KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

Ecco le KTM 2010

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Ecco le KTM 2010

Messaggio » 26/06/2009, 18:06

E la 450 mette la quinta!
Importanti modifiche al telaio e alle piastre forcella. Una marcia in più per la 450 SX-F


Ecco le prime foto ufficiali della KTM da cross in configurazione 2010. Niente rivoluzioni per le SX della casa austriaca, ma parecchi affinamenti, sia per le 2 che per la 4 tempi. Le principali modifiche riguardano l'angolo di sterzo più chiuso per le 125/150 2T, il diverso attacco del telaio al canotto di sterzo e il nuovo off-set delle piastre sterzo. La 450 riceve un nuovo cambio, dotato ci cinque rapporti.

Ecco comunque nel dettaglio tutte le novità per il 2010:

» Nuovo telaio con un angolo di sterzo più chiuso (0.5°) per 125/150 SX, più maneggevolezza in curva, miglior feeling dell'anteriore

» Nuovo disegno del telaio per la 450 SX-F

» Il telaio è saldato al canotto di sterzo 10 mm più in basso rispetto al 2009, per abbassare la posizione del serbatoio e della sella.

» Nuovo design della piastra forcella brevettato KTM (Piastra a doppia vite), con off-set fissato a 22 invece dei precedenti 20 mm, disegnata per migliorare le caratteristiche di flessibilità e l'azione della forcella, e per ottimizzare la maneggevolezza.

» Setting delle sospensioni modificato nell'idraulica, nuovi I paraoli e le boccole delle forcelle per ridurre l'attrito e migliorare il comfort, in combinazione con la nuova piastra, la forcella offre più maneggevolezza e maggiore stabilità

» Nuove pastiglie freno anteriori Toyo B153, prestazioni migliori, feeling più progressivo

» Nuovo disegno della scatola filtro e nuovo filtro aria

» maggiore protezione del filtro aria

» Nuove manopole Renthal "Diamond", migliore feeling

» Nuove grafiche, colori più brillanti


AGGIORNAMENTI DEL MOTORE
» Nuova marmitta per i due tempi (spessore delle pareti passa da 0.88 a 1.00) più resistente ai sassi

125/150 SX » Ingranaggio della 1a marcia rinforzato, durata più estesa

250 SX » Testata rinforzata, migliorata la durata

450 SX-F
» Pistone rinforzato (+ 0.5 mm spessore delle pareti, migliore durata
» Nuovo setting del carburatore ai bassi regimi, migliore guidabilità ed erogazione della potenza
» Nuovo cambio a cinque marce, miglior setting generale

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

PREZZI

SX
» 125 SX € 6.800
» 150 SX € 7.000
» 250 SX € 7.300
» 250 SX-F € 8.190
» 450 SX-F € 8.650

fonte xoffroad.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Ecco le KTM 2010

Messaggio » 03/09/2009, 21:51

KTM, motori al top!

I nuovi modelli 2010 si confermano il punto di riferimento per potenza ed erogazione. Incredibili le prestazioni del 250 4t. Il 450 riceve la quinta marcia


Anche quest’anno, puntuale come un orologio svizzero, arriva sotto i riflettori la nuova flotta KTM offroad. Location per la presentazione stampa dei model year 2010 è Città di Castello, dove un’ottima pista da cross e un percorso d’enduro molto tecnico sono stati i terreni ideali per mettere a dura prova le nuove moto austriache ready to race.
La prima conferma della validità dei prodotti KTM arriva certamente dai numeri di mercato, dove, nonostante la crisi, la ditta di Mattighofen ha saputo aumentare la sua fetta fino al 44%, questo grazie anche ad un forte ritorno dei due tempi e agli investimenti fatti in tal senso. Basti pensare che, per quanto riguarda il settore enduro, il 55% delle vendite è 2 tempi e solo il 37% a quattro “t”.

Per il 2010 non vengono introdotte novità stravolgenti come nuovi telai o soluzioni inedite, ma rimanendo fedeli al layout già adottato e consolidato da tempo, vengono apportate importanti modifiche sia a livello strutturale che di motore. Niente alluminio quindi, niente link per il mono e nemmeno l’iniezione, ma interventi di grande peso sulle basi già collaudate, che rendono la gamma arancio ancora più vicina alla perfezione.
Avendo individuato ormai linee di prodotto assolutamente distinte (mini, cross, enduro), KTM interviene ogni anno in maniera sempre più mirata, a seconda delle specifiche esigenze riscontrate sulle precedenti versioni, grazie anche alle molteplici informazioni raccolte durante le esperienze maturate nelle competizioni.
Per quanto riguarda le cross è l’Ing. Bernard Palzotta, responsabile del reparto ciclistico, a parlarci direttamente delle novità. “Sulle 2 tempi abbiamo chiuso di 0,5 gradi l’inclinazione di sterzo mantenendo però invariato l’interasse”. Questo fa in modo che la moto diventi più agile e facile da inserire in curva, senza però renderla più nervosa.
“Sulle 4T invece, siamo intervenuti in maniera sostanziosa nella zona del cannotto di sterzo. Il telaio è saldato al canotto 1 cm più in basso, abbassando così il piano sella in quella zona.”
In questo modo è stata rivista da distribuzione dei pesi e l’avantreno risulta ora molto più leggero e semplice da gestire. Sono state adottate anche nuovissime piastre di sterzo con nuovo offset di 22mm (contro i 18-20 regolabili delle 2009) che hanno la caratteristica unica di riuscire a serrare le forcelle nel bloccaggio inferiore senza creare deformazioni agli steli, garantendo quindi la massima scorrevolezza possibile.
Quanto ai motori invece, abbiamo chiesto al motorista capo, l’Ing. Sebastian Sekira, quali siano le novità 2010. “Ancora una volta siamo andati alla ricerca della massima affidabilità”, ci spiega l’Ing Sekira.
“ Sulle piccole 2T abbiamo rinforzato dell’8% l’ingranaggio della prima marcia, sulla duecentocinquanta 2T abbiamo introdotto una nuova testa più solida, mentre sulle 4T abbiamo optato per un pistone più spesso di 0,5 mm, una campana frizione ottimizzata ed un setting al carburatore interamente rivisto.” Di assoluta rilevanza anche l’inserimento della quinta marcia sulla grossa 450 da cross, che ora gode di una spaziatura marce decisamente più fruibile.

Motocross
Altre novità introdotte sulle cross sono i setting del pacchetto sospensioni, volti a ricercare una maggiore sensibilità nella prima parte di corsa, le pastiglie freno (Toyo B153) all’anteriore che ne aumentano la modularità, la protezione sotto sella della cassa filtro che elimina le infiltrazioni d’acqua dall’alto, il tappo del radiatore che ora è in grado di reggere una pressione di 1.8 bar (contro 1.4 bar di prima) e conseguentemente una temperatura maggiore di 10 gradi, l’incremento di spessore delle marmitte dei 2T, da 0,88 mm ad 1 mm, al fine di aumentarne la resistenza agli urti, le manopole marchiate Renthal, di tipo Diamond, ed infine le grafiche in-mould più leggere e slanciate.

Enduro
Non ci siamo di certo dimenticati della gamma da Enduro di KTM che comprende alcuni tra i modelli più apprezzati dagli appassionati di questa bellissima disciplina sportiva. Ora scopriamo come vanno le moto da cross. Nei prossimi giorni troverete il nostro resoconto dettagliato sulle prestazioni delle cugine da Enduro. Restate sintonizzati!

250 SX
Il primo impatto è decisamente scioccante. Nell’era dei quattrotì che regnano sovrani, in particolar modo nei campi da cross, girare un con un duemmezzo a miscela, non solo è divertente, ma trasmette forti emozioni. La casa austriaca crede nel progetto due tempi e, a differenza delle giapponesi, sta portando avanti di anno in anno le ricerche e gli sviluppi, realizzando continuamente modelli ad altissimo contenuto tecnico.
Sebbene la sigla ed ancor più il suono emesso ci ricordino cosa stiamo cavalcando, è lecito dire che ormai anche queste moto alimentate a miscela, rinomate per la loro scorbuticità, sono diventate molto simili alle sorelle a quattro tempi in termini di erogazione, con un enorme vantaggio in più: una leggerezza e maneggevolezza unica!
Appena in sella le reazioni sono strane, la moto appare poco incline a seguire le buche e risulta scontrosa, ma una volta presa confidenza, è come portare a spasso una bicicletta. Stretta tra le gambe, snella e con zero inerzia, anche gli spazi di frenata diventano pressoché nulli. Il motore allo stesso tempo è ottimamente gestibile, molto forte ai bassi ed ai medi, tende però a murare un po’ presto verso l’alto. La progressione è da riferimento, tanto che nelle contropendenze di Città di Castello non ho avuto alcun problema a curvare. Anzi, grazie alla leggerezza ero più agile ad entrare in curva e a tenere la traiettoria interna. Per non parlare dei salti, dove, abituati alla parabola bassa dei trattoroni, è necessario riprendere le misure perché basta un buon colpo di gas e si vola immediatamente di là.

250 SX-F e 450 SX-F
Da anni sono le punte di diamante KTM e da anni solcano con successo i terreni delle gare internazionali. Partendo dalla piccola, confermiamo ancora una volta che dal punto di vista motoristico rimane il riferimento della categoria. La curva di erogazione è leggermente piatta a partire, questo probabilmente è dovuto anche al fatto che la moto del test era leggermente grassa di carburazione, ma quando inizia a salire non si ferma più, l’allungo è infinito. Il rombo poi è bello pieno e la forza che ha ti permette di guidare anche in maniera pulita stile 450, senza dover necessariamente viaggiare a gas sempre spalancato. Come impostazione in sella ho notato un grosso cambiamento rispetto all’anno passato: l’abbassamento dell’attacco del cannotto fa in modo che la moto sia più caricata in avanti. Anche in virtù dell’adozione di un manubrio più basso e più ricurvo, al primo impatto la moto risulta più scomoda e la posizione in sella è più contratta, ma prese le misure la nuova SX-F consente un inserimento in curva decisamente più efficace. Il nuovo stile americano del manubrio attaccato alle piastre sta influenzando il mercato Europeo e KTM lo propone già sulla nuova produzione. Quanto alle sospensioni, ho apprezzato il lavoro svolto a ricercare maggiore comfort. Il primo impatto è ottimo, ma una volta inanellati alcuni giri buoni ho potuto verificare che l’impostazione standard risulta un tantino morbida nel momento in cui si decide di spingere un po’.

La sorella maggiore riceve, oltre che al già citato nuovo assetto telaistico, un intervento di notevole rilievo. Il cambio passa da 4 a 5 velocità aumentando di fatto la già ottima sfruttabilità del propulsore. L’arco di utilizzo del motore rimane più intervallato ed è quindi necessario giocare un po’ di più con la leva del cambio mentre si gira, ma così facendo si è certi di avere sempre la potenza necessaria pronta da scaricare. La terza marcia rimane quella ottimale per le tipologie dei nostri tracciati, ma per qualche tornantino o curva in contropendenza, appoggiare la seconda è un ottimo compromesso.
In alcune situazioni rimpiango la vecchia impostazione dove la leva della frizione e quella del cambio, una volta in terza, erano quasi superflue, ma per situazioni limite il controllo millimetrico del rapporto finale è decisamente un must da non sottovalutare.
La posizione in sella è familiare come per tutta la gamma, ma in questo caso, stringere tra le gambe il 450 più potente del mercato fa un certo effetto. Le sospensioni sulla grossa mi sono sembrate più in linea con l’impostazione racing della casa: sia la forcella che il mono, entrambi di nuova taratura, sostengono bene sia in staccata che in atterraggi violenti.

Pregi
Quanta birra i motori quattrotì! – Inserimento in curva migliorato (SX-F) – Semplicità di guida (SX)

Difetti
Allungo del motore (SX 250) - Forcella morbida (SX-F 250)

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

fonte moto.it

Gamma EXC quì
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Test KTM 2010

Messaggio » 27/11/2009, 1:08

Test KTM 2010
Orange County
Nessuno stravolgimento su tutti i fronti: lunga vita al PDS e al carburatore. Più vivo che mai il 2T


Immagine

Chi per il 2010 si aspettava qualcosa di rivoluzionario da Mattighofen, forse rimarrà deluso, ma in KTM hanno deciso di seguire la strada dello step by step.
Sulle Enduro e i Cross my 2010, quindi, niente leveraggi e nessuna iniezione elettronica. Le moto sembrano uguali, ma le novità ci sono e si sentono nel comportamento dinamico.
Degno di una speciale da Mondiale il banco di prova: terreno asciutto con pietre piantate con l'alternanza di tratti veloci e lenti, uniti a pezzi di fettucciato con curve di vario raggio.

Le Cross quattro tempi
Pochi gli interventi sulla reginetta della MX2. In pista, però, rimane un vero spasso, grazie a sospensioni che lavorano in perfetto equilibrio. Il propulsore è caratterizzato da una schiena e un allungo al top della categoria. Il cambio marcia è il punto di forza di questa 250. Non è un caso che nel Mondiale si trovino spesso un nugolo di Kappa nelle prime dieci posizioni. La moto è un ottimo compromesso, un razzo pronto gara. Con questa 250 si evita di dover spendere soldi in kit di preparazione e, con i tempi che corrono, risparmiare è tutto! Forcella e mono, come detto, ora sono OK, ma i piloti magari potranno dirottare un po' di budget dalla preparazione del motore a un bel paio di sospensioni SXS. Le novità più interessanti per il 2010 riguardano la 450 e, proprio per questo, l'avevamo già provata sul numero 19 di XOffRoad. Qui ricordiamo solo che la potenza è il suo vero punto di forza e,quindi, richiede una buona dose di allenamento.

Il due tempi che non invecchia
La gamma 2T rappresenta una solida realtà e i modelli 2010 sono la conferma di quanto detto. Per loro, oltre agli aggiornamenti comuni a tutta la gamma, ci sono vari interventi mirati.
Il 125 si guida bene, le sospensioni lavorano al meglio e, grazie al suo peso piuma, la staccata e l'inserimento in curva risultano fulminei, rispetto alle attuali MX2 a quattro tempi. Ma la piccola paga pegno in uscita, soprattutto su terreni duri e senza appoggi. Vi assicuro, però, che una volta presi i giri, questa moto non ha niente da invidiare alle rivali di doppia cubatura. L'allungo è molto buono e, grazie a una carburazione ottimale, anche il cambio marcia si effettua senza incertezze. Una moto divertentissima, capace di regalare grandi emozioni... soprattutto in aria!
La 250 è una moto da interpretare: la potenza è tanta ma è distribuita, soprattutto, da metà in su. Il motore gira bene, con un allungo interminabile e un buon cambio marcia. Nei tratti molto veloci, soprattutto in discesa, questa duemmezzo trasmette una leggera instabilità sull'anteriore, problema che, di certo, perdendo un po' di tempo, potrebbe essere risolto lavorando sui registri delle sospensioni. È la moto perfetta per chi ha poco tempo da dedicare alla preparazione fisica, ma desidera forti scariche di adrenalina!

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

fonte xoffroad.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

ivancosta
Avatar utente
 
Messaggi: 918
Iscritto il: 09/09/2009, 11:16
Località: Bisacquino (PA)

Re: Ecco le KTM 2010

Messaggio » 27/11/2009, 11:18

:shock: Bellissime le ho viste di presenza per la presentazione dal mio concessionario


anche se preferisco le superbike :lol:


Torna a KTM SX

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: Bing [Bot], brogio99, cross196, El Blanco, elmotorista, fabio55, Gandalf, Google [Bot], inigo, kayser, ktm250exc01bella, loverock, lucolas, neeko72, pippopupazzi, rickyflyminos, Riddler, Rsonsini, Ste13, superduca01, Wdm1290, Yahoo [Bot]

SEO Search Tags

forum ktm      gare di mini cross ktm 2tempi      ktm 125 da cross gara      ktm 125 sx carburatore      ktm 250 sxf grafiche del boscaiolo      miglior setting per ktm 450 exc 08-11      moto da cross 125 2t       motocross da strada 125 exc modificata      gradi piastre sterzo ktm 450 2015      motocross 125 da competizione      ktm 125 da cross