KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

Prova Verità - KTM 690 Duke R

Prova Verità - KTM 690 Duke R

Messaggioda jenk » 04 mar 2010, 22:11

Immagine

Cattiva fino in fondo, mostruosamente divertente
La casa austriaca non smette mai di stupire,questa volta lo fa con la nuova Duke 690 R.


Motore più potente e affidabile, ciclistica rinnovata e cambio ancora più preciso. La linea aggressiva che stupisce sempre nel puro stile KTM. I nostri esperti l'hanno provata per voi in ogni situazione. Di seguito la prova completa di Motosprint con scheda tecnica e rielvamenti.

LA PROVA

L'anima del diavolo
Gli ingegneri della KTM hanno pensato di non aver stupito abbastanza con la nuova Duke 690, ed hanno ritenuto opportuno rincarare la dose presentando la vitaminizzata versione R portata alla cilindrata di 690 cm3; e siccome durante la Dakar 2010 KTM ha annunciato la possibilità che questo motore LC4 venga configurato con cilindrate di 710 e 730 cm3, le sorprese legate a questo monocilindrico trasformista potrebbero non essere finite. Ma il presente è questa favolosa fun bike, che come la sorella standard sembra bassa, a guardarla; però in sella chi non supera i 175 cm di statura tocca sicuramente a terra, ma in punta di piedi. La posizione di guida è rimasta invariata: manubrione da fuoristrada senza traversino posizionato vicino al conducente e pedane centrate sotto la seduta; quindi, busto diritto e sensazione di controllo totale del mezzo. L’avviamento a freddo è immediato anche con il termometro a -1°C, a patto di non armeggiare malamente con il comando del gas controllato elettronicamente dalla centralina. Il motore LC4 risulta però un po’ rumoroso meccanicamente e lo rimane anche una volta raggiunta la temperatura di esercizio. Il cambio è morbido, fluido e preciso, sembra migliorato rispetto alla precedente versione della Duke; innestata la prima, inizia un crescendo di emozioni che va di pari passo con lo snocciolare le marce e con il sorriso che si amplia, maligno, sotto il casco. Infatti, se la Duke standard ispira le classiche marachelle che emozionano i centauri, la versione R è una vera istigazione a... fare i cattivi. Appena si ruota la manetta schizza via come un proiettile; se lo si fa con poco garbo, nelle prime due marce è un attimo trovarsi appesi al manubrio con la ruota anteriore che stenta a rimanere attaccata a terra

Immagine

In questa versione R la maggior corposità del motore si sente soprattutto ai regimi intermedi. L’accelerazione è emozionante e quando la lancetta del contagiri scavalca la tacca dei 5.000 si gode di una spinta degna di un bicilindrico, anche perché l’LC4 non si “siede” di colpo appena varcati i 7.500 giri, regime di potenza massima, ma continua a spingere, seppur con meno vigore, fino in zona rossa, e “muore” solo con l’intervento del limitatore, a circa 8.500 giri. Le prestazioni sono da applausi per un monocilindrico stradale ed omologato euro 3. Inoltre, ai bassi regimi non è particolarmente ruvido; l’importante è non tentare di farlo lavorare sotto i 2.500 giri, perché strattona, ma basta tenerlo a cavallo dei 3.000 per godere di un’ottima fluidità e soprattutto di una straordinaria rapidità nel salire di giri. Per contro, quando si guida con ritmo blando e si percorrono lunghi tratti a gas chiuso, soprattutto in discesa, si sente il motore dare qualche colpo in rilascio, leggermente, come se venisse saltuariamente ed autonomamente arricchito dalla centralina elettronica. Un difettuccio che a lungo andare disturba, soprattutto quando si va a passeggio e nell’uso cittadino. Altra nota che poteva essere dolente per un monocilindrico, soprattutto con corsa incrementata come in questa versione R, sono le vibrazioni: si sentono, ma il lavoro del contralbero, le pedane con inserto in gomma morbida e il manubrio con silent block, fanno sì che non risultino fastidiose a nessun regime, se non quando ci si avvicina alla zona rossa del contagiri. A velocità di crociera autostradale (130 all’ora) e con il contagiri poco al di sopra della tacca dei 5.000 giri, si va lisci come l’olio.

Immagine

Rimanendo nell’ambito autostradale, ancora una volta lo studio di design di Gerald Kiska è riuscito a realizzare un cupolino spigoloso, minimalista e di gusto un po’ personale, capace però di spezzare il muro d’aria alle alte velocità. Sia chiaro, non si viaggia protetti, ma la testa non viene sballottata dai vortici, ed è un buon risultato se si considera il nulla che contorna il doppio fanale sovrapposto anteriore. La protezione dall’aria è inaspettatamente buona anche per le gambe, le ginocchia riescono ad annidarsi nelle “sfiancature” laterali del serbatoio che integra gli ampi convogliatori dell’aria. Per completare le protezioni aerodinamiche, non guasterebbero - anche alla linea - una coppia di paramani dal disegno dedicato. Ma la Duke R- come anche la standard - non è nata per il granturismo, ed imboccata la prima strada collinare ce ne si accorge piacevolmente. Confrontandola con la sorella a cilindrata ridotta (la Duke 690 “base” in realtà è di 654 cm3) appare evidente che la R è decisamente adatta a mani ancora più esperte; e sottolineiamo “ancora più esperte”, in quanto anche la “base” non è fatta per i novellini del manubrio. Quindi questa versione anabolizzata richiede esperienza se si vuole spingere forte tra curve e tornanti. Maneggevolezza, rapidità d’inserimento in curva e facilità nei cambi di direzione sono da riferimento; la stabilità nei tratti dove è possibile allungare è ottima anche quando le velocità vanno su parecchio. Ciò non toglie che la R si possa guidare comodamente in tutto relax, ma il meglio di sé lo dà quando la si spreme a fondo.

Immagine

I comandi al manubrio, frizione e freno, sono entrambi idraulici con pompa radiale. La prima ha un’ottima modulabilità, è comoda e richiede uno sforzo alla leva nella normalità. Per il freno, invece, la leva è lontana e la corsa di utilizzo piuttosto breve: è una configurazione più adatta ad un modello supersportivo, anche per la notevole potenza; la modulabiltà è ottima. Comunque, per la Duke R sarebbero ampiamente bastati una coppia di comandi idraulici tradizionali, avrebbero anche contribuito a contenere il prezzo della moto, che economica non è. Il freno posteriore è molto graduale e trasmette benissimo la misura dell’azione sul disco. Ciò permette di accordare perfettamente la frenata all’azione della frizione antisaltellamento, rendendo facile anche ai meno esperti della derapata effettuare divertenti traversi in staccata. Le sospensioni sono state indurite ma non mostrano una rigidità fastidiosa, anche perché, grazie alla molteplicità di regolazioni, è facile adattarle alle proprie esigenze. Per l’uso sportivo la taratura di serie è ottima, invece per l’uso frequente in città è meglio ammorbidire sia ammortizzatore che forcella, per evitare che le buche picchino su polsi e schiena. Negli spazi stretti e tra le colonne di auto in fila emerge una scarsa capacità di sterzata, che unita al largo manubrio limita le manovre col piede a terra; ma quando si tratta di zigzagare nel traffico cittadino si viene ripagati ampiamente di questo piccolo difettuccio, e anzi occorre una certa forza di volontà per non cedere alla tentazione di guidare come un vero delinquente…

IDENTIKIT

MOTORE
Monocilindrico verticale, 4 tempi, raffreddato a liquido. Cilindrata 690,5 cm3. Alesaggio e corsa 102 x 84,5 mm. Compressione 12,5:1. Distribuzione monoalbero a camme in testa, 4 valvole. Sistema di accensioneiniezione elettronica, corpo farfallato Keihin EFI a comando elettronico. Lubrificazione forzata a carter secco con due pompe. Avviamento elettrico

TRASMISSIONE
Primaria a ingranaggi, finale a catena. Frizione multidisco in bagno d’olio con anti saltellamento, comando idraulico. Cambio a sei marce.

CICLISTICA
Telaio a traliccio in tubi di acciaio, telaietto posteriore in alluminio. Sospensioni: anteriore forcella WP a steli rovesciati 48 mm Ø pluriregolabile, corsa 140 mm; posteriore forcellone a due bracci e singolo ammortizzatore pluri regolabile con leveraggi Pro- Lever, corsa ruota 140 mm. Freni: anteriore un disco 320 mm Ø, pinza a fissaggio radiale a quattro pistoncini; posteriore un disco 240 mm Ø, pinza a un pistoncino. Pneumatici: anteriore 120/70 R 17”; posteriore

DIMENSIONI
Interasse 1.472 mm, altezza sella 865 mm, luce a terra 155 mm. Cannotto 26,5-, avancorsa 115 mm. Serbatoio 13,5 litri.

Immagine
Immagine

Cavalli si meccanici no
La 690 R è sviluppata sulla base della Duke standard, e per questa nuova versione il monocilindrico KTM LC4 è stato maggiorato da 654 cm3 ai 690 cm3 “reclamati” dalla sigla del modello stesso. L’incremento è stato ottenuto mantenendo invariato l’alesaggio e intervenendo solo sulla corsa, più lunga di 4,5 mm, per arrivare a misure caratteristiche di 102 x 84,5 mm. Inoltre è salito anche il rapporto di compressione, passato da 11,8 a 12,5: 1. Aumentato pure il chilometraggio tra gli intervalli di manutenzione, con cambio olio (1,7 kg) e filtri (due), passato da 5.000 a 7.500 chilometri; un parametro che indica quanto a Mattighofen siano ora più tranquilli sull’affidabilità del loro monocilindrico.

Immagine

Questo monoalbero a quattro valvole raffreddato a liquido è dotato di parecchie soluzioni tecniche interessanti: corpo d’alimentazione Keihin EFI con EPT (electronic power throttle, una sorta di sistema ride- by- wire ribattezzato da KTM), coperchio valvole inclinato per facilitare gli interventi di manutenzione, contralbero e frizione antisaltellamento APTC, capace di ridurre lo sforzo alla leva di comando. Il tutto contenuto entro i 39 chilogrammi di peso totale. La centralina elettronica offre anche differenti mappature, selezionabili tramite un potenziometro posto sotto la sella. Tre le opzioni: Standard, Sport - per una maggior prontezza di risposta al comando del gas - e Soft - col taglio della potenza massima di un 30 % - mirata ai terreni viscidi.

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

Immagine

fonte motosprint.it
A dar risposte sono capaci tutti, ma a porre le vere domande ci vuole un genio..
by Oscar Wilde
KTM Race LC Carbon Limited Edition
jenk
Fondatore
 
Messaggi: 19222
Iscritto il: 21 gen 2009, 01:26
Località: Monza (MB)

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda karotènite » 05 mar 2010, 11:21

" A parte che è bellissima !

Ma sembra fatta proprio, per la ....Duni...... :mrgreen:
"Chi và piano, và sano e lontano!
KTM adv 990-09-arancio
Avatar utente
karotènite
 
Messaggi: 3853
Iscritto il: 15 mar 2009, 07:51
Località: (te)

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda Salzig » 05 mar 2010, 14:20

Immagine

Velocità massima 269.4 km/h? :shock: :shock: :shock:
D'accordo che l'LC4 è un gran motore, ma.... :lol: :lol: :lol:
Al mondo esistono 10 tipi di persone:
chi sa contare in base 2 e chi no.


Wave75: "molla i freni!"
Salzigii ii i: "NO!"
.
Avatar utente
Salzig
 
Messaggi: 7706
Iscritto il: 06 apr 2009, 20:00
Località: La città delle 3 T

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda Tenebra » 05 mar 2010, 14:30

karotènite ha scritto:" A parte che è bellissima !

Ma sembra fatta proprio, per la ....Duni...... :mrgreen:




Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi?Duni la vuoi? :oops: :oops: :oops: :oops: :oops:
!!! Never Give UP !!!
Avatar utente
Tenebra
 
Messaggi: 776
Iscritto il: 13 ago 2009, 10:08
Località: Lugano - Sfiissseraaa

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda lucagian » 05 mar 2010, 18:52

bellissima..... ma velocita' massima 269 km non ci credo nemmeno se lo vedo :shock: .ci deve essere un errore :D
Avatar utente
lucagian
 
Messaggi: 913
Iscritto il: 30 gen 2010, 08:00

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda lespaul » 15 mar 2010, 16:04

lucagian ha scritto:bellissima..... ma velocita' massima 269 km non ci credo nemmeno se lo vedo :shock: .ci deve essere un errore :D


In effetti...
---------------------------
lespaul
Avatar utente
lespaul
 
Messaggi: 6008
Iscritto il: 10 feb 2009, 12:00
Località: Cagliari

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda Slavo » 30 mar 2010, 13:51

Ma l'ammortizzatore di sterzo alla fine non ce l'ha?...avevano detto di si....secondo voi conviene mettercelo?tipo un WP 1508...
Slavo
 
Messaggi: 3
Iscritto il: 04 ott 2009, 21:44

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda il bandito » 02 apr 2010, 11:47

Slavo ha scritto:Ma l'ammortizzatore di sterzo alla fine non ce l'ha?...avevano detto di si....secondo voi conviene mettercelo?tipo un WP 1508...


Ciao, per me l'ammortizzatore di sterzo su una moto così sono soldi buttati.
Si può innervosire solo se in uscita di curva apri tutto stando attaccato al manubrio, basta alleggerire la presa delle mani, magari lavorando un pò più con gambe e adominali e non da più nessuna reazione sullo sterzo.
Avatar utente
il bandito
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 03 nov 2009, 16:35
Località: Cittadella, Veneto

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda il bandito » 02 apr 2010, 11:50

Cavolo ragazzi ma se io con la mia Duke non riesco a fare più di 2500 km. con un treno di gomme, su questa R sarà ancora peggio....
Avatar utente
il bandito
 
Messaggi: 46
Iscritto il: 03 nov 2009, 16:35
Località: Cittadella, Veneto

Re: Prova Verità - KTM 690 Duke

Messaggioda andrea » 02 apr 2010, 12:50

minkia che arma da passi di montagna! :seghe:
Andrea - Superduke-R Hypermollata - Ciao Mike...
Feroce Racing Team
Avatar utente
andrea
 
Messaggi: 4549
Iscritto il: 22 gen 2009, 14:07
Località: Monza e Brianza Feroce

Prossimo

Torna a KTM LC4 Duke

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti