KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

KTM Cross 2012

Moderatori: Moderatori, ModeratoriP

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

KTM Cross 2012

Messaggio » 17/05/2011, 13:49

Arriva il link sulle SX due tempi
Presentate a Monaco le nuove Kappa Cross. Bottoncino di serie anche per la 250 SX-F


Immagine

La notizia è l'arrivo del link sulle SX a due tempi, il mono WP ora è collegato al forcellone tramite leveraggi. Nel Cross, quindi, è scomparso il PDS. Aggiornamenti anche per le quattro tempi. Sulla 250 SX-F arriva l'avviamento elettrico di serie, come sulla 350 SX-F. Chi vorrà il pedale, comunque, potrà ordinarlo: il kick starter rimane optional per entrambe. Giravano voci che sarebbe arrivata l'iniezione sulla 450 SX-F, che invece rimane fedele al suo bel carburatore. Per il resto, si segnalano per tutte nuove mappature, pneumatici Pirelli di primo equipaggiamento e modifiche alla frizione del 350. Per altri dettagli: stay tuned!

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

fonte xoffroad.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Presentata la gamma cross KTM 2012

Messaggio » 31/05/2011, 10:21

Comunicato KTM SPORTMOTORCYCLE Italia

Dopo i grandi successi del mondiale Motocross 2010 e il lancio recente della nuova generazione di Enduro EXC, l´azienda leader nella produzione di moto da fuoristrada presenta la gamma Motocross 2012 forte di un’evoluzione e un affinamento del prodotto già allo stato dell´arte. Punti di forza: il nuovo telaio con sospensione a leveraggio per i modelli due tempi 125 SX, 150 SX e 250 SX.
Il circuito di motocross adiacente l’aeroporto di Monaco ha fatto da palcoscenico per il lancio ufficiale dei nuovi modelli SX 2012 della casa austriaca. Sebbene siano numerosi gli aggiornamenti sulle moto, ci sono cose che non cambiano mai. Anche l’ultima generazione dei mezzi prodotti a Mattighofen è infatti discendente diretta delle moto ufficiali da motocross e supercross che continuano a raccogliere importantissimi successi in tutto il mondo, e che continuano a trarre profitto dalla preziosa interazione tra competizioni e produzione di serie che da decenni è caratteristica imprescindibile per KTM.
Rimane invariata anche la proverbiale ampiezza della gamma motocross offerta da KTM, unica nel suo genere. Anche per i modelli 2012 si spazia infatti dalla 50 SX, per i giovanissimi affamati di successi nello sport, fino alle moto vincenti nella categoria MX1, la 350 SX-F e la 450 SX-F. Nel mezzo, KTM offre una vasta scelta di moto di altissima qualità a due e quattro tempi in grado di soddisfare le esigenze di ogni pilota, in ogni pista, per ogni campionato!
L´obiettivo principale dei tecnici KTM è stato mantenere nella nuova gamma il carattere vincente dei modelli che hanno dominato la stagione di gare 2010 con Antonio Cairoli (MX1), Marvin Musquin (MX2) e Steffi Laier (WMX), tutti campioni del mondo nelle rispettive classi. Il cambiamento più importante è rappresentato dall´adattamento del telaio al sistema di sospensione con leveraggio progressivo. Già introdotto nei modelli a quattro tempi la passata stagione, il “link” è oggi presente anche su tutti i modelli a due tempi. Inedito il forcellone in alluminio modificato, rivista la forcella a steli rovesciati prodotta dall’austriaca WP con steli da 48 mm di diametro, modificata e più rigida, che rappresenta un ulteriore passo avanti nella ricerca della perfezione in un campo determinante come quello delle sospensioni.
Oltre alle modifiche immediatamente visibili, tutte le novità che si avvertono non appena si salta in sella sottolineano l´impegno di KTM nel volersi confermare leader nella produzione di moto sportive, all´insegna del motto Ready to Race!


Le novità più importanti sui modelli KTM MX 2012:
Ciclistica con nuovo telaio, sistema sospensione con leveraggio progressivo, forcellone in alluminio modificato e nuovo ammortizzatore posteriore (su tutti i modelli 2 tempi)
Forcelle WP con steli da 48mm
250 SX-F ora con avviamento elettrico
450 SX-F con nuova frizione
Nuove forcelle da 35mm a steli rovesciati per i modelli 50 e 65 SX
Nuovo impianto frenante con pinza a 4 pistoncini per i modelli 65 e 85 SX
Nuove ruote per i modelli Mini
Nuova generazione di gomme Pirelli
La gamma di modelli racing KTM MX 2012:
Mini
50 SX, 65 SX, 85 SX
MX/SX due tempi
125 SX, 150 SX, 250 SX
MX/SX quattro tempi
250 SX-F, 350 SX-F, 450 SX-F


La nuova gamma sarà disponibile in tutte le Concessionarie ufficiali KTM a partire da Giugno 2011.


Questi i prezzi dei modelli cross
2012 50 SX LC € 3.400
2012 65 SX € 4.150
2012 85 SX - 17/14 - 19/16 € 4.750
2012 125 SX € 7.100
2012 150 SX € 7.300
2012 250 SX € 7.600
2012 250 SX-F € 8.200
2012 350 SX-F € 8.600
2012 450 SX-F € 8.950

Immagine Immagine

Immagine Immagine

fonte mxnews.net
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition

jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19220
Iscritto il: 21/01/2009, 1:26
Località: Monza (MB)

Re: Presentata la gamma cross KTM 2012

Messaggio » 31/05/2011, 21:45

Gamma KTM SX 2012 | Duettì col link!
La gamma da cross della Casa austriaca è sostanzialmente confermata per il 2012. Grande novità per il leveraggio che arriva sul due tempi, una motorizzazione che ha ancora tanto da dire. Avviamento elettrico sulla SX250F

Immagine

Il test della gamma motocross 2012
"Un anno dopo la presentazione in Spagna possiamo dire di essere veramente soddisfatti della strada che abbiamo fatto." Apre così Joachim Sauer la conferenza stampa dei nuovi modelli 2012, in occasione del test delle nuove moto austriache.
A dirla tutta l'inserimento del nuovo propulsore intermedio 350 all'interno di un mercato da tempo statico é stato davvero di grande impatto nel mondo del fuoristrada. Sicuramente in KTM sono stati fortunati a essersi portati in casa Cairoli, ma la stagione agonistica scorsa è stata una chiara dimostrazione che non serve necessariamente il motore più potente, ma al contrario una maggiore guidabilità e sfruttabilità del mezzo.
"Non solo", aggiunge Sauer," ma la cosa che davvero ci gratifica é che ha attirato molta più attenzione e pubblico, tra cui piloti come Ken Rokzen, che per anni é stato legato al marchio Suzuki, e che ora ha voluto far parte del nostro team”.
Ripercorrendo la storia recente risulta anche abbastanza semplice capire il perché di tali risultati. Dal 2006 infatti, con l'arrivo di Everts, sono cambiate davvero tante cose in KTM, non solo dal punto di vista tecnico, ma in particolar modo in merito all'organizzazione del lavoro. Il reparto R&D infatti ha potuto avere ampio accesso a numerose e vitali informazioni derivanti dai piloti, per poterle così trasmettere efficacemente sui modelli di serie.
Da questa strategia deriva la richiesta strabiliante del mercato che ha portato la casa austriaca a correre per star dietro alla produzione, realizzando il numero impressionante di 56.000 moto da fuoristrada di cui 15.000 da cross, rispettivamente tre quarti a 4 tempi e il resto a 2 tempi.

Due tempi da cross: il 2012 è l’anno del link!

Immagine

Partiamo dalle 2 tempi: sono diverse le ragioni per cui KTM continua a proporle a listino e a rinnovarle costantemente, sono uno degli step essenziali del percorso di crescita di un pilota giovane. Sulle 125, 150 e 250 c'é un meticoloso sviluppo soprattutto perché offrono importanti vantaggi per il mercato attuale: basso costo, poca manutenzione, peso contenuto.
Tra gli elementi innovativi per il model year 2012 troviamo l'introduzione del link anche sui motori alimentati a miscela. Non era tecnicamente necessario in quanto ormai il PDS aveva raggiunto ottime prestazioni, facilmente paragonabili a quelle del link, ma per il mercato la distinzione tra i quattro tempi, tutti a leveraggi, e le due tempi ancora a PDS, faceva sembrare quest'ultime prodotti di serie B, specialmente per il mercato americano.
In effetti la differenza nella guida é percettibile solo per i più esperti (in trazione personalmente prediligo ancora il vecchio sistema!).
Ciò che cambia considerevolmente è il fatto che la sospensione a biellette si adatta con maggior facilità a differenti tipologie di terreni e asperità, mentre il sistema a spillo conico doveva necessariamente essere messo a punto meticolosamente per garantire le medesime prestazioni richieste.
Ma sentiamo cosa ci dice il capotecnico Bernhard Plazotta, Manager Offroad Department, in merito a questa novità: " I link é stato inserito per motivi di setting di base, di solito per il suprecross accorciamo il mono e con il Pds si andava molto al limite. Con i leveraggi c'é maggiore margine di lavoro. Diventa poi più facile trovare il setting giusto lavorando solo con i click e non con i settaggi valvole."
Varia di conseguenza il setting delle sospensioni anteriori, ora leggermente più sostenute per accoppiarsi meglio al link. Si conferma l'ormai collaudatissima WP da 48 mm con cartuccia sigillata, ma aumenta il sostegno a metà e fine corsa e viene svolto un grande lavoro sui parapolvere (SKF) per migliorarne la scorrevolezza e diminuire l'attrito lungo tutto l'arco di corsa della sospensione.
Dal punto di vista telaistico, come per le nuove enduro, cambia il triangolo anteriore e l'angolo dell'arco di piegatura in quanto il PDS spingeva più diretto in avanti, mentre ora, con la nuova geometria, la spinta del mono viene distribuita in maniera più uniforme su tutto il traliccio. Tutti i telai ora sono uguali tra loro, tranne che per piccoli dettagli, come per le piccole 125 e 150 che sono leggermente più corte e i tubolari della culla cambiano di diametro per i quattro tempi.
Unica vera differenza sono i nuovi attacchi per le teste dei cilindri al telaio, variati per migliorare la stabilità della moto e diminuirne le vibrazioni.
Tale variazione è stata introdotta da un'osservazione di Taddy Blazusiak che, nei vari test, ha apprezzato molto quanto la guida fosse maneggevole eliminando completamente gli attacchi, ma accusando di contro tante vibrazioni. Cambia anche il forcellone per accogliere il link, sempre in pezzo unico per garantire grande resistenza e elasticità ed, allo stesso tempo, l'adeguata elasticità.

Impianto frenante rivisto
Per ciò che concerne l'impianto frenante, cambia considerevolmente il freno dietro, in quanto viene rinnovato il sistema di pompaggio che elimina il problema dell'usura dei gommini che ora non passano più davanti all'immissione dell'olio evitandone così il consumo. La frenata rimane sempre molto pronta e aggressiva, come vuole la tradizione arancio, ma con questa implementazione viene garantita ancora di piú la durata delle prestazioni.
Quanto ai dettagli, spiccano alcune modifiche importanti: viene migliorata la capienza e tenuta della scatola del filtro che, specie sulle piccole 125 e 150, regala addiruttura mezzo cavallo in più; viene sostituito anche lo storico fornitore delle gomme, ora sono Pirelli, sponsor da tempo di tutta la squadra ufficiale. Troviamo anche una protezione Renthal sul manubrio, un nuovo pedale di avviamento, una nuova marmitta per la 125 e 150 e nuovo pacco lamellare per la 250.
Le sovrastrutture rimangono praticamente uguali, con l'aggiunta di nuove grafiche, ma ne viene maggiorata la resistenza, in particolare del parafango posteriore in prossimità delle tabelle laterali per sostenere meglio il fango appiccicoso. Il nuovo design, già introdotto la scorsa stagione, si conferma essere studiato davvero bene, sia esteticamente che ergonomicamente. La posizione in sella è ottimale e gli ingombri dei convogliatori, del serbatoi e dei fianchetti sono talmente rastremati che muoversi a bordo di queste K é più semplice che dirlo.

SX 125
In pista queste due tempi, ognuna per qualche differente motivo, sono in grado di regalare sensazioni davvero uniche. La piccola 125, ormai un must per qualsiasi pilota esordiente che vuole puntare in alto, si riconferma ancora una volta e, sempre più in maniera incontrastata, la moto di riferimento. L'unica oramai ad essere continuamente aggiornata ed evoluta, è arrivata a esprimere un potenziale quasi da quattro tempi, con un’erogazione talmente lineare e corposa che è difficile volere qualcosa di meglio. Leggera come una Bmx, questo gioiellino è manovrabile anche dai più piccoli teenager, tanto che basta il solo pensiero per girarla in un fazzoletto di terra. La nuova sospensione posteriore le dona maggiore stabilità nel veloce e più precisione nei rapidi cambi di direzione. Salendo di poco in cilindrata troviamo la 150, prodotto abbastanza di nicchia, ma non per questo poco considerata. Anzi, le già ottime doti della sorella minore, vengono esaltate e messe ancora più in luce da questa versione. La maneggevolezza estrema del venticinque si accoppia con un motore più generoso e dalla schiena più piena. Risultato é un ottimo compromesso, capace di incutere timore a più di qualche 250 preparato.

SX 250
Passando infine alla sorella maggiore, riscopriamo il piacere di guidare. Sebbene non sia più un'abitudine guidare un due tempi in un campo da cross, questa K ti fa divertire come un bambino. Leggera fin troppo rispetto alle compagne a benzina si muove agile e veloce nelle buche del tracciato. Perde sicuramente in trazione, specie sul duro della pista di Monaco di Baviera, ma buttarla giù in curva o di traverso nei salti é un gioco da ragazzi. Rispetto alla versione EXC, la SX risulta un po' più brusca e nervosa, non ottimale per il secco e duro, ma sicuramente con qualche aggiustamento può diventare efficace. Per i terreni morbidi invece, anche in configurazione standard, é lo strumento ideale. La potenza c'é, l'erogazione anche, pecca forse di allungo, ma per molte situazioni é più che sufficiente.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Upgrade di dettaglio per le cross a 4 tempi (250, 350 e 450)

Immagine

Passando ai prodotti a 4 tempi, KTM conferma i tre modelli 250, 350 e 450. Poche sono le modifiche in quanto la grande rivoluzione è già avvenuta lo scorso anno.

SX 250 F
Della piccola 250 ci parla Peter Gorbach, sviluppatore del motore: "Non posso che essere contento che il mio progetto 250 del 2006 sia ancora sul mercato e che ha vinto un sacco, essendo sempre il riferimento della categoria, come potenza e prestazione."
L'ultimo aggiornamento sostanziale di questa moto risale al 2011, anno in cui é stata adottata l'iniezione elettronica. Ci sono state tante critiche per questo fatto, in quanto si dice abbia perso la potenza agli altri regimi. In realtà posso confermare che è aumentato il tiro ai bassi e medi regimi restando costante anche la spinta massina. Per il 2012, viene, ad ogni modo, proposto un Performance Kit (170 €), con nuova mappatura, albero a camme aspirazione, guarnizione testa del cilindro, che, uniti a uno scarico Acrapovich, porta la moto a prestazioni degne della MX2. Viene inserito anche sulla piccola 250 quattro tempi l'avviamento elettrico in quanto porta benefici per tutti, ufficiali ed amatori, modificato all'uopo per rendere possibile la sua eliminazione togliendo il solo carter esterno. Rimuovendo anche la batteria infatti, per chi volesse, si ottiene un alleggerimento di 1,5 kg.
“Viene inserito anche sulla piccola 250 quattro tempi l'avviamento elettrico in quanto porta benefici per tutti, ufficiali ed amatori”

SX 350 F
Il 350 rimane un prodotto senza paragoni. La guidabilità in termini di leggerezza e reattività è molto simile alla sorella minore, con l'aggiunta di un motore più pronto e corposo su tutto l'arco di utilizzo. Non è in grado di offrire la medesima pastosità e progressione della 450, ma i vantaggi in materia di peso, gestione e semplicità di guida sono talmente superiori da dimenticare presto la nostalgia della cilindrata più grande. Per il nuovo anno viene aggiornata la centralina con il risultato di compensare con maggiore facilità le variazioni di potenza alle alte temperature. Questa moto si conferma la vera macchina da guerra, tanto efficace per il pilota professionista, quanto semplice e gestibile per l'amatore. Ciò che fa la differenza è proprio il dispendio di energia richiesto per la guida, che, con questa moto , diventa considerevolmente inferiore. In termini di affidabilità viene aggiunto un filtro della benzina di facile accesso per migliorare la manutanzione e viene adottata anche una nuova protezione in gomma per il TPS.

SX 450 F
Lanciata nel 2007 la quattroecinquanta rimane da sempre la più potente di categoria anche in confronto alle rivali. Ricordo lo shock che ho avuto nel guidare la moto di Nagl lo scorso anno. Sulla big bore arancione hanno dibattuto a lungo, decidendo in ultimo di rimanere, anche per il 2012, a carburatore, essendo ancora sufficientemente performante. Cambia la frizione che viene presa dalle versioni enduro, con campana in ferro ma con parastrappi interni e molla a diaframma spingidisco in sostituzione delle molle singole. Anche dal punto di vista della guida il carico da imprimere sulla leva della frizione diventa considerevolmente inferiore, in specie nell'ultimo tratto regala una gestione millimetrica. La nuova frizione, molto più leggera, affidabile (anche per il cambio che prende meno colpi) e sottile di 0,7 mm puó essere montata anche sui modelli passati.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Come sempre, dal catalogo Power Parts possiamo prendere ogni dettaglio e personalizzazione ulteriore, molti dei quali davvero utili, come il selettore delle mappature, che consente di scegliere tra tre differenti curve, 2 al manubrio e la terza sotto la sella.
KTM conferma i sei modelli cross come sempre con grande anticipo, pronta a consegnare i primi modelli tra luglio e settembre. Ancora una volta non smentisce le aspettative e si pone come punto di riferimento per il mercato off-road.

[b]Il prezzi della gamma SX 2012 KTM:]/b]
50 SX LC € 3.400
65 SX € 4.150
85 SX - 17/14 - 19/16 € 4.750
125 SX € 7.100
150 SX € 7.300
250 SX € 7.600
250 SX-F € 8.200
350 SX-F € 8.600
450 SX-F € 8.950


Pregi
Ergonomia ed estetica delle sovrastrutture | Potenza di tutti i motori
Difetti
Aggressività della frenata

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

fonte moto.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition


Torna a KTM SX

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: 8nuvola6, Bing [Bot], bruskio, carcagas, chimera, gas41, Gerko, Giansail, Giolli Joker, Google [Bot], jonny be good, Lordenzo1975, Majestic-12 [Bot], MOTARRO, MotoRambo, neeko72, roccolc4, stew, Tose, Yahoo [Bot]

SEO Search Tags

ktm 2012      125 2 tempi cross      KTM 250 due tempi      KTM Race Cross 2011 prezzo      Mini Moto cross 450 4tempi KTM      cross 125 2 tempi      cross 125 4 tempi      cross 250 due tempi      differenze forcella sxf 250 2011 2012      differenze telaio ktm 2011 2012      differenze tra ktm 250 2011-2012      forum ktm      immagini di ktm gamma motocross per bambini      ktm 125 per bambini      ktm 250 cross      ktm cross 85 con leveraggio usato      ktm steli rovesciati cross immagini      modifica per ktm sx 85       modifiche per ktm 350 cross      moto cros nuovi 4 tempi in vendita      moto cross 125 4 tempi prezzi      moto cross bambini usate ktm      moto cross ktm per bambini      moto cross per bambini di 9 anni      moto da cross 85 ktm da gara in vendita costo      moto ktm 125 per bambini foto      motocross 50 presa diretta in vendita ktm      motocross bambino competizione      motocross      pista motocross monaco dibaviera vecchio aeroporti      piste motocross vecchio aereoporto monaco du baviera      schema elettrico ktm sx 450 2011      ktm cross      ktm 450 4 tempi cairoli      mini moto cross ktm 4 tempi