguantarlo. Al secondo posto Arnaud Tonus che avauto la meglio su Tommy Searle che ha compiuto un errore nel finale. Quarto Jeremy Van Horebeek. Ottimo rientro per Zach Osborne che ha chiuso quinto.
Antonio Cairoli preso il comando della gara MX1 e si è limitato a controllare gli avversari fino alla bandiera a scacchi precedendo Evgeny Bobryshev. Al terzo posto Clement Desalle che ha preceduto Shaun Simpson in sella alla moto di Frossard. Ancora partenza difficile per David Philippaerts che ha comunque recuperato fino al settimo.

MX1 Qualifying Race top ten: 1. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 25:16.805; 2. Evgeny Bobryshev (RUS, Honda), +0:01.898; 3. Clement Desalle (BEL, Suzuki), +0:15.538; 4. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), +0:19.761; 5. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:36.345; 6. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:41.912; 7. David Philippaerts (ITA, Yamaha), +0:44.893; 8. Jonathan Barragan (ESP, Honda), +0:47.533; 9. Tanel Leok (EST, Suzuki), +0:50.342; 10. Kevin Strijbos (BEL, KTM), +0:53.252;
MX2 Qualifying Race top ten: 1. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 25:18.992; 2. Arnaud Tonus (SUI, Yamaha), +0:02.185; 3. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), +0:07.451; 4. Jeremy van Horebeek (BEL, KTM), +0:07.737; 5. Zachary Osborne (USA, Yamaha), +0:37.914; 6. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), +0:40.926; 7. Joel Roelants (BEL, Kawasaki), +0:44.526; 8. Jake Nicholls (GBR, KTM), +0:47.109; 9. Jordi Tixier (FRA, KTM), +0:50.603; 10. Valentin Guillod (SUI, KTM), +1:13.134;

Tim Gajser ha dominato ancora una volta la UEM EXM125, al secondo posto Pauls Jonass, terzo il pilota di casa Anton Lundgren. James Dunn e Simone Furlotti hanno completato i top five

DOMENICA:

Purtroppo il meteo prevede alta probabilità di pioggia specialmente per il pomeriggio.

Prima manche MX2: Piove copiosamente al via della prima manche MX2, Ferrandis scatta al comando, dietro ci sono Searle, Herlings, van Horebeek, Osborne. Due giri bastano a Searle per passare in testa nonostante la resistenza di Ferrandis. Nelle prime battute di gara finiscono a terra Tixier, Anstie e si ritira Lupino. Herlings passa Ferrandis, anche van Horeebek ha la meglio sul francese che viene raggiunto raggiunto da Roelants che lo supera. Colpo di scena al comando: Herlings raggiunge Searle che si ferma in pit lane, a cambiare gli occhiali ripartendo a 10” dal pilota KTM. Charlier cade e la sua moto non ne vuole sapere di ripartire. Van Horebeek si ferma per guai tecnici. Searle recupera su Herlings ma non riesce a raggiungerlo per tentare l’attacco. Herlings vince alle sue spalle Searle, poi Roelants, Ferrandis, Osborne, Nicholls, Tonkov, Tixier. Ventesimo Cervellin.
Download result as PDF

Prima manche MX1: Esce il sole ad Uddevalla per la prima partenza della MX1. Scattano al comando i fratelli Pourcel con CP377 che prende la testa del gruppo. Secondo è Desalle poi Cairoli e Philippaerts. Desalle si fa sotto a Seb Pourcel, Philippaerts supera Cairoli ma subito dopo perde qualche poszione. Problemi alla KTM di Cairoli che si inchioda con la ruota posteriore bloccata. Tony le prova tutte per ripartire ma è costretto a ritirarsi. Desalle tenta di andare a prendere Chris Pourcel, Philippaerts risale al quarto posto. Desalle raggiunge Pourcel lo attacca e lo supera, Simpson supera Paulin e si porta al quinto posto. Si cappotta Guarneri e perde la 13° posizione. Giornata no per i colori italiani anche DP19 è fuori gara per una caduta e non butta bene... Desalle vince, seguono i fratelli Pourcel, quarti Simpson, poi Strijbos, Leok, Paulin, Soubeyras, Boog, de Reuver, de Dycker, 13° Matteo Bonini.
Download result as PDF

Notizie su David Philippaerts: David ha picchiato duro il polso destro e sono in corso accertamenti, ma le notizie che arrivano non sono delle migliori. Prima di diffondere i "rumors" attendiamo comunque notizie ufficiali.

Seconda manche MX2: Ancora Ferrandis a scattare al comando, alle sue spalle Nicholls e Searle, resta invece intruppato Herlings che transita 18° al primo giro. Searle attacca e si porta prima al secondo posto poi al comando, Tonus va in terra, mentre Herlings cade e trasnita addirittura attorno al 30° posto. Tonus si ritira. Dopo 10 minuti di gara su un terreno che inizia ad asciugare, Searle guida, Ferrandis è secondo, poi Nicholls, Charlier, Osborne, van Horebeek, Butron, Herlings è 15°. Osborne e Charlier si centrano e finiscono a terra. Searle allunga van Horebeek attacca Ferrandis e si porta al secondo posto. Herlings entra nei top 10. Searle vince, staccato van Horebeek, terzo Ferrandis poi Nicholls, Osborne, Charlier, Herlings, Tixier, Butron, Lupino, Zecchina chiude 19°.

Seconda manche MX1: C. Pourcel ancora al comando, Desalle alle sue spalle poi Cairoli, Leok, Simpson. Desalle attacca subito ma Pourcel resiste, Cairoli subisce l’attacco di Leok e Simpson che si porta al terzo posto. Cairoli sbaglia e si pianta nel fango, la sua moto affonda e non esce dalla morsa. La scena è di quelle che non vorremmo mai vedere, la KTM numero 222 affonda nel fango svedese ed il pilota deve avviarsi a piedi verso la pit lane. Desalle attacca e si porta al comando, Pourcel non reagisce, si fa sotto Simpson ma sbaglia e finisce a terra, perdendo qualche posizione. Strijbos recupera e si porta alle spalle di Pourcel facendosi sotto quando mancano 4 giri alla fine ma il francese resiste. Desalle vince, Pourcel è secondo poi Strijbos, Leok, Simpson, S. Pourcel, Goncalves, Boog. Non ha preso il via Bobryshev.

Cambio al vertice della MX1 con Clement Desalle che torna dalla Svezia con la tabella rossa.

fonte mxnews.net
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 01/07/2012, 22:34

Desalle imbattibile in Svezia, Cairoli perde la corona in classifica
Il GP di Svezia ha infierito pesantemente sull’ufficiale KTM che si è visto sfuggire il comando della MX1 in favore di Desalle impostosi in entrambe le manche; nella MX2 prova di forza di Searle


Immagine

Una gara così impietosa Antonio Cairoli non l’aveva mai fatta. Trovarsi da leader con 42 punti di vantaggio a inseguitore con tre lunghezze di ritardo semplicemente perché la sfortuna ci ha messo lo zampino è stata la cosa più sconfortante che possa avere mai provato. E pensare che in Belgio era stato un leone, capace di strisciare in curva con mano e paramano come non faceva nessun altro pilota, e che sabato era di nuovo stato protagonista delle qualifiche che ha vinto in piena sicurezza.

Invece nella prima manche è stato costretto ad abbandonare la gara già dopo un giro per colpa di uno stupido sasso che si è infilato tra pignone e catena bloccandogli ha ruota posteriore. E questo è niente. Perché poi nella manche successiva dopo appena due giri nel tentativo di migliorare il suo quinto posto è arrivato lungo in una curva sprofondando letteralmente in un cumulo di fango talmente alto e compatto che nonostante i ripetuti tentativi non è più riuscito a venirne fuori.

Un pesantissimo doppio zero, che ha coinciso con la prima doppietta stagionale di Clement Desalle che ha approfittato della situazione per strappare la leadership all’ufficiale KTM, che dopo una metà stagione da condottiero ora è costretto a recitare il ruolo dell’inseguitore.

Doppia frattura per Philippaerts
Se quella di Cairoli è stata una giornata da dimenticare, quella di David Philippaerts è stata ancora peggiore visto che l’ufficiale Yamaha Monster Energy nello stacco da una rampa di un lungo panettone ha subito un contraccolpo che lo ha fatto rovesciare in avanti con la conseguenza di fratturarsi di nuovo i due polsi infortunati la scorsa stagione, uno dei quali in maniera scomposta. Un brutto colpo per il toscano, che stava mantenendo con forza la quarta piazza a conferma della sua determinazione ad affrontare di petto il giro di boa del campionato.

In entrambe le manche il belga della Suzuki si è imposto dopo aver superato a circa metà gara Christophe Pourcel, che nella prima manche ha accusato problemi prima agli occhiali e poi agli stivali. Terza piazza per il sempreverde Kevin Strijbos, che si è lasciato alle spalle un Sebastien Pourcel in continua ripresa e Shaun Simpson con ha corso con la Yamaha ufficiale di Steven Frossard con la quale farà anche la restante parte di stagione. Caduto nella prima manche e ritiratosi definitivamente per una profonda ferita ad un braccio che ha richiesto alcuni punti di sutura, il russo Evgeny Bobryshev ha almeno avuto la soddisfazione di vedersi confermato per i prossimi due anni dal team Honda World Motocross.

Caduto a metà della prima manche quando era 13° e ritiratosi per i danni riportati dalla moto, Davide Guarneri si è rifatto nella successiva dove è terminato 10°.

MX2
Decisamente movimentata anche la MX2, che ha visto vincitore Tommy Searle al quale è sfuggita una vittoria piena quasi certa a causa di un doppiato che nella prima manche lo ha ostacolato facendogli perdere il comando. Ne ha infatti approfittato Jeffrey Herlings che è passato in testa imponendosi poi sul rivale inglese, ma che in Gara 2 non è riuscito a fare meglio di 7° a causa di una partenza oltre la ventesima posizione al contrario di Searle che si è riscattato facendo gara a se dopo essere passato al comando al secondo giro.

L’olandese della KTM ha preceduto il giovane transalpino Dylan Ferrandis che ha centrato il suo primo podio in carriera e Jake Nicholls. Sfortunata anche la gara di Alex Lupino, che dopo il primo giro della prova d’apertura mentre era quarto è stato costretto ad andare ai box a piedi a causa dello stesso problema accusato inizialmente da Cairoli, mentre nella seconda è caduto alla seconda curva e ha mandato in porto una consistente rimonta conclusa in decima posizione.

Classifiche
MX1
MX1 - GP Classification
1. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 50 points;
2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), 44 p.;
3. Kevin Strijbos (BEL, KTM), 36 p.;
4. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), 35 p.;
5. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), 34 p.;
6. Tanel Leok (EST, Suzuki), 33 p.;
7. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), 26 p.;
8. Xavier Boog (FRA, Kawasaki), 25 p.;
9. Ken de Dycker (BEL, KTM), 20 p.;
10. Mark de Reuver (NED, Kawasaki), 20 p.;
11. Cedric Soubeyras (FRA, Honda), 20 p.;
12. Jonathan Barragan (ESP, Honda), 17 p.;
13. Rui Goncalves (POR, Honda), 14 p.;
14. Davide Guarneri (ITA, KTM), 11 p.;
15. Augusts Justs (LAT, Honda), 11 p.;

MX1 - Grand Prix Race 2 - Classification
1. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 39:05.450; ;
2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:04.445;
3. Kevin Strijbos (BEL, KTM), +0:07.064;
4. Tanel Leok (EST, Suzuki), +0:23.936;
5. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), +0:37.011;
6. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:40.893;
7. Rui Goncalves (POR, Honda), +0:52.511;
8. Xavier Boog (FRA, Kawasaki), +0:53.034;
9. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +1:16.098;
10. Davide Guarneri (ITA, KTM), +1:21.824;
11. Ken de Dycker (BEL, KTM), +1:23.053;
12. Mark de Reuver (NED, Kawasaki), +1:55.376;
13. Jonathan Barragan (ESP, Honda), -1 lap(s);
14. Cedric Soubeyras (FRA, Honda), -1 lap(s);
15. Anthony Boissiere (FRA, TM), -1 lap(s);

MX1 - Grand Prix Race 1 - Classification
1. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 40:52.302; ;
2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:20.870;
3. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:28.388;
4. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), +0:31.762;
5. Kevin Strijbos (BEL, KTM), +0:38.980;
6. Tanel Leok (EST, Suzuki), +1:13.721;
7. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +1:17.195;
8. Cedric Soubeyras (FRA, Honda), +1:22.736;
9. Xavier Boog (FRA, Kawasaki), +1:24.085;
10. Mark de Reuver (NED, Kawasaki), +1:35.661;
11. Ken de Dycker (BEL, KTM), +1:43.713;
12. Jonathan Barragan (ESP, Honda), -1 lap(s);
13. Matteo Bonini (ITA, KTM), -1 lap(s);
14. Kim Lindstrom (SWE, Kawasaki), -1 lap(s);
15. Augusts Justs (LAT, Honda), -1 lap(s);

MX2
MX2 - GP Classification
1. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), 47 points;
2. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 39 p.;
3. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), 38 p.;
4. Jake Nicholls (GBR, KTM), 33 p.;
5. Zachary Osborne (USA, Yamaha), 32 p.;
6. Jordi Tixier (FRA, KTM), 26 p.;
7. Joel Roelants (BEL, Kawasaki), 25 p.;
8. Jeremy van Horebeek (BEL, KTM), 22 p.;
9. Glenn Coldenhoff (NED, KTM), 21 p.;
10. Jose Butron (ESP, KTM), 18 p.;
11. Romain Febvre (FRA, KTM), 18 p.;
12. Christophe Charlier (FRA, Yamaha), 17 p.;
13. Valentin Guillod (SUI, KTM), 15 p.;
14. Benoit Paturel (FRA, Kawasaki), 15 p.;
15. Alexander Tonkov (RUS, Honda), 14 p.;

MX2 - Grand Prix Race 2 - Classification
1. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), 40:12.526; ;
2. Jeremy van Horebeek (BEL, KTM), +0:18.574;
3. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), +0:27.266;
4. Jake Nicholls (GBR, KTM), +0:29.925;
5. Zachary Osborne (USA, Yamaha), +0:51.319;
6. Christophe Charlier (FRA, Yamaha), +1:05.434;
7. Jeffrey Herlings (NED, KTM), +1:19.931;
8. Jordi Tixier (FRA, KTM), +1:23.237;
9. Jose Butron (ESP, KTM), +1:24.264;
10. Alessandro Lupino (ITA, Husqvarna), +1:34.735;
11. Romain Febvre (FRA, KTM), +1:37.788;
12. Glenn Coldenhoff (NED, KTM), +1:39.782;
13. Max Anstie (GBR, Honda), +2:09.246;
14. Julien Lieber (BEL, KTM), +2:36.091;
15. Valentin Guillod (SUI, KTM), -1 lap(s);

MX2 - Grand Prix Race 1 - Classification
1. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 39:51.669; ;
2. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), +0:03.017;
3. Joel Roelants (BEL, Kawasaki), +0:53.378;
4. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), +1:05.289;
5. Zachary Osborne (USA, Yamaha), +1:17.557;
6. Jake Nicholls (GBR, KTM), +1:22.205;
7. Alexander Tonkov (RUS, Honda), +1:40.416;
8. Jordi Tixier (FRA, KTM), +1:41.138;
9. Glenn Coldenhoff (NED, KTM), -1 lap(s);
10. Benoit Paturel (FRA, Kawasaki), -1 lap(s);
11. Petar Petrov (BUL, Suzuki), -1 lap(s);
12. Valentin Guillod (SUI, KTM), -1 lap(s);
13. Romain Febvre (FRA, KTM), -1 lap(s);
14. Arnaud Tonus (SUI, Yamaha), -1 lap(s);
15. Jose Butron (ESP, KTM), -1 lap(s);

fonte moto.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 01/07/2012, 22:41

superclod ha scritto:Poteva andare peggio?? :crycry: :crycry: :crycry: Dai Tonino, riprenditi!! :twisted: :twisted: :twisted:

Non ho visto gara 1 (MX2-MX1), però un sasso incastrato è "sfiga", andare ad "impaltanarsi" è un'errore pagato a carissimo prezzo.
Comunque se giudichiamo le ultime stagioni, forse Desalle ha avuto parte della fortuna che gli è sempre mancata (analisi non da tifoso che vede solo 222 :wink: ).

Purtroppo è andata peggio a DP19 che si è fratturato "nuovamente" i polsi :|
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

Pennywise
Avatar utente
 
Messaggi: 783
Iscritto il: 26/10/2009, 9:34
Località: Levante Ligure

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 02/07/2012, 7:09

jenk ha scritto:
superclod ha scritto:Poteva andare peggio?? :crycry: :crycry: :crycry: Dai Tonino, riprenditi!! :twisted: :twisted: :twisted:

Non ho visto gara 1 (MX2-MX1), però un sasso incastrato è "sfiga", andare ad "impaltanarsi" è un'errore pagato a carissimo prezzo.
Comunque se giudichiamo le ultime stagioni, forse Desalle ha avuto parte della fortuna che gli è sempre mancata (analisi non da tifoso che vede solo 222 :wink: ).

Purtroppo è andata peggio a DP19 che si è fratturato "nuovamente" i polsi :|


Nooooooooooooooooooooooo :( :( :? :? :crycry: :crycry:

Pennywise
Avatar utente
 
Messaggi: 783
Iscritto il: 26/10/2009, 9:34
Località: Levante Ligure

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 02/07/2012, 7:12



jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 02/07/2012, 13:37

Desalle e il disastro azzurro
Gara stregata per Cairoli che perde la tabella di leader. Grave infortunio per Philippaerts. A Tommy Searle la MX2


Immagine

na domenica bestiale quella vissuta dai piloti italiani in Svezia. Per Tony Cairoli due ritiri e tabella rossa sfuggita dalle mani. Peggio non poteva andare nel fango di Uddevalla. Nelle due manche, il fango dovuto alla tanta pioggia caduta ha reso la pista un cumulo di terra terribile, che ha beffato il cinque volte iridato.
Nella prima manche,mentre stava rimontando dalla quinta piazza in seguito a un errore nelle prime fasi di gara, un sasso ha bloccato la ruota posteriore. Ha provato Tony a sistemare la moto, ma senza successo. Il colpo del ko nella seconda manche. Ancora una volta quinto e in rimonta, Cairoli, ha perso il controllo della sua Ktm su un salto. La moto e' schizzata fuori pista bloccandosi nel fango rendendo cosi vani i tentativi di riportarla in pista.
Due zeri che hanno così permesso a Desalle di vincere il Gp e portarsi in testa al mondiale con tre punti di margine su Cairoli.
Peggio ancora è andata a David Philippaerts che si è cappottato in avanti nel corsa della prima manche con conseguente nuova frattura ai due polsi, già infortunati la scorsa stagione, uno dei quali in maniera scomposta.
Unica soddisfazione per gli azzurri il decimo posto di Guarneri in gara 2.
Tony Cairoli: "Sono arrabbiato: una domenica terribile che non capitava da tempo. Ho fatto due zeri e ho perso la tabella rossa. Non vedo l'ora di tornare in pista per rifarmi."
In MX2 vittoria di Tommy Searle, sfortunato nella prima manche quando un guaio agli occhiali lo ha penalizzato facendogli perdere la gara a favore di Jeffrey Herlings. In gara 2 Searle ha vinto, con Herlings solo settimo. Terzo posto per Dylan Ferrandis al primo podio di carriera. Giornata nera anche per Alex Lupino, fermo in gara 1 per un sasso tra catena e pignone quando era quarto e decimo in gara 2 dopo una caduta in avvio.

MX1 Race 1 top ten: 1. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 40:52.302; ; 2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:20.870; 3. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:28.388; 4. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), +0:31.762; 5. Kevin Strijbos (BEL, KTM), +0:38.980; 6. Tanel Leok (EST, Suzuki), +1:13.721; 7. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +1:17.195; 8. Cedric Soubeyras (FRA, Honda), +1:22.736; 9. Xavier Boog (FRA, Kawasaki), +1:24.085; 10. Mark de Reuver (NED, Kawasaki), +1:35.661;

MX1 Race 2 top ten: 1. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 39:05.450; ; 2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:04.445; 3. Kevin Strijbos (BEL, KTM), +0:07.064; 4. Tanel Leok (EST, Suzuki), +0:23.936; 5. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), +0:37.011; 6. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), +0:40.893; 7. Rui Goncalves (POR, Honda), +0:52.511; 8. Xavier Boog (FRA, Kawasaki), +0:53.034; 9. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), +1:16.098; 10. Davide Guarneri (ITA, KTM), +1:21.824;

MX1 Overall top ten: 1. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 50 points; 2. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), 44 p.; 3. Kevin Strijbos (BEL, KTM), 36 p.; 4. Sebastien Pourcel (FRA, Kawasaki), 35 p.; 5. Shaun Simpson (GBR, Yamaha), 34 p.; 6. Tanel Leok (EST, Suzuki), 33 p.; 7. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), 26 p.; 8. Xavier Boog (FRA, Kawasaki), 25 p.; 9. Ken de Dycker (BEL, KTM), 20 p.; 10. Mark de Reuver (NED, Kawasaki), 20 p.;

MX1 Championship top ten: 1. Clement Desalle (BEL, Suzuki), 348 points; 2. Antonio Cairoli (ITA, KTM), 345 p.; 3. Christophe Pourcel (FRA, Kawasaki), 336 p.; 4. Gautier Paulin (FRA, Kawasaki), 315 p.; 5. Ken de Dycker (BEL, KTM), 257 p.; 6. Kevin Strijbos (BEL, KTM), 243 p.; 7. Xavier Boog (FRA, Kawasaki), 236 p.; 8. David Philippaerts (ITA, Yamaha), 212 p.; 9. Tanel Leok (EST, Suzuki), 201 p.; 10. Rui Goncalves (POR, Honda), 183 p.;


MX2 Race 1 top ten: 1. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 39:51.669; 2. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), +0:03.017; 3. Joel Roelants (BEL, Kawasaki), +0:53.378; 4. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), +1:05.289; 5. Zachary Osborne (USA, Yamaha), +1:17.557; 6. Jake Nicholls (GBR, KTM), +1:22.205; 7. Alexander Tonkov (RUS, Honda), +1:40.416; 8. Jordi Tixier (FRA, KTM), +1:41.138; 9. Glenn Coldenhoff (NED, KTM), -1 lap(s); 10. Benoit Paturel (FRA, Kawasaki), -1 lap(s);

MX2 Race 2 top ten: 1. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), 40:12.526; 2. Jeremy van Horebeek (BEL, KTM), +0:18.574; 3. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), +0:27.266; 4. Jake Nicholls (GBR, KTM), +0:29.925; 5. Zachary Osborne (USA, Yamaha), +0:51.319; 6. Christophe Charlier (FRA, Yamaha), +1:05.434; 7. Jeffrey Herlings (NED, KTM), +1:19.931; 8. Jordi Tixier (FRA, KTM), +1:23.237; 9. Jose Butron (ESP, KTM), +1:24.264; 10. Alessandro Lupino (ITA, Husqvarna), +1:34.735;

MX2 Overall top ten: 1. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), 47 points; 2. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 39 p.; 3. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), 38 p.; 4. Jake Nicholls (GBR, KTM), 33 p.; 5. Zachary Osborne (USA, Yamaha), 32 p.; 6. Jordi Tixier (FRA, KTM), 26 p.; 7. Joel Roelants (BEL, Kawasaki), 25 p.; 8. Jeremy van Horebeek (BEL, KTM), 22 p.; 9. Glenn Coldenhoff (NED, KTM), 21 p.; 10. Jose Butron (ESP, KTM), 18 p.;

MX2 Championship top ten: 1. Jeffrey Herlings (NED, KTM), 403 points; 2. Tommy Searle (GBR, Kawasaki), 387 p.; 3. Jeremy van Horebeek (BEL, KTM), 330 p.; 4. Joel Roelants (BEL, Kawasaki), 263 p.; 5. Jordi Tixier (FRA, KTM), 243 p.; 6. Jake Nicholls (GBR, KTM), 237 p.; 7. Max Anstie (GBR, Honda), 199 p.; 8. Dylan Ferrandis (FRA, Kawasaki), 177 p.; 9. Jose Butron (ESP, KTM), 168 p.; 10. Alessandro Lupino (ITA, Husqvarna), 163 p.;

fonte xoffroad.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 02/07/2012, 13:46

Cairoli: "Inutile piangere, torneremo più forti di prima"
Ci si aspeterebbe un Cairoli infuriato, ma invece il campione KTM sa che sono cose che fanno parte del motocross. Per i punti in classifica è presto per fare calcoli


Immagine

GP di svezia stregato.
«E' da tanto che non facevo un GP con due zeri, non so se mi è mai capitato. Nella prima manche mi si è bloccato un sasso tra il pignone e il carter. Sono atterrato dal salto e si è completamente frenata la moto. Ho provato a toglierlo, ma niente: non c'è stato nulla da fare. L'hanno tolta poi con il martello. Nella seconda ero partito benino, terzo-quarto, poi mentre cercavo di fare un sorpasso ho fatto un piccolo errore all'atterraggio del salto, sono andato un po' largo sulla curva e ho visto all'ultimo secondo che lì avevano riportato tutto il fango dal lato opposto e mi sono piantato. Non ce l'ho fatta a tirare fuori la moto. Quando capitano queste giornate è inutile recriminare o piangere, si va avanti, ci sono ancora tantissime gare. Torneremo sicuramente più forti e agguerriti di prima».

E' un po' come ripartire da capo.
«Sì, per me perdere cinquanta punti è brutto, ho lavorato tanto questa prima parte di campionato e per questo stupido errore della seconda manche ho buttato via 25 punti. La prima non ci possiamo fare niente. Guardiamo avanti, la prossima gara sicuramente è importante. Vorrei correre domani per riprendere la leadership del campionato, ma aspetteremo due settimane».

“Perdere cinquanta punti è brutto, ho lavorato tanto questa prima parte di campionato e per questo stupido errore della seconda manche ho buttato via 25 punti”

Ci sono solo otto punti tra te e la testa del campionato.
«Non mi preoccupano assolutamente. Anche prima di questa gara non guardavo alla classifica, non è il momento di fare calcoli. Perché, come si è visto, può succedere di tutto…».

Pensa i tuoi tifosi quando ti hanno visto con il fango fino al ginocchio che non riuscivi a venire fuori, come fossero sabbie mobili.
«Purtroppo è andata così, si saranno disperati come ho fatto io in quel momento. Non riuscire a tirare fuori la moto dal fango è stato davvero brutto ci ho provato in tutti i modi ma era veramente impossibile. Chi pratica il Motocross sa che non è semplice come a parole. La prossima volta faremo meglio».

Cairoli (AUDIO): "E' da tanto che non facevo un GP con due zeri, non so se mi è mai capitato"

fonte moto.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 02/07/2012, 13:47

Domenica di sfortuna nera per Tony Cairoli

Da un comunicato DeCarli Racing


Trasferta scandinava incredibilmente sfortunata per il campione del mondo Antonio Cairoli, costretto al ritiro nelle due manche alla nona prova del Campionato Mondiale Motocross si è disputata sulla pista di Uddevalla, cittadina svedese a circa cento chilometri da Goteborg.
Autore di un ottimo sabato di qualifica, dove ha conquistato la quinta pole stagionale dominando la manche di qualifica, Antonio Cairoli era ottimista per le due gare della domenica, su una pista che gli è sempre piaciuta e dove ha già conquistato in carriera quattro Gran Premi. Tony non poteva certo aspettarsi due episodi così sfortunati: in gara uno dopo una buona partenza era a ridosso dei primi, in quinta posizione, pronto ad iniziare la scalata al vertice, quando improvvisamente nel corso del terzo giro si è reso conto che la ruota posteriore era bloccata. Tony ha cercato di sbloccarla ma non gli è stato possibile ed è stato costretto a ritirarsi: si è reso lui stesso conto che il problema era stato causato da un sasso incastrato non nella ruota, ma nel pignone di trasmissione, e che gli stessi meccanici a fine gara hanno potuto sbloccare solo con degli strumenti.
Ma alla giornata sfortunata mancava ancora l’episodio di gara due: partito ancora in una buona quinta posizione Cairoli, in sella alla sua KTM SX 350 F, era in scia ai primi quando nel corso del quarto giro, dopo l’atterraggio da un saltino, andando leggermente largo in traiettoria alla curva successiva, finiva con le ruote in un accumulo di fango (c’era stata pioggia il giorno prima e fino alla mattina, e le ruspe avevano spostato il fango a bordo pista), e vi rimaneva bloccato. Nonostante tutti i suoi sforzi, Antonio non riusciva a tirar fuori la moto dalla morsa del fango, ed anche in questa seconda manche è stato costretto al ritiro. Il doppio stop, il primo dal 2004, da quando milita nel team di Claudio DeCarli, ovviamente pesa molto in classifica, e nonostante il suo vantaggio prima di Uddevalla ammontasse a ben 47 punti, in un solo GP si ritrovava a dover cedere la testa provvisoria del campionato al belga Clement Desalle, due volte primo di manche, per tre punti.
Cairoli: ‘Due gare veramente incredibili. Non mi era mai successa una cosa del genere e ancora non riesco a crederci. Perdere così tanti punti in questo modo, mentre sono convinto che su questa pista, nella mia condizione attuale e con la mia moto settata alla perfezione, avrei potuto guadagnare ancora terreno, mi fa davvero rabbia. Ma c’è poco da fare, ora mi trovo ad inseguire. Il campionato è ancora molto lungo e questa giornata va presto dimenticata, non c’è altro da fare!’
Prossimo appuntamento per risistemare le cose, visto che Tony si è dimostrato fino ad oggi il più forte, sulla pista di Kegums (Lettonia) domenica 15 Luglio.

fonte mxnews.net
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Mondiale Motocross MX1 e MX2 gp Svezia

Messaggio » 03/07/2012, 20:49

GP Svezia 2012 - Up & Down

Gli appunti di Enzo Tempestini


"Up & Down" da Uddevalla dalla tastiera di Enzo Tempestini sempre presente a bordo pista, nel paddock, alle conferenze stampa...
Le pagine in cui pubblichiamo la sua rubricano, risultano le più lette del sito (sarà perchè ogni tanto ci propina le foto delle Monsterine sottovento?).

Premessa
Voto 10 ai “pagellari” del web che si affannano a scrivere “parole e musica” non appena è finito il “concerto televisivo”. La gara della velocità la vincete sempre ma forse perdete la gara della coerenza. Sparare “voti” a destra e sinistra soltanto dopo aver visto un GP in TV e senza sapere le effettive condizioni che hanno determinato le prestazioni dei piloti, è una cosa per pochi e non per noi che ci reputiamo comuni mortali. Noi che “purtroppo” siamo lenti e diamo i nostri umili giudizi, dopo aver visto le gare dal vivo e dopo aver verificato sul campo quello che veramente è successo.
Bravi

Uddevalla track
Una cura maniacale dei minimi particolari, gente cordiale e serena, paesaggio meraviglioso, pista tirata a “lucido”. Un plauso al costante (e in aumento) impegno, che gli organizzatori svedesi mettono nell’organizzare il GP. Un esempio da prendere al volo, da parte di tutti gli altri club dei GP iridati.
Impeccabili

Giove Pluvio
Per questa stagione “convenzionato” con il mondiale motocross, il zio della pioggia ha vanificato in parte il lavoro degli organizzatori (leggi sopra) e azzerato lo spettacolo che i piloti del mondiale MX potevano regalarci nel catino svedese.
Condannato a non ripresentarsi.

MX1
David Philippaerts
Il guerriero ha perso l’ennesima battaglia contro la sfortuna. David era in lotta per le prime posizioni su un tracciato che gli poteva regalare grandi soddisfazioni quando è caduto riportando lesioni agli avambracci gia infortunati lo scorso anno. Referti medici a parte, David di certo tornerà a essere il grande guerriero che tutti conosciamo. L’abbraccio virtuale di tutto lo staff e tutti gli utenti di MxNews.net gli porterà un leggero ma importante conforto in questi momenti difficili. Forza ragazzo, ti vogliamo di nuovo a combattere!

Antonio Cairoli
Il sabato è andato letteralmente a spasso nella qualifica confermando, se ce ne fosse stato il bisogno, il suo stato di grazia. La gara che segna l’inizio della seconda parte di campionato rimarrà invece nella memoria di Tony come la peggiore della sua carriera. Un doppio “zero” dettato dalla sfortuna che non si era mai verificato da quando Tony è approdato al mondiale se non a causa di situazioni particolari quali, mancata qualifica, squalifica o infortunio. Non scopriamo di certo oggi il carattere di Tony che ha fine gara ha dichiarato “Vorrei tornare in gara domani per recuperare la mia tabella rossa”.
Affamato di “vendetta”.

Pierfilippo Bertuzzo
Sbagliare in pista è normale, uscire di pista è normale, cadere è una logica conseguenza, ma andare a picchiare contro un’ambulanza parcheggiata a bordo pista non è proprio cosa che capita “tutti i giorni”. A conferma della giornata “no” degli italiani, è arrivato anche l’infortunio a “Pippo” Bertuzzo che nel warm up ha rischiato veramente grosso.
Torna presto

Clement Desalle
Probabilmente non avrebbe scommesso nemmeno un centesimo sulla sua doppietta in Svezia e non avrebbe mai ipotizzato, nemmeno nel più bene augurante dei sogni, di tornare a casa con la tabella rossa di leader e invece, torna a casa con un sorriso grande cosi! Desalle sorridente, cosa quasi impossibile da vedere, è l’esatta identificazione della gara svedese.
Strano ma vero

Christophe Pourcel
Due secondi posti per il francese, che ancora una volta “snobba” il mondiale motocross facendo intendere la sua volontà e i suoi interessi a un prossimo ritorno in America. La sua classe non si discute ma la sua condizione fisica si. Due partenze in testa ma regge il ritmo per metà manche poi molla la posizione a Desalle.
Secondo ma battuto

Kevin Strijbos
“The Kid” ritorna a podio e mostra di non aver perso la classe che lo aveva contraddistinto nell’epoca Everts. Kevin, ai tempi, era uno che dava filo da torcere a Mr. Motocross e la sua classe a volte ritorna.
Ritrovato

Gautier Paulin
Una gara “anonima” quella dell’unico pilota di vertice che non è riuscito ad approfittare in pieno della defaillance di Cairoli. Negli anni passati aveva dimostrato una certa predisposizione a non essere costante nei risultati. Forse la prestazione in terra Svedese ne è la conferma.
In calo

Davide Guarneri
Migliore degli italiani in questa “Caporetto” svedese, anche il “Pota” non è rimasto indenne dalla sfortuna che si è manifestata con una caduta nella prima manche, con il manubrio della sua KTM che si è rotto e non gli ha permesso di ripartire. Ottimo il decimo posto della seconda manche.
Deve crederci

Matteo Bonini
Tredicesimo in gara 1, ha bissato il risultato ottenuto al GP d’Italia e nella seconda manche poteva raggiungere un buon bottino di punti ma non è riuscito ad evitare l’impatto con la moto del francese Soubeyras caduto su un salto. Impatto che lo ha costretto prima alla caduta poi al ritiro. Per lui vale lo stesso discorso di Guarneri.
Deve crederci

MX2
Tommy Searle
Abbiamo ipotizzato un vantaggio dell’inglese su Herlings sui terreni duri e invece è riuscito a battere il rivale sul fangone svedese. Tommy recupera otto punti, un terzo dello svantaggio che aveva prima del GP, e mette pressione a Herlings che vede vacillare la superiorità ostentata dall’olandese ma che effettivamente, in termini di punteggio, non si è verificata in maniera cosi netta. Nella prima manche decide di fare un “pit stop” per cambiare gli occhiali e nonostante questo per pochi metri non batte Herlings. Un segnale forte, nei confronti dell’avversario, soprattutto dopo la vittoria a mani basse della seconda manche.
Un mastino

Jeffrey Herlings
Secondo per demeriti altrui più che per la sua prestazione. Per la prima volta si trova ad affrontare i suoi avversari in condizioni difficili e nella seconda manche, dopo un paio di cadute, rimonta con difficoltà. L’esuberanza dell’olandese sarà messa a dura prova e il fiato sul collo di Searle gli farà dormire sonni poco tranquilli da qui in avanti.
Sotto esame

Dylan Ferrandis
Sentiremo parlare a lungo di questo ragazzino terribile, ennesimo frutto del vivaio francese. In tempi non sospetti, Oliver Robert (responsabile della Federazione Francese per il motocross) in un’intervista ci disse “…ha il talento di Jean Michel Bayle e la grinta di Mickael Pichon…”
Scusate se è poco

Jake Nicholls
L’inglese parte sempre nelle prime posizioni (insieme al compagno di squadra Coldenhoff) sfruttando al meglio le prestazioni del complesso moto-pneumatici che lo proietta a fine rettilineo come un sasso lanciato da una fionda. La sua velocità non si discute ma non è ancora ai livelli dei migliori, anche se questa volta ha sfiorato il podio di pochi punti (cinque) e ha fatto segnare la sua migliore prestazione da quando è al mondiale MX2.
Da tenere sotto controllo

Zac Osborne
Voci di paddock lo davano per “disertore” dal mondiale motocross con la volontà di non rientrare in Europa e invece si è ripresentato in Svezia (come da programma) raggiungendo per due volte il quinto posto. A fine stagione tornerà in USA per salire sulla Honda Geico.
Bentornato e ci mancherai

Alessandro Lupino
Non poteva esentarsi dall’essere bersagliato dalla sfortuna che ha colpito gli italiani in questo GP e nella prima manche, dopo essere partito con il gruppo di testa, si è dovuto inchinare a un sasso che ha bloccato la trasmissione della sua Husqvarna TC250F. In gara ha usato il nuovo motore (blocco completamente rinnovato, più potenza agli alti regimi, stesso gruppo termico precedente) e nella seconda manche lo ha sfruttato alla grande recuperando dalle ultime posizioni (caduta di gruppo alla seconda curva) fino al decimo posto. Il “Lupo” mostra i denti in vista anche di un rinnovo di contratto o di una migrazione altrove (si parla di Kawasaki o Suzuki).
Determinato

Zecchina (2), Cervellin(1), Monticelli-Zeni (0)
Non sono i voti dei nostri italiani al via della MX2 ma i relativi punti conquistati in Svezia. Pochi, troppo pochi per un vivaio che potrebbe dare molto di più.
Abbiamo pazienza e vi aspettiamo (ma cercate di sbrigarvi).

fonte mxnews.net
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition


Torna a "Radio corsa"

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Baldoz, Bing [Bot], commodoro, Google [Bot], LucaMN, porrolo, raffasardo, sorre87, steppenwolf, topo78, Yahoo [Bot]

SEO Search Tags

MOTOCROSS PILOTA JAMES DUNN 2013      PIANTA campo da cross motocross      cadute cairoli Antonio      cadute cross accelleratore bloccato      caduto dal motocros      cairoli incastrato sabbia      foto del ruolo delle monsterine cross      gara mx1 replica      gran premio di svezia di motocross 2009      ktm 350 222 box      moto del mondiale cross tm racing 450 mx f      motocross ktm mentre cade      occhiali da sole motocross tony cairoli      panettoni motocross      primo mondiale cairoli stivali      prove di qualifica gran premio di svezia motocross 2013 classe mx2      qualifiche gran premio di svezia di motocross anno 2013 classe MX2      suzuki corona extra mx pourcel      uddevalla svezia      vano piu veloce moto mx1 o mx2?      tony cairoli nella morsa di fango nel gp di svezia      MONSTERINE      monsterine cross