KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

 

moto marco bacci (ex alte schule by giant squid)

marco bacci
Avatar utente
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 21/04/2009, 19:49
Località: Arma di Taggia (IM)

moto marco bacci (ex alte schule by giant squid)

Messaggio » 15/10/2011, 8:00

Immagine
Finalmente pronta, dopo un anno di ferma, ecco a voi la ex alte schule in una nuova versione, purtroppo non più originale come quella che fu, ma che a me piace parecchio...
Il motivo di questa livrea cmq classica è strettamente personale e affetivo per una persona che non c'è più e che mi aveva aiutato moltissimo nella realizzazione del mio lc4 che avevo nel 2006... questa moto è in pratica la continuazione di quella di allora, come sarebbe dovuta diventare se la avessi tenuta, e se la persona in questione ci fosse ancora, ma adesso sono riuscito a completare finalmente il lavoro iniziato ormai 5 anni fa...
L'acquisto nel 2010 della alte schule è stato ben ponderato, valutato attentamente con Mauro, e infine concluso...
ho dato dentro la krieg2, forse la moto migliore che io abbia mai avuto per questo mezzo ignorante, prepotente, ma soprattutto completamente e ottimamente preparato per l'uso venatorio, senza scendere nei compromessi dei frullini 450, volevo la mia ex moto, un mezzo maschio, da guidare, che mi trasmettesse emozioni.
la scelta ai tempi verteva tra la alte schule ottimamente preparata, ma con una veste estetica e grafica che a me non conviceva, e il 660 di Lu, un'ottimo mezzo, ma quasi completamente stock.
la scelta è ricaduta sulla alte schule per ovvii motivi di economia, ho comprato direttamente una special, ma con ben in mente gli interventi da fare x cambiare la linea estetica...
la messa a punto si è svolta in 3 step:

qui al ritiro, come tutti ben la conoscevate
Immagine
la prima fase dei lavori è stata fatta nella mia mini officina privata, ma la mia scarsa manualità, la fretta di volerla usare, mi hanno portato ad un lavoro che rispecchiava si la mia idea di massima, ma realizzato in maniera un po' posticcia, tanto da farmi anche subire un inficio di tipo tecnico che ha reso necessario il totale rifacimento dell'impianto elettrico.
la livrea è rimasta quella voluta da mauro bianca e blu, che a me non ha mai convinto ...

così ha inizio lo step 2 della realizzazione:
visti i precedenti risultati, mi rivolgo ad un'amico ex addetto di settore che con calma inizia a valutare i danni e si inizia l'intervento...
si smonta buona parte della moto, si rifà totalmente l'impianto elettrico dividendolo in 2, linea motore da una parte, linea luci e accessori dall'altra...
nel frattempo si cerca di realizzare un miglior sottocodone, munito di portaoggetti per mettere i documenti, si inizia a lavorare più di fino, ma visto la momentanea situazione in famiglia poco felice, più l'officina ancora in via di definizione del mio collega e il totale riciclo dei componenti da me già utilizzati e cannibalizzati porta a un risultato si di buon livello, ma con alcune cadute di stile non trascurabili, come da voi espresso in svariati post all'interno del forum stesso...
anche qui la livrea rimane sempre bianca e blu... e anche se il bianco inizia a essere di moda sui mezzi, a me crea sempre problemi di assimilazione, non diventa mio, la moto rimane quella di qualcun'altro, proprio nn ci siamo... mi inizia a balenare in testa di cambiarle colore, di rifare qualcosa qua e la..
Immagine
Agosto 2010, in un turno in pista in quel di busca con federandom, rincorrendo un efebico honda 450 vengo disarcionato dalla moto con un coreografico high side... infici sia a me che alla alte schule...
io me la cavo con contusioni un po' dappertutto, una tac, il casco rotto e abrasioni sia alla mia persona che alla tuta... la mia cavalcatura invece se la passa peggio...
avantreno semi distrutto... piedini forcella crepati, cerchio storto, manubrio storto, paramano dx, e pompa freno distrutti...
si rientra nei miei locali e si mette via la moto in attesa di tempi migliori... e cmq rimanevo petroliera munito, quindi a piedi non ero.
mi ero appena separato e le spese erano parecchie... ma con la ferma intenzione di rimettere la moto in sesto...
ci è voluto un anno, pensando bene come intervenire... e già che c'ero volevo finalmente cambiarle livrea visto l'esasperato rifiuto di questo mezzo bianco e blu corriera...

il dubbio che mi attanaglia di più è il tipo di impianto frenante da mettere, ero molto tentato, e lo sono ancor ora della soluzione a doppio disco, in commercio si trovano 3 kit, tutti di ottima fattura, ognuno con i propri pro e contro, ma con una cosa in comune, il prezzo elevato a cui bisogna sommare anche l'acquisto di una nuova ruota anteriore specifica. alla fine desisto e inizio a interessarmi a soluzioni monodisco.
brembo o beringer? alla fine opto per un ibrido... pompa beringer da 14 se non erro e pinza brembo monoblocco m4 interasse 100
la pinza purtroppo è di tipo destro, quindi funziona bene lo stesso, ma rende più difficoltosa l'operazione di spurgo, ma il notevole risparmio economico mi fa cmq scegliere questo compromesso.
Immagine
Immagine
si procede anche all'acquisto di tutte le sovrastrutture nere ad eccezione del parafango anteriore arancio richiamo ai bombardoni degli anni 2000.
la scelta ricade su una semplice accoppiata con parafango anteriore racetech motard, coda posteriore dei modelli exc 07, convogliatori laterali cemoto in carbon look
insieme decido per l'acquisto di un forcellone std di un lc4 my03 e successivi e per il telaietto posteriore e sella di un 660 my05, con il telaietto posteriore più alto, già munito di attacchi per il doppio scarico e con la sella agganciata tramite una pratica serratura facendo battuta sul telaio stesso e non sulla plastica della coda come nei modelli precedenti.
il forcellone viene opportunamente verniciato in nero lucido lasciando alcune parti in alluminio liscio
Immagine
inizia lo step 3, mi occupo personalmente del completo smontaggio della moto nei miei locali
Immagine
nel frattempo il mio amico di prima si dota di un officina amatoriale, ma di ottimo livello, con molte attrezzature come tornio, trapani a colonna, e soprattutto una buona conoscenza nell'utilizzo di fibre di vetro e carbonio in accoppiata con resine di vario tipo e di una buona manualità nel reparto verniciatura.
si decide per riverniciare il telaio arancio RAL 4000, il colore degli ultimi telai KTM ufficiali e dei modelli R stradali.
Il lavoro cmq viene effettuato in una carrozzeria vera, con un ottimo risultato finale, anche se sempre con vernice di tipo a spruzzo (purtroppo nella mia zona non esiste nessuno che vernici a polvere!!!)
Immagine
inizia la fase di rimontaggio
Immagine
Immagine
e iniziano anche i problemi...
il piedino ad attacco radiale della forcella deriva da una ktm smr, e quindi con interasse piastre da 190 invece dei miei 200 e quindi il bisogna realizzare una boccola in nylon per recuperare il centraggio della ruota
Immagine
prove empiriche di valutazione interasse!!! :)
Immagine
superiormente invece il faro EXC e la tabella del cross non hanno nessun punto di contatto comune con il parafango racetech così si decide per la realizzazione dei due soliti piolini di aggancio, ma anche alla realizzazione di una struttura piena in materiale leggero e resistente, rivestito di resina epossidica per renderlo rigido e poi verniciato in nero e rivestito di pellicola carbon look, il tutto opportunamente sagomato
Immagine
posteriormente invece il lavoro è ancora più complesso, il telaietto my05 è ben più alto del my03 e rende necessario la realizzazione di due piccole staffette per attacare gli scarichi, leggermente staccati dalla coda, ma di meglio non era possibile fare...
contestualmente si decide di tagliare una parte di telaietto in senso longitudinale, ma senza volerlo stringere trasversalmente, e cercando di rendere il tutto il più rigido possibile sfruttando gli attacchi al telaietto di serie della coda
insieme per esigenze estetiche si deve cercare di rimboccare il più possibile la coda exc molto più lunga di quella originale, in modo da avere la coda che finisce sulla perpendicolare della ruota
Immagine
portatarga racetech con luce rossa piegato per recuperare un'inclinazione targa abbastanza consona all'utilizzo stradale.
Successivamente si passa alla realizzazione del sottocodone optando invece che per il solito alluminio, per un'anima di laminato di legno opportunamente sagomato, armato con stoffa di fibra di vetro e resina epossidica bicomponente, e successivamente verniciato in nero lucido come il telaietto.
Immagine
Vengono saldate sul telaietto quattro piccole staffette necessarie per avvitare le due parti insieme in luogo dei rivetti o delle fascette.
L'interno della coda viene rivestito in progrip nautico, materiale impermeabile e lievemente fonoassorbente.
Immagine
Immagine
realizzata paratia inferiore in materiale gommoso impermeabile per limitare lo sporco che va a finire sul filtro aria
Immagine
in un negozio di briclage ho trovato la vernice al piombo che solitamente si utilizza per realizzare vetrate colorate; ma usata invece su materiali metallici come alluminio e acciaio opportunamente sgrassati e puliti da un effetto simil anodizzazione
ecco qui le biellette della sospensione e il passacatena posteriore
Immagine
Infine accessori utili e necessari in pista come:
slider sottopedane
gancio per partenze ( non sono molto pratico, accetto consigli sul metodo di aggancio o tra poco il mio ginocchio salterà per aria a forza di schiacciare il pulsante!!!)
Immagine
tabella portanumeri anteriore
serbatoio recupero liquidi; qui piccola chicca, ho comprato quello realizzato appositamente della ufo plast, ma purtroppo troppo largo per entrare nella culla del telaio nello spazio lasciato libero dall'assenza del filtro olio, così si è deciso di tagliarlo e stringerlo; al suo interno sono stati convogliati i 5 tubi di sfiato del carburatore keihin e lo sfiato del radiatore
Immagine
tamponi ruote KTM PP
strumentazione EXC
paramani acerbis rally pro un po sbattuti, ma restaurati

inconvenienti riscontrati:
il mono posteriore da mandare a far fare! appena poggiata la moto con le ruote a terra si denota un trafilamento dallo stelo e dal registro del ritorno
i parasteli chiusi della versione enduro sono troppo grossi e non lasciano spazio alla ruota, e toccano anche nel disco da 320, si è dovuto provvedere alla fresatura sui lati interni




nei prossimi giorni:
grafiche redbull artigianali
scalino sella

operazioni successive:
bulloneria mista inox ergal
gomme
eventualmente ruote complete
carbonio vero qua e la
copertura sella e riprofilatura
disco freno anteriore
batteria al litio
La potenza è nulla senza controllo, ma se c'è è meglio

Pennywise
Avatar utente
 
Messaggi: 783
Iscritto il: 26/10/2009, 9:34
Località: Levante Ligure

Re: moto marco bacci (ex alte schule by giant squid)

Messaggio » 29/12/2011, 18:33

Azz che lavorone ..... !!!! :up: :up: Complimenti !!!! :up: :up: facci vedere la versione definitiva !!!

zago
 
Messaggi: 21
Iscritto il: 20/04/2010, 13:47

Re: moto marco bacci (ex alte schule by giant squid)

Messaggio » 02/01/2012, 12:08

Ottima realizzazione...adesso andrebbe rullata al banco ma soprattutto pesata. :twisted:

Bat21
Moderatore
Avatar utente
 
Messaggi: 7452
Iscritto il: 27/07/2011, 20:17
Località: Sanremo (IM)

Re: moto marco bacci (ex alte schule by giant squid)

Messaggio » 02/01/2012, 16:32

CONGRATULATIONS ...ma ...Mauro l'ha già vista così? :roll:
My orange bull is fantastic!!

Barcollo ma non mollo ...spero(!)

marco bacci
Avatar utente
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 21/04/2009, 19:49
Località: Arma di Taggia (IM)

Re: moto marco bacci (ex alte schule by giant squid)

Messaggio » 08/01/2012, 6:23

no, mauro non la ha ancora vista dal vero... pesata dovrebbe essere sui 120kg circa, ma dovrei verificare... al banco, ce la porterò magari più avanti dopo un po di tuning anche al motore, è ancora abb stock... a parte alcuni dettagli interni...
La potenza è nulla senza controllo, ma se c'è è meglio

Pennywise
Avatar utente
 
Messaggi: 783
Iscritto il: 26/10/2009, 9:34
Località: Levante Ligure

Re: moto marco bacci (ex alte schule by giant squid)

Messaggio » 11/01/2012, 17:39

marco bacci ha scritto:no, mauro non la ha ancora vista dal vero... pesata dovrebbe essere sui 120kg circa, ma dovrei verificare... al banco, ce la porterò magari più avanti dopo un po di tuning anche al motore, è ancora abb stock... a parte alcuni dettagli interni...


tipo ? :mrgreen:

marco bacci
Avatar utente
 
Messaggi: 129
Iscritto il: 21/04/2009, 19:49
Località: Arma di Taggia (IM)

Re: moto marco bacci (ex alte schule by giant squid)

Messaggio » 12/01/2012, 5:53

tipo qualcosina nel motore, ma li ci vado piano che costa tutto un botto... cmq in primis le cammes...
La potenza è nulla senza controllo, ma se c'è è meglio


Torna a KTM LC4 Supermoto

Chi c’è in linea

Iscritti connessi: andrea110574, Bat21, Bing [Bot], Davidktm, Dende, Google [Bot], Lordenzo1975, Matteo_Harlock, niklungo, orsorosso, RAVLER, Tokkotai

SEO Search Tags

COLORE ORIGINALE BLU KTM RAL      codice ral arancione ktm      forum ktm      giant squid motard      ktm exc livrea bianca      ktm 660 smc tuning      ktm livrea 2000      serbatoio alluminio lc4      faro exc      ktm 660 tuning