KTM Forum Italia - Unofficial Italian Community

Un pò di chiarezza ...

Un pò di chiarezza ...

Messaggioda Triade » 2 set 2015, 22:23

Salve a tutti e grazie per il bentornato....
Ho pensato di offrire un contributo chiarificatore all annoso problema dei vizi e/o difetti ...

Allora, negli ultimi tempi molti amici del forum si sono lamentati dei problemi più o meno gravi, temporanei o persistenti presenti sulle proprie ADV.
Molti si sono rivolti al conce , altri coinvolgendo la KTM , altri ancora hanno risolto con un empirico "fai da te" ...
Alcuni hanno risolto altri no...
Ma in tutte queste dinamiche , cosa , come e chi tutela l acquirente?
Come ci si deve comportare? Come far valere i propri diritti ?
PREMESSO
che quanto riportato in questo post NON sostituisce la consultazione e l intervento di un proprio legale di fiducia iscritto al foro di competenza ( residenza dell acquirente ) o un consulto con un associazione dei consumatori ma vuole solamente essere un esempio esemplificativo e non esaustivo di ciò che la legge prevede e può risolvere.
Quindi è da considerarsi un post indicativo senza qualsivoglia valore professionale ma solo amatoriale generico , in quanto ogni situazione è da valutarsi singolarmente , separatamente e appartenente ad una casistica diversa sia nel merito che di specie.
Ciò premesso :
Innanzitutto partiamo dalle Parti : acquirente del prodotto ( cliente/moto ) e venditore ( controparte cioè concessionaria) , nei casi più gravi vi è poi il "terzo " chiamato in causa ( esempio casa costruttrice o produttore).
In Italia tra i vari codici ne esiste uno specifico : Codice del Consumo , che regola le normativa sull acquisto di un prodotto nuovo o usato.
Vi sono riportati tra i vari articoli , alcuni che sottolineano molto bene i diritti e doveri delle Parti.

Essi sono gli art. 130 e 132 che per semplicità espositiva riporto :

L' art. 130 Codice del Consumo (DLgs 206/2005) :
1. Il venditore e' responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene.
2. In caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione, a norma dei commi 3, 4, 5 e 6, ovvero ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto, conformemente ai commi 7, 8 e 9.
3. Il consumatore può chiedere, a sua scelta, al venditore di riparare il bene o di sostituirlo, senza spese in entrambi i casi, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all'altro.

La responsabilità del venditore permane per due anni.
Art. 132 Codice del Consumo: 1. Il venditore e' responsabile, a norma dell'articolo 130, quando il difetto di conformità si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene.

Significa che la legge consente al consumatore che abbia acquistato un prodotto difettoso di chiedere, a sua insindacabile scelta, al venditore di ripararlo o sostituirlo.

(Ricordate che esiste un limite temporale all'esercizio del diritto per richiedere la sostituzione del prodotto guasto che è di 60 gg dalla scoperta del vizio, come viene riportato nell art 132 comma 2 che segue...)


L'art. 132 (co. 2) afferma: Il consumatore decade dai diritti previsti dall'articolo 130, comma 2, se non denuncia al venditore il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto. La denuncia non e' necessaria se il venditore ha riconosciuto l'esistenza del difetto o lo ha occultato.

Questo per l acquisto del mezzo nuovo di concessionaria.

Vi sono però delle differenze con l acquisto dell usato.
Acquistare una moto tra privati (compra-vendita) non esiste il diritto ad una garanzia specifica ma solo l obbligo per chi vende di garantire che la moto "sia immune da vizi" che la possano cioè rendere inidonea all uso per cui è destinata ( esempio motore rotto o telaio fortemente piegato che ne pregiudica la sicurezza ecc) oppure un contakm che riporta un chilometraggio molto inferiore in modo da diminuirne in modo apprezzabile il valore successivamente.

Il venditore professionista (conce) invece deve consegnare una moto " conforme" , cioè idonea all uso cui di solito serve e che presenti quindi qualità e prestazioni abituali di una moto dello stesso tipo , tenendo conto della normale usura e dell età del mezzo. Condizioni che devono essere descritte in apposita scheda valutativa sottoscritta per accettazione da parte del cliente.
In questo caso si applica la garanzia annuale e non biennale , fatto salvo accordi in deroga specifici , scritti e accettati dalle Parti. Garanzia che tiene conto di diversi parametri per avere applicazione totale nella riparazione della moto , spesso a sfavore anche parziale per l acquirente ,( l usura ad esempio è una condizione negativa..)
Se invece il vizio andasse ad influire in modo determinante sulla possibilità di uso e valore della moto , in questo caso risulterebbe " non conforme" e il venditore sarebbe obbligato alla riparazione a totale sua cura e spese.

La legge prevede però , a favore dell acquirente, una strada percorribile prima di iniziare un contenzioso :
la richiesta al Giudice di competenza il cosiddetto "Accertamento Tecnico Preventivo"
L ATP , che si esegue tramite un proprio legale , permette di verificare con apposita perizia tecnica la sussistenza o meno dei requisiti per ottenere un risarcimento , un accordo transativo , lo scioglimento del contratto e restituzione del pagato o addirittura la sostituzione del mezzo.
Questo per evitare ricorsi al tribunale che , sempre con il dubbio dell esito positivo di una sentenza a proprio favore , possano avere dei costi economici non indifferenti , a volte superiore al valore di causa .

L importante è il rispetto da parte del acquirente di tutte le condizioni post vendita richieste dal venditore (esecuzione dei tagliandi nei tempi e modalità previste, notifica dei vizi occulti , nessun fai da te o fuori rete di assistenza ufficiale ecc.)
Notifica : sempre raccomandata A/R oppure email con Posta Certicata (le email normali a volte sono messe in discussione nel loro valore giuridico) diretta sempre al venditore e in taluni casi di non lieve entità o reiterata presentazione del vizio/ difetto , (sono due casi diversi ma ci dilungheremo troppo...) da inviarsi anche per p.c. (per conoscenza) al produttore/costruttore.

Come vedete non tutto è perduto , anzi la legge prevede una tutela molto importante a ns favore, non serve arrabbiarsi poichè si perde il lume della ragione e si rischia di fare figure non sempre bellissime... In una nota testata motociclistica, nell ultimo numero estivo, un motociclista possessore di una KTM ADV ha scritto alla redazione denunciando gli sbacchettamenti della propria ADV a velocità molto sostenuta, citando la sicurezza , il costo sostenuto per l acquisto e tante altre affermazioni negative ... terminando con la frase concettuale che da nessuna parte vi era scritto che sopra una certa velocità il mezzo dotato di apposite valigie non era più sicuro...
Risultato: il giornalista nella sua risposta , tra le varie cose ha riportato molto correttamente una selezione fotografica dell interno delle valigie originali KTM in cui svetta una splendida etichetta argentea in cui vi è riportato " Velocità max 150 km/h"...
Triade
 
Messaggi: 1288
Iscritto il: 28 nov 2014, 16:14

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda PaoloBi » 2 set 2015, 22:36

Grazie Triade e complimenti per il tuo utilissimo post.
Quindi la nostra moto con le valige laterali non può superare i 150?
Paolo
"Facendo finta che la gara sia arrivare in salute al gran finale"
Avatar utente
PaoloBi
 
Messaggi: 595
Iscritto il: 18 gen 2015, 20:23
Località: Colle Umberto (TV)

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda Triade » 2 set 2015, 22:40

Questo dato è riportato all'interno delle valigie originali KTM...
Triade
 
Messaggi: 1288
Iscritto il: 28 nov 2014, 16:14

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda EmaTriple » 3 set 2015, 0:58

Domanda da ancora non possessore: alcuni utenti che postavano foto relative all'interno coscia semiustionato o perlomeno rosso oltre l'accettabile..se si fossero portati in pronto soccorso ed uscendone con una prognosi di..boh..due giorni?tre?...facendo ben specificare in diagnosi e in ingresso al triage la storia della moto e consegnando il tutto al proprio legale di fiducia...cosa si sarebbe potuto ottenere da parte di ktm? Magari non un utente..ma alcuni..contando anche chi non è iscritto a nessun forum...

Altra cosetta..l'acquirente che acquista da privato, il quale garantisce quanto hai esposto sopra ecc, ha comunque diritto alla garanzia della casa madre perlomeno su tutto il territorio nazionale. Mentre alcuni concessionari mandano via il cliente dicendo che il lavoro in garanzia si deve fare"dove è stata acquistata"...qualcuno ci crede purtroppo...
Avatar utente
EmaTriple
 
Messaggi: 871
Iscritto il: 21 lug 2015, 16:50

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda Reeko » 3 set 2015, 1:17

Semi ustionato?!? Davvero c'è gente che si è ridotta così?
Per la storia delle valigie... 180 li potete fare anche con le borse tranquillamente, la casa mette il ferro dietro la porta e si tiene più bassa a 150. Io aggiungo... Ma carichi di bagagli, su una moto, che cosa pretendete di fare? Sono moto non station wagon per Giove!
Reeko
 
Messaggi: 105
Iscritto il: 21 ago 2015, 15:54

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda EmaTriple » 3 set 2015, 10:58

Reeko ha scritto:Semi ustionato?!? Davvero c'è gente che si è ridotta così?
Per la storia delle valigie... 180 li potete fare anche con le borse tranquillamente, la casa mette il ferro dietro la porta e si tiene più bassa a 150. Io aggiungo... Ma carichi di bagagli, su una moto, che cosa pretendete di fare? Sono moto non station wagon per Giove!


Sì non mi ricordo dove ho letto sta roba con tanto di foto...se lo ritrovo non so se posso mettere link di altri forum..
Per le borse, persino Givi sul manuale che allega sempre ai bauletti e che non legge mai nessuno, invita a non oltrepassare i (non ricordo se 140 o 150) per non compromettere la stabilità del veicolo..
Avatar utente
EmaTriple
 
Messaggi: 871
Iscritto il: 21 lug 2015, 16:50

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda Pestifero » 3 set 2015, 15:52

vado a prendermi una aspirina.. :rotlf:
Ktm 1190 ADV ALL BLACK
alias PACIFICO
Avatar utente
Pestifero
 
Messaggi: 3033
Iscritto il: 11 apr 2009, 8:17
Località: Como/Augusta

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda ronin » 3 set 2015, 16:29

Ciao Triade e grazie del tuo utilissimo apporto.
A volte la diatriba nasce dal palesare vizi "occulti" che il concessionario piu o meno innocentemente non ammette. In quel caso se io dico che c'e un ticchettio fastidioso sul cilindro posteriore comparso dopo la regolazione valvole che prima non c'era con conseguente rumore di smarmittamento.
Il conce dice che non e' vero mentre io insisto, che fai ?
Nel caso di un problema evidente come una perdita d'olio, una forcella che non forca, una ruota che non ruota etc etc :) li il discorso e' piu semplice
Avatar utente
ronin
 
Messaggi: 749
Iscritto il: 6 lug 2013, 0:01

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda Triade » 3 set 2015, 18:44

Ema Triple: la garanzia biennale della casa segue il veicolo , non il proprietario iniziale ma se acquisti ora un ADV usata da un privato , immatricolata nel 2013 , a seconda del mese ovviamente si è già fuori garanzia ( parti da settembre 2015 e torna indietro di 24 mesi... Per il quesito dell ustione... Lo giudico un grande azzardo per non dire assurdo cercare di inoltrare una richiesta di risarcimento alla KTM ( in prima istanza sarebbe al venditore..) per lesioni personali anche se lievi derivanti da una scottatura del tipo che illustri. Fermo restando che si deve valutare una denunzia querela penale per lesioni e anche se contestualmente se ne proponesse una civile con richiesta di risarcimento la vedo dura far credere al Giudice che il calore uscito da sotto o a fianco della carena è stato così imprevedibile , fulmineo , da non lasciarti il tempo di allontanarti dalla fonte del calore stesso.. Questa è solo una semplice obiezione, tra le tante , che il legale di controparte solleverebbe . Ripeto , è la prima eccezione semplicissima che penso , ma nel decorso della causa , le memorie difensive ex art 183 sono almeno tre quindi con tutto il tempo per la stesura di perizie di parte , di controparte e con la possibilità della nomina di un CTU indipendente da parte del organo giudicante. Con una tua perizia di parte dovresti dimostrare che quando hai iniziato a sentire il calore non ti è stato possibile allontanarti con la parte del corpo interessata...La vedo dura...anche nel trovare un legale che ti patrocini.. Situazione plausibile di converso nel caso sia dimostrabile un vizio occulto o difetto ad esempio come il tubo del carburante che si fessura a causa delle vibrazioni o di uno sfregamento anomalo contro una parte del telaio...fuoriuscita della benzina , fiammata improvvisa ed conseguente ustione (indipendentemente di 1 , 2 grado o superiore o su quanta percentuale del corpo fisico)...

La garanzia, se ufficiale della casa madre copre il veicolo in tutta Europa. Nel caso tu sia costretto a pagare all estero, la casa costruttrice ti rimborserà il conto della riparazione , fermo restando l adempimento ed il rispetto da parte del cliente di tutte le condizioni contrattuali inerenti l applicazione della garanzia.

Ronin : per vizio occulto si intende un qualcosa che visivamente non si può vedere al momento dell acquisto.
Ciò non esonera il venditore dall offrire la riparazione (o nei casi più gravi la sostituzione ) in garanzia come previsto dalla legge.
Il tuo caso è molto soggettivo in quanto il ticchettio fastidioso comparso dopo un intervento del conce è da dimostrare purtroppo con l onere della prova a tuo carico e sopratutto se ciò rende la moto non conforme alle specifiche della casa oppure e/o quindi inidonea all uso per cui è stata acquistata.
Se ritieni sia stata creata una situazione peggiorativa dello stato precedente al tagliando , una raccomandata a/r al conce è un atto dovuto , almeno in autotutela nel caso , ad esempio , che tra 100 km si ingrippasse il cilindro posteriore..
In ogni caso NON si deve far intervenire in modo autonomo , di propria decisione , professionisti esterni ( cioè assistenza non ufficiale della casa madre) per la riparazione . Il primo soggetto a cui spetta l informativa, notifica e l applicazione di ogni rimedio in garanzia è il venditore diretto dove è stata acquistata la moto.
Si andrebbe ad invalidare la garanzia ufficiale ( se ovviamente il mezzo ne è ancora coperto)..
Triade
 
Messaggi: 1288
Iscritto il: 28 nov 2014, 16:14

Re: Un pò di chiarezza ...

Messaggioda EmaTriple » 3 set 2015, 19:05

Triade intendevo assolutamente la garanzia della casa ancora attiva (se mi va in porto tutto ho la garanzia fino al 2017 quindi 8) )
La questione dell'allontanarsi tempestivamente dal veicolo è vera...diventerebbe un calvario assurdo...
Grazie delle risposte!
Avatar utente
EmaTriple
 
Messaggi: 871
Iscritto il: 21 lug 2015, 16:50

Prossimo

Torna a KTM 1190 Adventure

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti