KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

Queste mappe da dove iniziare

freddybike
 
Messaggi: 206
Iscritto il: 29 ago 2010, 17:17
Località: Lecco

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda freddybike » 21 nov 2018, 14:05

jordi ma quindi tu fai tutta la curva e tutta la piega con il gas chiuso per riaprirlo solo in uscita?

se io dopo aver fatto la frenata/staccata a gas chiuso non lo riapro mi ritrovo a metà curva che mi cade la moto per terra se sono su un tornante,oppure se più grande mi si ferma se non apro il gas....
non ho mai una fase dove la moto ha il gas chiuso, ma non dico questo perchè io sono super bravo, sono un biker medio, ma proprio perchè le fasi fisiche sono queste, non c isono occasioni che percorri la curva con gas chiuso per tanto tempo

ilbrazzo
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 5 gen 2017, 23:54
Località: Busto Arsizio

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda ilbrazzo » 21 nov 2018, 16:51

freddybike ha scritto:jordi ma quindi tu fai tutta la curva e tutta la piega con il gas chiuso per riaprirlo solo in uscita?

se io dopo aver fatto la frenata/staccata a gas chiuso non lo riapro mi ritrovo a metà curva che mi cade la moto per terra se sono su un tornante,oppure se più grande mi si ferma se non apro il gas....
non ho mai una fase dove la moto ha il gas chiuso, ma non dico questo perchè io sono super bravo, sono un biker medio, ma proprio perchè le fasi fisiche sono queste, non c isono occasioni che percorri la curva con gas chiuso per tanto tempo

Scusate OT

Eh, Freddy, però c'è da dire che ci sono due scuole di pensiero (che, secondo me, sono adottate in funzione del motore che hai):
1) gas in mano appena molli il freno, non dico spalancato ma sempre puntato per poi aprirlo progressivamente con la fine della curva. Io preferisco così, la moto mi dà la sensazione di essere "in tiro", seguire meglio la corda ed avere più grip.
Secondo me è più usato con motori mono- e bi-cilindrici (che casualmente sono quelli che ho io).

2) curva in percorrenza con motore in rilascio e gas chiuso, poi gas in mano dopo aver preso la corda. Ma secondo me è molto redditizio solo se hai una guida che "spigola" molto le curve invece di assecondarle; mi dà l'idea che si adatta bene ai quattro cilindri.

Fine OT
L'ottimista dice: "Il bicchiere è mezzo pieno".
Il pessimista dice: "Il bicchiere è mezzo vuoto".
L'ingegnere dice: "Il bicchiere è progettato male perchè ha capacità doppia rispetto a quella necessaria!!!".

Federico

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 21 nov 2018, 21:08

freddybike ha scritto:jordi ma quindi tu fai tutta la curva e tutta la piega con il gas chiuso per riaprirlo solo in uscita?

se io dopo aver fatto la frenata/staccata a gas chiuso non lo riapro mi ritrovo a metà curva che mi cade la moto per terra se sono su un tornante,oppure se più grande mi si ferma se non apro il gas....
non ho mai una fase dove la moto ha il gas chiuso, ma non dico questo perchè io sono super bravo, sono un biker medio, ma proprio perchè le fasi fisiche sono queste, non c isono occasioni che percorri la curva con gas chiuso per tanto tempo


Fare una curva col gas chiuso no detta così effettivamente dopo cadi il mio stile è più simile a quello di ilbrazzo. Dipende dalla velocità in cui arrivi e imposti la curva, Nelle classiche rotonde o tornanti in montagna arrivo a gas chiudo la faccio scorrere fino alla corda poi quando apro il gas DEVO leggermente tirare la flizione per rengerla più dolce in uscita poi spalanco.
Se non dovessi fare così essendo ancora in piega quando apro il colpo è forte e il posteriore mi dice ciao ciao, specifico solo in questi casi mentre quelle più ampie dove non chiudi mai ma parzializzi x mantenere non succede nulla e apri adagio ancora in piega

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 21 nov 2018, 21:09

ilbrazzo ha scritto:
freddybike ha scritto:jordi ma quindi tu fai tutta la curva e tutta la piega con il gas chiuso per riaprirlo solo in uscita?

se io dopo aver fatto la frenata/staccata a gas chiuso non lo riapro mi ritrovo a metà curva che mi cade la moto per terra se sono su un tornante,oppure se più grande mi si ferma se non apro il gas....
non ho mai una fase dove la moto ha il gas chiuso, ma non dico questo perchè io sono super bravo, sono un biker medio, ma proprio perchè le fasi fisiche sono queste, non c isono occasioni che percorri la curva con gas chiuso per tanto tempo

Scusate OT

Eh, Freddy, però c'è da dire che ci sono due scuole di pensiero (che, secondo me, sono adottate in funzione del motore che hai):
1) gas in mano appena molli il freno, non dico spalancato ma sempre puntato per poi aprirlo progressivamente con la fine della curva. Io preferisco così, la moto mi dà la sensazione di essere "in tiro", seguire meglio la corda ed avere più grip.
Secondo me è più usato con motori mono- e bi-cilindrici (che casualmente sono quelli che ho io).

2) curva in percorrenza con motore in rilascio e gas chiuso, poi gas in mano dopo aver preso la corda. Ma secondo me è molto redditizio solo se hai una guida che "spigola" molto le curve invece di assecondarle; mi dà l'idea che si adatta bene ai quattro cilindri.

Fine OT


Concordo....

jordi91
 
Messaggi: 657
Iscritto il: 2 set 2014, 21:14

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda jordi91 » 21 nov 2018, 22:43

Io non chiudo quasi mai il gas.. se lo chiudo è perché devo cercare di dare maggior percorrenza usando poco il freno (quando non devo staccare), ma il freno motore..
Comunque quando sono alla corda ho sempre gia il gas aperto..
Il problema si ha quando ci si addormenta per quel mezzo secondo da prendere mezzo secondo dopo il gas in mano e perdere parecchia velocità rispetto ad un pluri..
Ogni moto si usa a suo modo, i mono chiudendo poco il gas.. ma se si riesce a ridurre il freno motore si é comunque leggermente agevolati..
Siamo in OT

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 11 gen 2019, 21:48

Cavetto di collegamento consegnato oggi, domani se il tempo lo permette mi collego e scarico la mappa. Vediamo di capirci qualcosa tra quadratini rossi blu e verdi :lol: :shock: :rotlf:
L' mportante è non fare danni :crycry: :mrgreen:

ilbrazzo
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 5 gen 2017, 23:54
Località: Busto Arsizio

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda ilbrazzo » 12 gen 2019, 11:22

mauro66 ha scritto:Cavetto di collegamento consegnato oggi, domani se il tempo lo permette mi collego e scarico la mappa.

Lo scaricamento da ECU a PC è molto lento (almeno su SMC è così), quindi conviene collegare la moto ad un manutentore di carica oppure spegnere tutte le luci che puoi spegnere (e se non puoi, stacca il fusibile delle luci...).


mauro66 ha scritto:Vediamo di capirci qualcosa tra quadratini rossi blu e verdi :lol: :shock: :rotlf:

E' molto più facile a farsi che a dirsi.
Il mio consiglio per fare pratica è scaricare dal sito più di una mappa per il tuo modello, lavorare offline con il SW ed usare l'utilissima funzione "confronta file", oltre ai tasti F4, F5 ed F6 e tasto destro del mouse.


mauro66 ha scritto:L'importante è non fare danni :crycry: :mrgreen:

Modifiche "real-time" alle mappe caricate nella ECU non si possono fare, al massimo vedi la diagnostica a motore acceso ma nulla più.
L'ottimista dice: "Il bicchiere è mezzo pieno".
Il pessimista dice: "Il bicchiere è mezzo vuoto".
L'ingegnere dice: "Il bicchiere è progettato male perchè ha capacità doppia rispetto a quella necessaria!!!".

Federico

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 13 gen 2019, 16:08

Mantenitore attaccato mappe scaricate e batteria quasi scarica ma questo è il meno, nessun codice di errore e ora cerchiamo di capire come leggerle.
Premetto la tabella degli anticipi non si tocca....

Ho scoperto che sul sito TUNECU riportano due tipi di mappe x scarichi standard

KM750EU0800201EPMap e la KM750EU0804001EPMap che differenza c'è ? essendo il solito modello penso che siano solo aggiornamenti facendo il confronto sono perfettamente uguali inoltre per ora non considero le FI

ilbrazzo
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 5 gen 2017, 23:54
Località: Busto Arsizio

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda ilbrazzo » 13 gen 2019, 17:06

mauro66 ha scritto:Ora cerchiamo di capire come leggerle.

Vedrai che è più facile di quanto si possa immaginare...


mauro66 ha scritto:Premetto la tabella degli anticipi non si tocca....

Bravo! Idea molto saggia.


mauro66 ha scritto:Ho scoperto che sul sito TUNECU riportano due tipi di mappe x scarichi standard
KM750EU0800201EPMap e la KM750EU0804001EPMap che differenza c'è ?

C'è chi dice che sono solo "release" di anni differenti della stessa mappa, c'è chi dice che cambiano alcuni parametri che il software non riesce a leggere e visualizzare.
Chi ha ragione? Non si è mai capito...


mauro66 ha scritto:inoltre per ora non considero le FI

Vuoi prima ottimizzare il comportamento dell'acceleratore?
L'ottimista dice: "Il bicchiere è mezzo pieno".
Il pessimista dice: "Il bicchiere è mezzo vuoto".
L'ingegnere dice: "Il bicchiere è progettato male perchè ha capacità doppia rispetto a quella necessaria!!!".

Federico

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 13 gen 2019, 17:57

Perché no ? Tanto quelle lette sono salvate in doppia copia
Provare sul pc non costa nulla poi scaricarle penso fine settimana

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 15 gen 2019, 21:09

In questi giorni mi sto informando di questo mondo parallelo delle centraline, ho caricato la mia e poi ho eseguito il confronto con l' originale scaricata e non trovo nessuna differenza. Mentre se la confronto con quella Akro non trovo " apparentemente " delle grosse differenze anzi vedo che molti valori sono minori rispetto alla mia, mi aspettavo cambiamenti molto più elevati

ilbrazzo
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 5 gen 2017, 23:54
Località: Busto Arsizio

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda ilbrazzo » 16 gen 2019, 9:19

mauro66 ha scritto:In questi giorni mi sto informando di questo mondo parallelo delle centraline, ho caricato la mia e poi ho eseguito il confronto con l' originale scaricata e non trovo nessuna differenza.

Vuol dire che la tua centralina ha "in pancia" la mappa standard.


mauro66 ha scritto:Mentre se la confronto con quella Akra non trovo " apparentemente " delle grosse differenze anzi vedo che molti valori sono minori rispetto alla mia, mi aspettavo cambiamenti molto più elevati

Addirittura?
L'ottimista dice: "Il bicchiere è mezzo pieno".
Il pessimista dice: "Il bicchiere è mezzo vuoto".
L'ingegnere dice: "Il bicchiere è progettato male perchè ha capacità doppia rispetto a quella necessaria!!!".

Federico

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 16 gen 2019, 23:14

SE carico una Akra cosa succede ? ho esportato le tabelle x confrontare la differenza dei valori con Excel

Volendo inizierei con le domande, esiste un vero manuale di questo sw ?

Ormai è una sfida tra me e loro :mrgreen: :mrgreen:

ilbrazzo
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 5 gen 2017, 23:54
Località: Busto Arsizio

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda ilbrazzo » 16 gen 2019, 23:50

mauro66 ha scritto:SE carico una Akra cosa succede?

Dipende dalla configurazione della tua moto.


mauro66 ha scritto:ho esportato le tabelle x confrontare la differenza dei valori con Excel

Perchè esportare? I confronti si possono fare direttamente con il SW.


mauro66 ha scritto:Volendo inizierei con le domande, esiste un vero manuale di questo sw ?

Si, anche se è un po' datato
Si scarica dal sito del SW stesso.
L'ottimista dice: "Il bicchiere è mezzo pieno".
Il pessimista dice: "Il bicchiere è mezzo vuoto".
L'ingegnere dice: "Il bicchiere è progettato male perchè ha capacità doppia rispetto a quella necessaria!!!".

Federico

Avatar utente
bubbasqueeze
Moderatore
 
Messaggi: 1016
Iscritto il: 19 ago 2013, 16:10
Località: Termoli (CB)

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda bubbasqueeze » 17 gen 2019, 5:46

mauro66 ha scritto:SE carico una Akra cosa succede ? ho esportato le tabelle x confrontare la differenza dei valori con Excel

Volendo inizierei con le domande, esiste un vero manuale di questo sw ?

Ormai è una sfida tra me e loro :mrgreen: :mrgreen:


eccolo caro, buona lettura
https://drive.google.com/open?id=0B8oO2RQMakZXVE13LXQyTmFSUGs

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 18 gen 2019, 18:47

bubbasqueeze ha scritto:
mauro66 ha scritto:SE carico una Akra cosa succede ? ho esportato le tabelle x confrontare la differenza dei valori con Excel

Volendo inizierei con le domande, esiste un vero manuale di questo sw ?

Ormai è una sfida tra me e loro :mrgreen: :mrgreen:


eccolo caro, buona lettura
https://drive.google.com/open?id=0B8oO2RQMakZXVE13LXQyTmFSUGs


Lo considero come antipasto

Ciao grazie

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 18 gen 2019, 22:44

Iniziamo col grafico EP quello che vedete è il mio modificato, ho cercato di creare una curva omogenea rispetto alla originale scaricata dove la prima parte aveva dei picchi strani poi dal 50% a 80 una diagonale omogenea e dal 80 al 100 quasi in verticale
Essendo la EP quella più facila e la più modificata ho voluto provare magari ho sbagliato ditemelo voi


EP.png


Ciao

ilbrazzo
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 5 gen 2017, 23:54
Località: Busto Arsizio

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda ilbrazzo » 18 gen 2019, 23:45

Curiosità / consiglio:
sulla tua moto hai il selettore mappe sottosella?
Se si, il mio consiglio è di creare tre profili EPT differenti associati alle tre mappe, tenendo ovviamente la EFI sempre uguale.
In questo modo, semplicemente cambiando posizione del selettore, potrai testare tre profili gas diversi e capire quello che più si addice alla tua guida.
Magari facendo la stessa strada che conosci e che potresti utilizzare come "strada test", percorrendola ad andature simili selezionando i vari profili in rapida successione.
L'ottimista dice: "Il bicchiere è mezzo pieno".
Il pessimista dice: "Il bicchiere è mezzo vuoto".
L'ingegnere dice: "Il bicchiere è progettato male perchè ha capacità doppia rispetto a quella necessaria!!!".

Federico

mauro66
 
Messaggi: 83
Iscritto il: 24 ago 2017, 17:20

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda mauro66 » 19 gen 2019, 17:15

Si il selettore è sotto la sella ma non lo mai usato avendo tutte le mappe uguali, domani provo a caricarne due diverse. Ho notato una seconda cosa molte EP non appaiono le righe orizzontali ( come potete vedere sopra ) penso che sia dato dal tipo di configurazione della tabella, in effetti in molte le colonne in verticali ( ordinate ) i valori sono uguali invece la mia variano a seconda di non so cosa perchè ?

ilbrazzo
 
Messaggi: 798
Iscritto il: 5 gen 2017, 23:54
Località: Busto Arsizio

Re: Queste mappe da dove iniziare

Messaggioda ilbrazzo » 20 gen 2019, 10:10

mauro66 ha scritto:Si il selettore è sotto la sella ma non lo mai usato avendo tutte le mappe uguali

Ottimo!
Vedrai che il selettore e la possibilità di poter caricare/usare più mappe ti tornerà molto utile nelle prossime "evoluzioni" delle mappe sia EPT che EFI.


mauro66 ha scritto:Ho notato una seconda cosa molte EP non appaiono le righe orizzontali ( come potete vedere sopra ) penso che sia dato dal tipo di configurazione della tabella, in effetti in molte le colonne in verticali ( ordinate ) i valori sono uguali invece la mia variano a seconda di non so cosa perchè ?

Se vai in modalità "tabella" (F5, permette di passare da modaltà grafica a modalità tabella) vedrai come sono fatte le mappe e capirai perchè in alcuni casi ci sono quelle righe ed in altri no.
Questa mappa EPT sembra più sofisticata rispetto a quella dell'SMC (dove c'è un valore per colonna e il grafico è una sola bellissima riga) e mi ha dato qualche idea per testare qualche modifica sulla mia.
L'ottimista dice: "Il bicchiere è mezzo pieno".
Il pessimista dice: "Il bicchiere è mezzo vuoto".
L'ingegnere dice: "Il bicchiere è progettato male perchè ha capacità doppia rispetto a quella necessaria!!!".

Federico

PrecedenteProssimo

Torna a KTM LC4 Supermoto

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite