KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

Cairoli, Guarneri e Philippaerts. Un tris mondiale

Commenti e curiosità dalle competizioni.

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Cairoli, Guarneri e Philippaerts. Un tris mondiale

Messaggio » 27/02/2012, 21:26

Archiviati lo Starcross e la prima tappa degli Internazionali d’Italia facciamo il bilancio di questa apertura stagionale con i piloti azzurri

Immagine

Lo scontro vero sarà quello del 9 aprile sulla sabbia di Valkenswaard, quando i più bei nomi del Gotha del motocross si ritroveranno tutti assieme per contendersi le prime posizioni della stagione iridata. Per ora ci si è accontentati di vederli in azione suddivisi nelle gare internazionali di casa nostra e in quelle estere di Valence (Francia) e Ha-wkstone Park (Inghilterra), lasciando così ancora aperto l’interrogativo su chi avrà le carte in regola per fare la differenza nella stagione 2012.

Tony Cairoli
Dopo la gara di Mantova e di Montevarchi è comunque possibile fare un primo bilancio di come si sono proposti i nostri migliori rappresentanti. C’è subito da dire che per quanto riguarda la MX1 non c’è che da essere ottimisti. Non che sia una novità, visto che la locomotiva Tony Cairoli è un pezzo che sta dandoci delle belle soddisfazioni, ma la curiosità di vedere quanto sia immutata la sua voglia di vincere rimane ad ogni inizio d’anno che segue una sua affermazione iridata.

Beh, c’è da stare certi che nonostante i cinque titoli iridati motivazione e determinazione del Tonino nazionale sono ancora ben solide. Lo si è capito da come ha iniziato a testa bassa gli allenamenti appena il fisico glielo ha permesso, all’indomani dell’incidente del Motocross delle Nazioni, e da come ha corso sulla sabbia di Mantova dove ci ha ricordato un passerotto, per via della sua fantastica guida così veloce e allo stesso tempo leggera e reattiva. Nel primo round degli Internazionali non si è potuto esprimere al 100% per via dei problemi agli occhiali (gli stessi accusati a Mantova), ma ciò nonostante è stato di nuovo protagonista.

«E’ stata ugualmente una giornata positiva - ha spiegato il messinese - perché mi trovo bene sulla moto e ho constatato che anche a per quanto riguarda la tenuta fisica sono a posto. La prima manche è stata bella, la velocità c’era e il ritmo era giusto, mi è stato davanti Frossard ma va considerato che è uno che dei pretendenti al titolo mondiale. Nella manche Elite invece dopo qualche giro gli occhiali si sono appannati, ho preso qualche rischio ed anche un pò di manubriate sullo stomaco per cui ho calato il ritmo e sono stato costretto a togliermi gli occhiali».

Sceso dal podio MX1, Cairoli era piuttosto seccato dal fatto che il suo sesto posto è penalizzato dal regolamento di quest’anno che, per quanto riguarda al risultato di giornata, non da nessun valore alla manche MX1 che precede quella Elite, dove corrono assieme 20 della 450 e 20 della MX2.

Cairoli (AUDIO): "Giornata positiva, solo qualche problema con gli occhiali"

David Philippaerts
Più soddisfatto della sua prestazione è stato David Philippaerts, che rotto il ghiaccio allo Starcross sul perfetto terreno del Miravalle è apparso più sciolto e disinvolto così da permettergli di esprimersi al meglio. Il David che si è visto in toscana è stato quello delle grandi occasioni, dove il fatto di correre senza vincoli psicologici gli ha permesso di far fruttare la sua guida grintosa. «Dalla scorsa domenica ad oggi abbiamo fatto un bel salto di qualità - ha commentato DP19 - adesso devo perfezionare la tenuta fisica così da essere a posto per il Mondiale». Per ora si tratta solo di una buona premessa, ma dando per scontato che sia impossibile dire a priori chi andrà ad aggiudicarsi il titolo MX1 dato che i piloti in grado di vincere un GP non sono meno di cinque o sei, ma se David si manterrà così freddo e concentrato siamo certi che possa rispolverare i fasti delle sue migliori annate.

Philippaerts (AUDIO): "Sono contento di essere arrivato secondo"

Davide Guarneri
Stessa cosa per Davide Guarneri, che lasciato alle spalle l’annata conflittuale sulla quale ha inciso pesantemente il mai trovato feeling con la Kawasaki, in sella alla KTM sembra rinato specie con l’arrivo del motore kittato con cui ha debuttato a Montevarchi. «Il fatto di avere più potenza a tutti i regimi mi ha aiutato - ha detto il Pota - come ha dimostrato il terzo tempo segnato in prova. Nella prima manche siamo stati tutti e quattro attaccati, solo alla fine ci sono messi di mezzo i doppiati che mi hanno fatto perdere all’ultimo giro il terzo posto. La superfinale è andata piuttosto bene, sono partito terzo, poi sono passato secondo e quando ha iniziato a piovere ho scavalcato Frossard e sono rimasto in testa sino a quando problemi elettrici mi hanno fatto rallentare e sono finito quinto». Non pretendiamo che vinca il titolo, ma questa potrebbe essere una stagione di soddisfazioni per il pilota del team Silver Action che ha bisogno di riscattare una stagione frustrante come quella passata.

Guarneri (AUDIO): "Bene, peccato per i problemi elettrici della moto"

Note dolenti in MX2
Sino a qui le grandi aspettative, prima di passare alle note dolenti della MX2 dove i punti interrogativi sono più di uno. Mentre ci si sta adoperando per trovare un posto dietro al cancello anche per Ivo Monticelli, che a Montevarchi prima di uscire di scena dalla finale per una caduta alla partenza si era messo in luce nella manche 250 terminando terzo dietro al tandem ufficiale KTM, attualmente sono cinque gli azzurri iscritti: Alex Lupino, Giacomo Del Segato, Simone Zecchina, Samuel Zeni e Andrea Cervellin.

I riflettori sono puntati sul primo del gruppo, che dopo una stagione piuttosto in sordina che ha avuto un acuto sul finale sia a Valence che a Montevarchi sembra aver trovato fiducia e mordente grazie anche al salto di qualità in termini di prestazioni della sua Husqvarna ufficiale. «Nella manche MX2 sono partito in testa, ma al primo panettone avevo già gli avambracci induriti - ha spiegato Alex - probabilmente a causa del diverso allenamento che ho fatto quest’anno con poca guida sulla moto nella prima parte dell’anno, scelta che mi mette ora in difficoltà ma che dovrebbe dare i suoi frutti a stagione avviata. Per quanto riguarda i tempi però sono messo bene, e quindi sono fiducioso, con le prossime gare dovrei prendere il ritmo. Quest’anno dovrebbe essere un bell’anno, non voglio crearmi aspettative ma sicuramente mi divertirò più dell’anno scorso».

fonte moto.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

Torna a "Radio corsa"

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: 8nuvola6, alpi82, Bing [Bot], Carlos 10, Dende, drugantibus, Kappa e spada, motardpiero, myname, Riddler

SEO Search Tags

forum ktm